0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Metis 2017

Ricerche di sociologia, psicologia e antropologia della comunicazione

  • Autore: Mariselda Tessarolo, Angelo Boccato (curatori)
  • ISBN: 9788867877966
  • Collana: Metis
  • Data Edizione: 2017
  • Numero pagine: 268
  • Stato: disponibile
Tags   # 

Questo XXIV numero di Metis si presenta come miscellanea di lavori riguardanti i giovani e i loro contatti con la società mediante cinema, cellulare, vita quotidiana e pornografia on line. Un secondo gruppo comprendente studi teorici su interessanti prospettive e, infine, alcuni lavori su diverse arti.

Daniele Morciano con Giovani e in­novazione: youth work come spazio di sviluppo per le culture giovani­li? si pone questa domanda perché le nuove generazioni non hanno più a loro disposizione solo spazi controllati dalle generazioni prec­edenti. Si può, infatti, parlare di ‘creatività tra i giovani’ che sta radicandosi in ambienti di apprendimento che si dimostrano prerog­ativa dei giovani. Cosimo Marco Scarcelli affronta in Oltre il piace­re: ragazzi e pornografia online un particolare aspetto del consumo giovanile che si concentra sulla pornografia. Dai risultati ottenuti emerge che il materiale pornografico è utilizzato, in particolare dal genere maschile, per comprendere meglio la sessualità. Angelo Ro­meo in Identità, esclusione e marginalità nei giovani napoletani dei Quartieri Spagnoli e di Scampia descrive come i giovani apprendo­no, crescendo, sia i modelli adulti più diffusi sia i modelli di solida­rietà. Nidia Batic in Il telefonino tra utilità e necessità affronta il tema dell’utilità dei cellulari e della telefonia mobile, accessibile a tutti in quanto soddisfa molte necessità e si pone come antidoto alla solitudine offrendo anche ‘tranquillità’ psicologica. Fiammetta Faniz­za con La costruzione della realtà sociale in un orizzonte culturale plurale. Charles Wright Mills e l’immaginazione sociologica ripren­de il concetto di ‘immaginazione sociologica’ intesa come capacità di riflettere su se stessi come soggetti liberi e non vincolati da tutte le influenze sociali che, in realtà, condizionano inconsapevolmente ogni momento della vita quotidiana. Adrian Lesenciuc in Dominant dichotomous pairs regarding culture and civilization. A romanian perspective osserva che i cambiamenti sociali implicano tensioni socio-economiche e culturali dando luogo a un’interdipendenza che indica l’opportunità e l’utilità di studiare i concetti chiave come coppie dicotomiche. Andrea Lombardinilo in ‘The use of force in society’. Pareto and the (Machiavellian) residue of violence parten­do da Pareto osserva come nella società attuale viene spesso dimostra­to che l’uso della forza sia molto importante perché anche l’azione politica si basa sulla simulazione e dissimulazione delle intenzioni. Amedeo Boros in Sangue e perdono. Narrazioni identitarie e inter­pretazioni del codice d’onore nell’Albania contemporanea presenta una ricerca sul codice d’onore detto ‘Kanun’ ancora presente e vivo nell’identità della popolazione locale. Alfonsina Scarinzi in Skillful Aesthetic Experience and The Enactive Mind presenta un lavoro relativo a quel settore definito ‘embodied mind’ inteso, in modo specifico, come esperienza estetica di consumo. Per quanto riguarda i lavori sull’arte Ilaria Riccioni in I fondamenti relazionali e socio­logici del teatro propone una riflessione sulla società attraverso il teatro che è stato da sempre in stretto contatto con la realtà sociale della quale è, talvolta, una rappresentazione che permette di porre tra parentesi e di riflettere sul collegamento tra realtà e finzione. Diana Salzano, Antonella Napoli e Mario Tirino in L’esperienza festivaliera: costruzione identitaria e stili di vita presentano i festival cine­matografici come mezzi tradizionali in continuo rinnovamento, mezzi utili per dare ritmo e forza a un’esperienza contemporanea­mente individuale e collettiva. Graziella Pagliano in Travestimenti comunicativi indaga su come la tragedia di Amleto venga spesso ripresa nella letteratura del xx secolo in particolare nel periodo tra tra le due guerre. Maria de São José Côrte-Real, in Revolutionary Songs, Human Mobility and Global Education presenta un lavoro sui canti rivoluzionari che hanno accompagnato e ancor oggi accom­pagnano le migrazioni e le rivolte popolari.



Indice



ISBN:9788867877966
Collana: Metis 2017
Curatori: Tessarolo Mariselda, Angelo Boccato
Stato: Disponibile

24,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello