0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Ingegneria

Ingegneria
Rotatorie e intersezioni stradali

Rotatorie e intersezioni stradali

€ 20,00

L’evoluzione della progettazione delle infrastrutture in rapporto alle esigenze e alle dinamiche urbanistiche-sociali richiede una analisi e un approfondimento dei modelli e soluzioni tipo definendo un sistema di calcolo conforme e compatibile con il Codice della Strada e le modalità di spostamento dei veicoli. In questo testo si espongono argomentazioni, formule specifiche e matrici che definiscono i flussi veicolari e gli spostamenti dei mezzi nell’attraversamento delle rotatorie, incroci e intersezioni a raso, assi viabilistici e spazio e tempi di permanenza nelle diverse problematiche e di queste si evidenziano le criticità e specificità. Si dimensiona un area urbanistica edificabile in relazione ai flussi veicolari e alle intersezioni presenti nell’area. Si allega un foglio di calcolo con sistema di calcolo automatico per affrontare concretamente i suddetti argomenti esposti con dimostrazione analitica e schemi grafici di intersezioni e rotatorie. Raffaele Pividori, architetto, ha dedicato molti anni a sviluppare un ragionamento analitico autonomo sulla quarta dimensione. Suoi sono i progetti di: “Parco Urbano dell’Adige”; “Progettazione delle Piazze A. Moro e I° Maggio e Via A. Gramsci” a Fiumicello (Ud); “Progettazione di edificio da adibire a Centro Visite ed Antiquarium del Foro a Aquileia”; “Complesso Edilizio Universitario a Cagliari”; “Progettazione del Padiglione Italia Expo 2015”. Tra le pubblicazioni: contributi all’interno di Piccoli Progetti (a cura di Francesco Tentori, Cluva 1990); Progettazione sui Centri Minori in “La Città al Limite” (1990); contributi all’interno di Il luogo degli incontri. La piazza nella città veneziana (a cura di G.P. Bolzani, Cev 1993); Analisi prezzi e dettagli costruttivi in bioedilizia (Alinea editrice, 2008); Valutazione delle aree edificabili e soggette ad esproprio (Il Sole 24 Ore 2010). Premessa ISBN:9788867877683 Collana: Ingegneria civile e architettura Autore: Raffaele Pividori Allegato: CD Rom con fogli di calcolo Edizione 2017 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Governare il territorio in Veneto

Governare il territorio in Veneto

€ 35,00

Il volume presenta in modo critico gli strumenti per il governo del territorio così come formulati nella Lur 11/2004, presentandone obiettivi, aspirazioni e limiti strutturali. Il testo non si limita, però, all’analisi dei contenuti della disciplina urbanistica della Regione del Veneto. Tenta piuttosto di inquadrarli all’interno dei processi di trasformazione che interessano la regione e soprattutto nel sistema dei paradigmi che hanno condotto dalla Pianificazione al Governo del territorio. L’obiettivo è lasciar comprendere come il governo del territorio sia chiamato oggi a fronteggiare problematiche e sfide nuove e dirompenti, costruire scenari di sviluppo equilibrati, delineare una strategia coerente dell’azione pubblica. In breve, più che ribadire l’imprescindibilità della pianificazione, si vorrebbe condividere la certezza della sua rilevanza pubblica. Michelangelo Savino è professore associato di Tecnica e Pianificazione Urbanistica del Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale (DICEA) dell’Università di Padova. È co-direttore della rivista «Archivio di studi urbani e regionali» dal 2007. La sua attenzione è rivolta ai processi di rigenerazione della città contemporanea, analizzando, oltre alle politiche e alle forme, soprattutto gli impatti sui processi di natura sociale, economica e politica. Dopo gli anni di intensa ricerca sulla “città diffusa” del Veneto, è tornato a occuparsi di organizzazione insediativa e di politiche territoriali. Tra le sue pubblicazioni, oltre a saggi e articoli in diversi volumi collettanei e riviste nazionali e internazionali, ha curato Waterfront d’Italia e (con Laura Fregolent) Città e politiche ai tempi della crisi, editi da FrancoAngeli. Indice Prefazione ISBN:9788867875719 Collana: Ingegneria civile e architettura Curatore: Michelangelo Savino Edizione 2017 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

35,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Ingegneria dell'industria agroalimentare

Ingegneria dell'industria agroalimentare

€ 35,00

L’opera Ingegneria dell’industria agroalimentare è suddivisa in due volumi. Il presente volume tratta di alcuni temi relativi ai prodotti alimentari e alla loro trasformazione: la reologia, il trasporto dei fluidi, l’estrazione per pressione, la decantazione, la centrifugazione, la flottazione, la filtrazione, la microfiltrazione, l’ultrafiltrazione, la nanofiltrazione, l’osmosi inversa, l’elettrodialisi, la trasmissione del calore, la pastorizzazione, la sterilizzazione e la concentrazione per evaporazione. A parte il tema della reologia, ciascuno degli altri coincide con una operazione unitaria, cioè con un singolo stadio della sequenza prevista per trasformare il prodotto agrario in cibo semilavorato o pronto per il consumo. Ogni operazione unitaria trova la sua realizzazione tramite una macchina e/o un impianto. Se è indispensabile che l’intero ciclo di trasformazione venga compiuto con la massima qualità e sicurezza e a costi competitivi, vuol dire che anche ogni operazione unitaria deve essere ottimizzata. Questo è possibile se si opera con strumenti per il calcolo della macchina/impianto in rapporto ai fenomeni di interazione della stessa con il prodotto in elaborazione al suo interno. Gli strumenti non possono che essere le modellazioni matematiche, né troppo elementari altrimenti i risultati ottenuti sono distanti dalla realtà che si vuole simulare, né troppo complessi perché, per costi e tempi eccessivi, diventerebbero inapplicabili. Dunque nelle pagine di questo volume, il lettore troverà, per ogni operazione unitaria, oltre alla descrizione ricca di schemi del funzionamento e dell’operatività della macchina/impianto, anche una adeguata modellazione matematica spesso in grado di sfociare in un criterio di dimensionamento. Il tutto è poi completato da applicazioni numeriche e molti dati relativi alle proprietà di vari prodotti alimentari. È stata data una impostazione didattica che, senza perdere di rigore scientifico, rende possibile lo studio proficuo del testo anche a chi non ha una precedente solida preparazione fisico-matematica. L’intendimento infatti è quello che il lettore, alla fine di ogni argomento, possa dire: “Ah, ma allora così è!”. Dario Friso, professore nell’Università di Padova, insegna Ingegneria dell’Industria alimentare, ambito nel quale svolge anche la sua attività di ricerca applicata. Indice Prefazione   Dario Friso, professore nell’Università di Padova, insegna Ingegneria dell’industria Alimentare, ambito nel quale svolge anche la sua attività di ricerca applicata.   ISBN: 9788867878017 Collana: Ingegneria industriale e dell´informazione Autore: Dario Friso Edizione 2017 Stato: non disponibile  

Non disponibile
Rischio sismico nei luoghi di lavoro

Rischio sismico nei luoghi di lavoro

€ 18,00

La sicurezza nei luoghi di lavoro è un problema che anima sempre i dibattiti e i discorsi tra professionisti, datori di lavoro e addetti. Ecco perché è necessaria una corretta valutazione dei rischi. Spesso però ci si sofferma su rischi minimi, quasi insignificanti e non si considerano quelli che ricoprono un’importanza fondamentale come il rischio sismico. Il problema risulta complesso e legato a molti fattori tra i quali spiccano gli elementi, definiti secondari, che in caso di scosse (anche lievi) possono provocare seri danni a cose e persone. Il presente volume cerca di dare alcune indicazione ai datori di lavoro, RSPP e alle figure coinvolte su come sia possibile valutare il rischio sismico di questi elementi secondari, attraverso una pianificazione ponderata degli stessi ed una più centrata valutazione sui pericoli fondamentali.   Ennio Casagrande (Nervesa della Battaglia – TV), laureato in Ingegneria civile idraulica all’Università di Padova, apre un proprio studio di Ingegneria occupandosi di consulenze nell’ambito della progettazione strutturale, idraulica e inerente il rischio sismico. Collabora attivamente con la società Casagrande Costruzioni Edili con la quale ha avviato diverse ricerche nell’ambito della progettazione strutturale. Per i tipi della Cleup ha pubblicato Introduzione all’analisi automatica di sistemi strutturali composti da funi (2011) e Metodi numerici per l’analisi sismica di dighe a gravità e opere accessorie (2013). Con il contributo di Matteo Berno Prefazione Indice ISBN:9788867873425 Collana: Ingegneria civile e architettura Autore: Ennio Casagrande Prefazione: Giovanni Finotto Edizione 2015 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Collaborative Research Practices and Shared Infrastructures for Humanities Computing

Collaborative Research Practices and Shared Infrastructures for Humanities Computing

€ 19,00

L’Associazione per l’Informatica Umanistica e la Cultura Digitale (Aiucd) promuove e diffonde in Italia la riflessione metodologica e teorica, la collaborazione scientifica e lo sviluppo di pratiche, risorse e strumenti condivisi nel campo delle “Digital Humanities” (Dh). Aiucd è associata alla “European Association for Digital Humanities” (Eadh), che riunisce gli studiosi di DH in Europa ed è rappresentata nella “Alliance of Digital Humanities Organizations” (Adho), che promuove e sostiene la ricerca digitale a livello mondiale. Questo volume raccoglie i contributi del secondo convegno annuale di Aiucd dedicato a ricerca collaborativa e piattaforme condivise per l'informatica umanistica. Il volume contribuisce ad arricchire il corpus di pubblicazioni scientifiche che rappresentano diverse aree del settore attive in Italia. Maristella Agosti è professore ordinario di Ingegneria informatica presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Università di Padova, e socio corrispondente dell'Accademia Galileiana di Scienze Lettere ed Arti. È autore di numerosi contributi nel settore dei sistemi di gestione dell’informazione. Francesca Tomasi è ricercatore di Ingegneria informatica presso il Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica, Università di Bologna. È autore di numerose opere e saggi nel settore delle Digital Humanities. Indice e Prefazione ISBN:9788867872602 Collana: Ingegneria industriale e dell´informazione Autori: Maristella Agosti, Francesca Tomasi Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

19,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Unbuilt houses

Unbuilt houses

€ 12,00

"I progetti non realizzati conservano un particolare fascino, grazie al loro nucleo formale inespresso: prefigurazione del futuro che si confronta con i fatti della realtà, ma che ne resta incontaminata. Come ha detto recentemente l’architetto Moshe Safdie, i progetti incompiuti custodiscono idee il cui significato può sempre essere fecondo: «si può fare reale esperienza solo di un progetto costruito: sono gli unici cui valga la pena di guardare come ambienti, perché sappiamo che cosa sono nella realtà [...]. Ma recentemente mi hanno detto: “Ci sono progetti simbolici e progetti fondamentali”. Mi piace. Simbolico è una cosa, ma un progetto fondamentale segna la differenza in termini di evoluzione. Ci sono molti progetti non costruiti che sono fondamentali. [...] In questo senso qualche volta un’opera non costruita ha comunque un peso enorme agli occhi di un architetto. Anche se un progetto non viene realizzato ciò non significa che le relative idee debbano restare non costruite per sempre." Dal testo di Stefano Zaggia EDOARDO NARNE, ricercatore di Composizione architettonica presso il Di­partimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale dell’Università degli Studi di Padova. Visiting Professor alla UAX di Madrid nel 2002 e allo IUAV di Venezia nel 2011. Si occupa in particolare di temi relativi alla progettazione dell’abitare contemporaneo. Tra i suoi testi: Abitare intorno ad un vuoto, Mar­silio 2012; L’abitare condiviso, Marsilio 2013; per CLEUP ha curato i volumi: New York - Chicago, la lezione americana, 2009; Daur Pavillon, 2011. Testi di Stefano Zaggia, Umberto Turrini, Cosimo Monteleone, Edoardo Narne Indice ISBN:9788867871575 Collana: Ingegneria civile e architettura Curatore: Edoardo Narne Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Costruzione di Macchine

Costruzione di Macchine

€ 22,00

Il testo si propone di fornire un supporto teorico e operativo per lo studente e il progettista che si avvicinano allo sviluppo e alla progettazione di componenti meccanici. Vengono trattate le problematiche classiche del calcolo tensionale e della stima della resistenza in presenza di sollecitazione statiche e affaticanti. Un’ampia raccolta di esercizi consente la verifica diretta e l’applicazione delle metodologie di calcolo proposte. Pensato con finalità didattiche il testo può offrire comunque utili spunti di carattere applicativo. Marino Quaresimin è professore ordinario di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine nel Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali dell’Università di Padova. Svolge attività di ricerca principalmente nel settore dei materiali compositi e nanocompositi a matrice polimerica, attività orientata allo studio della meccanica del danneggiamento a fatica e alla definizione di metodologie previsionali per la progettazione e l’ottimizzazione di componenti strutturali. È presidente della Società Europea per i Materiali Compositi (ESCM) ed editor europeo della rivista Composites Science and Technology.   Michele Zappalorto è ricercatore di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine nel Dipartimento di Tecnica e Gestione dei sistemi industriali. Svolge la sua attività di ricerca nell’ambito dell’analisi strutturale, con particolare riferimento all’effetto di intaglio e al comportamento a fatica e a frattura di componenti meccanici realizzati con materiali tradizionali e avanzati. Indice   ISBN:9788867873012 Collana: Ingegneria industriale e dell´informazione Autori: Marino Quaresimin, Michele Zappalorto Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

22,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Dinamica del volo spaziale

Dinamica del volo spaziale

€ 17,00

Questo volume vuole essere un supporto per gli studenti che frequentano il corso di Dinamica del volo spaziale dell’Università di Padova. Raccoglie alcuni esercizi richiesti negli anni passati all’esame scritto del corso. È nato dall’esigenza di raccogliere in formato più organico la correzione degli esercizi in modo da poter avere, in un unico testo, le diverse tipologie di quesiti richiesti: vi sono raccolte esercitazioni di manovre planetarie, manovre interplanetarie e infine esercizi sul corpo rigido. Gli esercizi hanno anche una indicazione della difficoltà che tiene conto sia della complessità della domanda sia della problematicità incontrata dagli studenti durante lo svolgimento; tale indicazione vuole essere solo una traccia del “tempo” necessario per il completo svolgimento. Giacomo Colombatti (1972) ha conseguito il dottorato di ricerca in Misure Meccaniche per l’Ingegneria nell’Università di Padova nel 2001. Si è occupato dell’analisi dei dati dello strumento HASI/Huygens che ha studiato l’atmosfera di Titano. Ha partecipato a progetti di analisi di dinamica dei sistemi a filo sia per conto dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) sia tramite Fondi Europei (FP7). Si occupa di dinamica e controllo di dirigibili per l’esplorazione planetaria. È ora coinvolto, come Lead CoI del sensore MarsTEM, nell’esperimento DREAMS a bordo della missione EXOMARS2016 dell’ESA. Indice e introduzione ISBN:9788867871766 Collana: Ingegneria civile e architettura Autore: Giacomo Colombatti Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Le scuole di Willem Marinus Dudok ad Hilversum

Le scuole di Willem Marinus Dudok ad Hilversum

€ 15,00

Il contributo di questo saggio è volto ad aprire una riflessione sull’opera dell’architetto olandese Willem Marinus Dudok la cui figura appare oggi dimenticata dalla critica contemporanea. Eppure la sua statura può essere affiancata, senza temere, al prestigio di architetti come Hendrik Petrus Berlage, padre della cultura architettonica razionalista olandese, o Michel de Klerk, massimo esponente della nota Scuola di Amsterdam. Si potrebbe dire, non a torto, che Dudok rappresenti il superamento delle posizioni antitetiche di Hendrik Petrus Berlage e Michel de Klerk portandole a compimento in una sintesi tra oggettivo e soggettivo, tra classico e romantico, nella consapevolezza che, tuttavia, l’eccesso di schematismo non è mai adeguato e sufficiente a spiegare le molteplici sfumature o sfacettature dell’esperienza. Questo scritto, non a caso, conclude le fatiche di un percorso di ricerca che ha attraversato, affrontandole, tanto l’opera di Hendrik Petrus Berlage quanto l’opera di Michel de Klerk e si pone pertanto a coronamento di una trilogia incentrata sull’esemplarità di figure che hanno occupato un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’architettura razionale, oltre i confini della patria, con un afflato di ampio respiro internazionale. Alessandro Dalla Caneva (Feltre, 1973) si è laureato in Architettura all’Università iuav di Venezia con Gino Malacarne, del quale è stato assistente prima presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia poi presso la Facoltà di Architettura “Aldo Rossi” dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, sede di Cesena. Allo iuav ha conseguito anche il titolo di Dottore di Ricerca in Composizione Architettonica, xxi ciclo, i cui esiti sono pubblicati in Le origini della forma (Padova 2011). È autore, inoltre, di Progetti urbani (Padova 2012). Attualmente collabora presso il diceadell’Università di Padova come cultore della materia al corso di Composizione Architettonica e Urbana 2. Indice e Introduzione ISBN:9788867871551 Collana: Ingegneria civile e architettura Autore: Dalla Caneva Alessandro Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello