header



«parole assasonč, paģe, slettrane»

“Parole stagionate, sedimentate; parole digerite, assimilate; parole letterate, dotte” (come dice «el Morato», l’abate Giacomo Morello) per Marisa.
Marisa Milani (1935-1997), allieva di Gianfranco Folena, storica della lingua italiana, della cultura e letteratura veneta, con particolare attenzione a quella pavana, ha insegnato Letteratura delle tradizioni popolari alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Padova.
Oltre alle edizioni di Alvise Cornaro (Orazione per il Cardinale Marco Cornaro e Pianto per la morte del Bembo, 1981, Scritti sulla vita sobria. Elogio e lettere, 1983) e di Niccolò Zotti (Il bosco del Montello, 1981), fra i suoi libri di argomento pavano ricordiamo: Vita e lavoro contadino negli autori pavani del XVI e XVII secolo, 1996; Antiche rime venete, 1997; «El pì bel favelare del mondo». Saggi ruzzantiani, 2000; fra quelli di tradizioni popolari: Antiche pratiche di medicina popolare nei processi del S. Uffizio, Venezia, 1572-1591, 1986; Piccole storie di stregoneria nella Venezia del ’500, 1989; Massime e proverbi goldoniani, 1994; Contro le puttane. Rime venete del XVI secolo, 1994; Streghe, morti ed esseri fantastici nel Veneto, (1980) 1994.


Marisa Milani, allieva di Gianfranco Folena, ha studiato i pavani, il Beolco, i pre- e post ruzantiani, dai primi autori tre-quattrocenteschi ad Alvise Cornaro, a Galileo, a Forzatè fino ai tardi imitatori settecenteschi, pubblicando testi, studi critici, glossari.
La ricordiamo, a vent’anni dalla scomparsa, non tanto con un bilancio della sua eredità scientifica, quanto cercando di vedere le questioni lasciate ancora aperte; ampliando il discorso agli studi demo-antropologici, che Marisa aveva condotto sulla contemporaneità (streghe, morti, esseri fantastici nelle credenze popolari venete) come sul passato (i processi per stregoneria, le puttane e le cortigiane), con nuove riflessioni storiche sull’Inquisizione, medicina e magia popolare, teoria e storia del teatro e dell’immaginario: interessi diversi ma sempre legati fra loro dal filo della dialettalità, della “popolarità”, nel segno di rigore metodologico e acribia filologica, di interpretazione linguistica congiunta all’esegesi storica e culturale, che erano la “marca” di Marisa. È una lezione che abbiamo imparato, direttamente o «per li rami», da un maestro come Folena ma che Marisa ha coltivato con personale penetrazione, a volte con caparbia singolarità, sempre con grande acume e finezza.



Indice Premessa



ISBN:9788867877713
Collana: Romanistica Patavina 12
Curatore: Ivano Paccagnella
Edizione: 2018
Stato: Disponibile
 

Codice 67879341
Autore Ivano Paccagnella (a cura di)
Titolo «parole assasonè, paìe, slettrane»
Sottotitolo Omaggio a Marisa Milani
ISBN 9788867879341
Collana Romanistica Patavina 12
Data Edizione 2018
Stato disponibile
 
Prezzo: 27.00
Quantitą

: *
: *
: *
Ricopia le lettere o i numeri che vedi nella figura:


*
Uomini d´onore e collaboratori di giustizia Minori stranieri e disagio sociale Archivi a.I n.1 (gennaio-giugno 2006)
€10.00
€10.00
€30.00
 
Valutazioni e questioni preliminari intorno alla proposta del Cammino di Sant’Antonio Capo Milazzo - Assisi - Padova In meno di quattro minuti Modelli fisico matematici
€16.00
€12.75
€20.00
 
Valutazione/autovalutazione degli insegnanti Educatori, anziani e servizi socio-sanitari Leigh Behnke
€13.00
€18.50
€15.00

Valutazione prodotto

Effettua l'accesso per votare

Recensione dei clienti

Non ci sono ancora recensioni su questo prodotto