0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Seminari di storia della lettura e ricezione, tra Italia e Francia, nel Cinquecento 3

  • Autore: Anna Bettoni
  • ISBN: 9788867872688
  • Collana: Seminari di storia della lettura e della ricezione, tra Italia e Francia, nel Cinquecento.
  • Data Edizione: 2014
  • Numero pagine: 140
  • Stato: disponibile
Tags   # 

Avvicinare alla didattica universitaria la ricerca che viene condotta in ambito umanistico sul messaggio del Cinquecento francese: questo è l’intento dei Seminari di storia della lettura e della ricezione. Li caratterizza un’analisi costante del libro, come tramite materiale di questo messaggio, l’analisi della sua circolazione nell’Europa dell’epoca, delle relazioni tra Italia e Francia nella vivacità di una cultura comune. I Seminari suggeriscono allo studente universitario la strada che conduce a un patrimonio a stampa, sempre tangibile nei fondi antichi delle nostre biblioteche, e che è la strada della ricerca.


Quattro piste d’indagine si rivolgono in questo volume al Pantagruel e al Tiers Livre di Rabelais (Nadine Kuperty-Tsur), all’opera romana di Joachim Du Bellay (Loris Petris), ai poeti italiani avuti in mano da Claude Expilly (Alessandra Preda), alla Rodomontade di Charles Bauter (Laura Rescia). Nel Cinquecento francese, la sfida lanciata da Rabelais contro i tabù e contro il falso sapere si scopre come un rivoluzionario passo in avanti, verso una vitalità che sia libera da contorni morali, concreta e corporea nella sua allegria (Rabelais). Così, ugualmente concreta, può essere la poesia, quel canto di una vita – o di un periodo della vita – che indagini d’archivio sanno rivelare come sorprendentemente più biografico, di quanto si potesse immaginare (Du Bellay). Sul finire del secolo, possono poi essere le tracce manoscritte, lasciate sui propri libri da un intellettuale appassionato e italofilo (Claude Expilly), a fornire l’immagine di una concretezza della lettura. Mentre nel primissimo Seicento è una riscrittura ariostesca ad andare nella direzione del tangibile: una pièce teatrale, costruita su prestiti e letture – dall’Ariosto e dall’Aretino a Philippe Desportes – che porta in scena Rodomonte, il più emblematico degli eroi dell’Orlando Furioso (Charles Bauter).

interventi di Nadine Kuperty-Tsur, Loris Petris,
Alessandra Preda, Laura Rescia


Prefazione



ISBN:9788867872768
Collana: Seminari di storia della lettura e della ricezione, tra Italia e Francia, nel Cinquecento.
Autore: Anna Bettoni
Edizione 2014
Stato: Disponibile

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello