0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Contro la pena di morte

  • Autore: Giuseppe Pelli (a cura di Philippe Audegean)
  • ISBN: 9788867872541
  • Collana: La filosofia e il suo passato 53
  • Data Edizione: 2014
  • Numero pagine: 160
Tags   # 

Giuseppe Pelli, patrizio fiorentino, è una figura di rilievo nell’Illuminismo italiano. In anticipo su Beccaria, la sua critica alla pena di morte appare come la più antica argomentazione organica contro un istituto al tempo universalmente praticato. Riscoperto solo di recente e finora inedito, questo saggio composto sul finire del 1760 documenta la precoce diffusione in Italia della sensibilità abolizionistica e conferma il rilevante contributo offerto dall’Illuminismo italiano nella battaglia contro la pena di morte, non a caso abolita per la prima volta in Toscana nel 1786. Il volume offre l’edizione critica di tale saggio, accompagnata da una puntuale introduzione che ricostruisce sul piano filosofico e giuridico la trama argomentativa di Pelli. Inutile, dannosa e ingiusta, la pena di morte è la cifra specifica dei regimi autoritari; incompatibile con le principali regole della giustizia, è indegna di un governo libero.


Philippe Audegean (1969) è maître de conférences all’Università Sorbonne Nouvelle (Paris 3). Fra i massimi esperti di Cesare Beccaria a livello internazionale, è fra l’altro autore del libro Cesare Beccaria, filosofo europeo (Roma 2014).

Indice e Prefazione



ISBN:9788867872541
Collana: La filosofia e il suo passato 53
Autore: Giuseppe Pelli
Curatore: Philippe Audegean
Edizione 2014
Stato: Disponibile

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello