0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Archeologia, Storia Antica e Orientalistica

Archeologia, Storia Antica e Orientalistica
Padova. La città di Tito Livio

Padova. La città di Tito Livio

€ 12,00

Il 2017 è l’anno in cui ricorre il bimillenario della morte di Tito Livio, il grande storico patavino autore della fondamenta­le opera Storia di Roma, che narra in forma annalistica gli even­ti dalla fondazione della “città eterna” (754-753 a.C.) alla morte di Druso (9 a.C.). In occasione delle celebrazioni culturali orga­nizzate dal Centro interdipartimentale di Studi liviani e da al­tre Istituzioni cittadine per onorare lo storico di Patavium, il Di­partimento dei Beni Culturali, in collaborazione con il Comune di Padova-Musei Civici e la Soprintendenza Archeologia Bel­le Arti e Paesaggio, ha deciso di realizzare il volume Padova. La città di Tito Livio. Si tratta di una guida archeologica a caratte­re divulgativo, ancorché fondata su solide basi scientifiche, vol­ta a presentare sia ai turisti sia alla cittadinanza l’aspetto e le ca­ratteristiche della Patavium quotidianamente vissuta, osservata, abitata da Tito Livio. Se è vero che la presa di coscienza e l’ana­lisi critica sui diversi aspetti del mondo odierno transita indero­gabilmente attraverso la conoscenza del proprio passato e del­le proprie radici, questa guida vuole essere un piccolo strumento per accompagnare il lettore alla ri-scoperta delle tracce di un passato che affiora silenzioso dalla città moderna. Padova. La città di Tito Livio è organizzata per brevi saggi che, dopo aver illustrato la storia della città e del territorio e aver for­nito alcuni spunti sui diversi aspetti della vita nella prima età im­periale (il mondo privato, l’economia e la produzione, la cultura artistica, il mondo dei morti), presentano sotto forma di schede i più importanti siti e monumenti della Padova romana dell’età di Tito Livio. Completano la guida un breve contributo sulle trac­ce di memoria post-antiche dello storico patavino visibili nella sua città natale e una presentazione del Museo Archeologico, do­ve sono i reperti stessi a testimoniare storie, ideologie, desideri di uomini di ieri che, come oggi, hanno abitato Padova. Indice Premessa ISBN: 9788867877812 Collana: Archeologia, storia antica, orientalistica Curatori: Jacopo Bonetto, Elena Pettenò, Francesca Veronese Con la collaborazione scientifica di Giulia Salvo Edizione 2017 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Egitto in Veneto

Egitto in Veneto

€ 20,00

C’è un sottile nastro che unisce Padova e Rovigo all’antico Egitto: un nastro d’acqua che lega le terre venete al Nilo, un filo azzurro che porta alla scoperta... In un percorso che unisce mummie, papiri, perle, sarcofagi, splendide stele dipinte dai vivaci colori e altre preziose antichità, in una mostra che espone l’Egitto tra Padova e Rovigo, si ripercorre un’indagine scientifica condotta da un’équipe di studiosi delle Università di Padova e Venezia nei diversi musei del territorio, con il sostegno della Regione del Veneto. La ricerca, nata dai primi interessi del padovano Giovan Battista Belzoni, del rodigino Giuseppe Valsé Pantellini e da Carlo Anti dell’ateneo patavino, continua oggi nel progetto EgittoVeneto, col sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo nell’ambito del “Bando Progetti di Eccellenza”. La mostra vuole trasmettere l’emozione della scoperta di straordinari reperti dell’antica civiltà egizia, nascosti mentre la città continua a vivere loro accanto. Paola Zanovello è professore associato di Archeologia e storia dell’arte greca e romana nel Dipartimento di Beni Culturali: archeologia, storia dell’arte, del cinema e della musica dell’Università degli Studi di Padova. Emanuele M. Ciampini è ricercatore universitario e titolare dell’insegnamento di Egittologia nel Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. ISBN:9788867870424 Collana: Archeologia, Storia antica e Orientalistica Curatori: Zanovello Paola, Ciampini M. Emanuele Edizione 2013 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Nuovi contributi per lo studio dei connotati personali nei documenti dell´Egitto greco-romano

Nuovi contributi per lo studio dei connotati personali nei documenti dell´Egitto greco-romano

€ 15,00

Nuovi contributi per lo studio dei connotati personali nei documenti dell'Egitto greco-romano è la tesi di laurea, senza aggiornamenti bibliografici e aggiunta di documenti, di Giuseppina Cernuschi, discussa nel 1948, all'Università Cattolica di Milano, con il celebre Aristide Calderini ed è un omaggio a una donna di valore che avrebbe potuto dare molto agli studi sull'Egitto antico. Preceduta dagli studi in ambiti analoghi di Alessandra Caldara e Johannes Hasebroek del 1921, e di Sandra Avogadro e Corrado Gini del 1931, la ricerca della Cernuschi prende in esame un centinaio di papiri egiziani pubblicati dopo il 1923. Si tratta di documenti riguardanti rapporti tra privati e tra privati e funzionari, contratti di compra-vendita, convenzioni di vario tipo, prestiti e mutui, liste di abitanti, ricevute, procure, concessioni, divisioni, affitti, ecc., dai quali si rilevano le notazioni che riguardano la descrizione degli elementi fisici più evidenti nell'aspetto umano per rendere immediato e incontrovertibile il riconoscimento dei soggetti. «Anche da questo breve lavoro – scrive Giuseppe Fassina nella Prefazione - si evidenzia che non si possono trarre che considerazioni alquanto relative sulle caratteristiche dell'homo egitiacus: a poco serve l'altezza 'perché in una popolazione alta gli individui possono esser detti medi, e gli altissimi alti', la pigmentazione originariamente molto scura si è mutata dal tempo dei re Hyksos in giallastra al tempo della conquista e della dominazione greca stante l'accresciuto numero di personale di origine straniera impiegato sotto le armi, la capigliatura è detta genericamente 'scura o addirittura nera', le malattie riscontrabili dalla descrizione degli occhi non si differenziano da quelle che affliggevano e ancora oggi affliggono le popolazioni del continente africano». Autore: Giuseppina Cernuschi (1924-2007). Dopo gli studi classici si si iscrive alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano dove si laurea nel 1948 discutendo con il professor Aristide Calderini, docente di Papirologia e di istituzioni classiche, una Tesi sui Connotati personali nei documenti dell'Egitto Greco Romano. Sollecitata con ripetuti inviti dal 1949 al 1952 alla pubblicazione del suo lavoro rinuncia alla carriera che le si voleva dischiusa alla di Lui Scuola per dedicarsi interamente alla famiglia e ai figli cui riservò sino alla fine tutto il suo amore e le sue cure con non poca delusione del Maestro che con l'ennesimo invito a colmare il vuoto lasciato disponibile su «Aegiptus» esprimeva il suo rammarico «per aver perduto la speranza per i miei 'connotati'», ma anche l'augurio che «essi siano completati da uno dei figlioli, quando saranno in età di poterlo fare». ISBN:9788861297104 Collana: Archeologia, storia antica e orientalistica Autore: Cernuschi Giuseppina Edizione 2010 Stato: Disponibile  

Non disponibile