0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Musica - Discipline dello spettacolo

Musica - Discipline dello spettacolo
Svetlana Avvakum | Сbеtлаha Aввакум

Svetlana Avvakum | Сbеtлаha Aввакум

€ 0,01

Catalogo della mostra Urbino, Oratorio di San Giovanni Battista 16 luglio - 5 agosto 2018 Урбино, Ораторий Св. Иоанна Крестителя 16 июля – 5 августа 2018 Mosca, Istituto Italiano di Cultura 19 settembre - 31 ottobre 2018 Москва, Итальянский институт культуры 19 сентября - 31 октября 2018 La splendida città rinascimentale d’Urbino con i suoi capolavori artistici, patrimonio dell’umanità UNESCO, funge da palcoscenico per i giovanissimi danzatori, allievi del Bolshoi Ballet Academy Summer Intensive, immortalati da Svetlana (Sila) Avvakum, una delle più talentuose e interessanti fotografe della scena del balletto classico internazionale. Immagini di un incanto senza tempo. La bellezza salverà il mondo, Fëdor Dostoevskij Прекрасный город Урбино славится многочисленными памятниками эпохи Возрождения, которые включены в список Всемирного наследия ЮНЕСКО. Он стал сценой для юных танцовщиков, учащихся летних интенсивных мастер-классов Академии Большого балета (Московской государственной академии хореографии), которых на своих фотографиях запечатлела Cветлана (Сила) Аввакум, одна из наиболее талантливых и интересных фотографов, работающих в области классического балета в разных странах мира. Её работы сохранят очарование этого искусства на все времена. Красота спасет мир, Фёдор Достоевский Per informazioni: francesca.bottacin@uniurb.it Presentazione ISBN:9788867879427 Collana: Musica - Discipline dello spettacolo Autore: Francesca Bottacin | под кураторством Франчески Боттачин Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

0,01

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Cornelia Mora Taboga

Cornelia Mora Taboga

€ 17,00

All’interno della storia minore della città di Padova si incontrano protagonisti estremamente interessanti, con un valore intrinseco spesso superiore a quanto si possa immaginare. Cornelia Mora Taboga fa parte di quella schiera di persone considerate appartenenti ad una “storia minore” della città, capace, però, con le sue peculiarità, di farsi conoscere come giornalista, pittrice, scenografa, regista teatrale, costumista. Il suo impegno nell’arte della rappresentazione, nella creazione di scene con pitture e bozzetti per il teatro ha delineato uno scenario che viene ancora oggi sostenuto dalla testimonianza di chi è stato protagonista degli eventi riconducibili a lei. Questo libro ricorda gli elementi salienti di questa donna del ’900 e li fissa in modo indelebile, per consentire una lettura critica dell’eredità, diretta ed indiretta, che ha portato nel Veneto, in generale, e a Padova, in particolare, un nuovo modo di concepire l’arte e il teatro. Alessandro Giuriati (Padova, 1972), laureato in Architettura a Venezia, si è avvicinato alla letteratura per passione, trovando in essa una modalità di espressione della sua personalità. Tra le sue pubblicazioni, la raccolta poetica Quadri di autore sconosciuto (Cleup 2014) e la raccolta di racconti Lontano dallo stato di veglia (Mediagraf 2016). Indice Prefazione ISBN:9788867879762 Collana: Musica - Discipline dello spettacolo Autore: Alessandro Giuriati Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Proiezioni d'amore

Proiezioni d'amore

€ 12,00

Di fronte ed oltre lo specchio che maschera, Proiezioni d'amore è un viaggio che anima e incontra in carne ed ossa i luoghi coscienti della mente e le emozioni inconsce e sconvolgenti più profonde. È una catarsi dei significati in uso sociale, che muoiono e rinascono all'arte del corpo infinito dell'uomo e alla poesia dell'amore.     La scrittrice Fulvia Minetti è Presidente dell'Accademia Internazionale di Significazione Poesia e Arte Contemporanea in Roma, in Convenzione Formativa con l'Università degli Studi di Roma Tre e del Premio Internazionale di Poesia e Arte Contemporanea Apollo dionisiaco per poesia, pittura, scultura grafica e fotografia; già Docente alla Facoltà di Scienze della Formazione presso l'Università degli Studi di Roma Tre, all'Accademia di Teatro Cassiopea e Ricercatrice di una Semiotica Estetica all'UPMAT e al Master in Musica e Arte Terapia alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Tor Vergata; è ArteTerapeuta presso lo studio medico S.A.M.A.R. Fra le pubblicazioni: Il piccolo manuale dell'educator viandante (2015, Cleup Università di Padova – Testo d'esame universitario); Abito educativo (2011, Aletti Editore – Rif. Bibliografico di tesi); Semi sonori (2012, Aletti Editore – Premio Marco Aurelio in Campidoglio, Roma 2012); Umbratile farfanelliano, Poesia dell'arte di essere teatro (2012, Aletti Editore – Premio Peter pan, Roma 2013); Soglie di sale (2013, Cleup Università di Padova – Premio Giovanni Pascoli – L'ora di Barga, Lucca 2013); Parole di pelle (2014, Cleup Università di Padova – Premio Nicola Zingarelli e nomina a membro della giuria al merito, Foggia 2014). www.accademiapoesiarte.it     L'artista Antonino Bumbica è Art director del magazine televisivo di arte, cultura e spettacolo Musa Tv, edito dall'Agenzia di Stampa Adnkronos e del Canale Sky Doctor's Life; Direttore artistico dell'Accademia Internazionale di Significazione e Poesia e Arte Contemporanea in Roma e membro della giuria del Premio d'arte contemporanea Apollo dionisiaco. In qualità di Graphic designer e di Illustratore ha segnato numerose collaborazioni fra le quali per il design con Topps Company Inc. di New York (1980); per l'editoria con il settimanale L'Espresso, Ulisse 2000 e Mucchio Selvaggio Edizioni; per la discografia: Cover album per RCA, BMG Ariola, Fonit Cetra, Stiff Record; per il cinema e la Tv: Artisti Associati di Renzo Rossellini, Warner Bros, United Artsist, 20th Century Fox, Buena Vista e per Walt Disney con Premio miglior promozione per il film Crimson Tide, Cover e spot televisivi di Renzo Arbore e l'Orchestra Italiana, programma Rai Tre Viaggio nei luoghi del Sacro (2001); Autore del soggetto cinematografico L'Intruso (1994), Regista del documentario Giovanni Scalambrini profeta dei migranti (1997) e della serie di Docu/Fiction Rai Il Colore dei Santi (1998).   ISBN:9788867875436 Collana: Musica - Discipline dello spettacolo Autore: Fulvia Minetti, Antonino Bumbica Edizione 2016 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Frottole libro Secondo

Frottole libro Secondo

€ 42,00

"Il progetto promosso dal Comitato per la pubblicazione di fonti relative a testi e monumenti della cultura musicale veneta ha lo scopo di mettere a disposizione degli studiosi il corpus frottolistico pubblicato tra il 1504 e il 1514 da Ottaviano Petrucci. L’edizione critica del Libro secondo, realizzata da Gianni Giacomazzo, si aggiunge ora a quelle dei Libri primo, sesto, settimo, ottavo, nono e undicesimo, restituiti da Cristina Di Zio Zannolli, Antonio Lovato, Lucia Boscolo, Francesco Facchin, Francesco Luisi e Giovanni Zanovello. Una costante di questa impresa è l’assestamento dei criteri di edizione che, sebbene dipenda dagli aggiornamenti suggeriti dall’ecdotica, è determinato soprattutto dalla ricerca di un giusto equilibrio tra il rispetto della natura dei testi e le esigenze dell’esecuzione pratica. Si tratta, infatti, di una poesia che impiega registri linguistici molto vari ed espressivi, ma che risulta ardua e impegnativa specialmente sul piano lessicale, perché gli idiomi volgari si mescolano con quelli della lirica colta e dei modelli latini, le variazioni e le citazioni dotte si intrecciano con quelle popolari e con i detti paremiologici, mentre la sperimentazione metrica si alterna al recupero di forme della poesia cortese e classica sia in latino che in volgare. Pertanto, considerati l’irripetibile impasto linguistico dei testi e gli esiti non meno originali del trattamento polifonico, che spesso rappresenta l’elaborazione artistica di canti popolari di tradizione orale, il Comitato ha scelto di attenersi al criterio conservativo, dal momento che gli interventi di ammodernamento avrebbero compromesso la forza comunicativa di questa poesia per musica. Al fine di agevolare l’accesso ai testi e l’esecuzione delle musiche, attenuando le difficoltà poste dal rigore filologico, nell’edizione le consuetudini grafiche ininfluenti sulla pronuncia vengono emendate secondo l’uso moderno, mentre gli apparati critici e le note forniscono le informazioni per una piena comprensione delle poesie nelle loro specificità sintattico-lessicali e per una corretta interpretazione delle intonazioni. Le osservazioni sono organizzate con l’obiettivo di mettere a fuoco gli aspetti utili ad apprezzare la varietà di queste composizioni in rapporto al corpus frottolistico del Petrucci e al contesto culturale al quale fu destinato. Nell’edizione delle musiche è stata semplificata l’organizzazione in battute riducendo la suddivisione delle misure ai più comuni tempi semplici e composti, nella consapevolezza del valore relativo di questa opzione, funzionale principalmente all’esecuzione pratica. Le scelte più problematiche sono discusse nelle schede critiche che, nel Libro secondo , dedicano un’attenzione specifica agli aspetti contrappuntistici e armonici in relazione al significato testuale. Per rispondere, poi, alla richiesta più volte sollecitata di poter disporre dei testi sottoposti integralmente alla notazione, è stato deciso di aggiungere all’edizione critica un’appendice in cui tutte le strofe di ogni singola composizione sono sottoposte alla sola voce del Canto. La revisione e l’aggiornamento degli strumenti operativi sono stati sorretti dalle informazioni critiche e bibliografiche accumulate durante l’edizione dei libri precedenti e dai contributi scientifici più recenti, che hanno permesso una conoscenza più approfondita del genere frottolistico e una sua valutazione critica più sicura. Arrivato all’edizione del settimo volume dei dieci libri di frottole stampati da Ottaviano Petrucci, il Comitato ritiene di avere raggiunto un metodo di lavoro affidabile e che, se non risolve ancora tutte le problematiche poste da questo repertorio, aiuti a meglio comprendere e interpretare le sue peculiarità." Premessa Antonio Lovato Antonio Lovato Presidente del Comitato per la pubblicazione di fonti relative a testi e monumenti della cultura musicale veneta Indice ISBN:9788867876556 Collana: Musica - Discipline dello spettacolo Curatori: Gianni Giacomazzo, Cristina Di Zio Zannolli Edizione: 2016 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

42,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
L'Organo a canne

L'Organo a canne

€ 11,00

Il saggio, frutto di approfondite ricerche svolte tra le varie testimonianze offerte dalla mitologia e dalla letteratura classica, ripercorre le tappe salienti che, nel corso dei secoli, hanno portato alla creazione dell’organo a canne, le cui origini restano tutt’oggi avvolte da una bruma di mistero. L’autore analizza dapprima la genesi di alcuni dispositivi semplici (come il flauto, lo zufolo e il fischietto) che, per l’uomo preistorico, potrebbero aver rappresentato i prototipi degli strumenti musicali melodici monocalami muniti di un labium: essi erano utili tanto per cacciare quanto per distrarsi nel tempo libero in cui non procurava il cibo per se e per la propria famiglia. Il clarinetto e l’oboe, precursori delle canne ad ancia dell’organo, ebbero larga diffusione tra i popoli mediorientali e vengono menzionati non poche volte nelle Sacre Scritture. La siringa, nota anche come mašrokita nell’originale lingua aramaica nel Libro del profeta Daniele, costituisce la prima forma di strumento musicale policalamo ad imboccatura di flauto; ad essa sono contrapposti la cornamusa e l’organo a bocca (o šêng), con elementi fonici ad ancia. Infine, il più complesso e corposo magréphah – citato sia nel Talmud Palestinese che nel Talmud Babilonese – sembra essere stato l’antesignano più diretto dell’hýdraulis, il progenitore del nostro organo pneumatico. Alberto Sabatini agli studi classici ha affiancato quelli musicali di Pianoforte, Composizione principale, Organo e Composizione organistica. Ha partecipato, nel 1998, al Secondo Concorso Nazionale di Composizione Classica di Savona ottenendo la «Particolare menzione per merito artistico». Organista di professione, è tra i più noti e apprezzati studiosi di arte organaria a livello nazionale; il suo incessante lavoro di ricerca musicologica ha prodotto innumerevoli saggi dati alle stampe per le maggiori case editrici. È dipendente presso la Delegazione della Santa Sede in qualità di organista titolare della Pontificia Basilica di Sant’Antonio in Padova. Indice Introduzione ISBN:9788867877898 Collana: Musica - Discipline dello spettacolo Autore: Alberto Sabatini Edizione 2017 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

11,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Interensemble 3.0

Interensemble 3.0

€ 22,00

Interensemble 3.0 - Il punto sui trent'anni Catalogo della mostra Padova, Sala della Gran Guardia 21 02 2015 | 22 03 2015 Il punto sui trent'anni di Bernardino Beggio Perché Per me fare il punto significa fermarsi un attimo per analizzare la situazione. Mettere il punto significa invece concludere un discorso. Le due cose sono diverse: la prima presuppone un arresto momentaneo finalizzato ad un proseguimento futuro, la seconda presuppone un arresto definitivo, per volgere eventualmente lo sguardo al passato. Ma il punto su questi trent’anni dell’Interensemble è l’una oppure l’altra cosa? Non saprei, ma di questo sono certo: gran parte di quello che il nostro gruppo creativo ha fatto è stato realizzato prescindendo dalla possibilità di una qualche utilità futura. Quasi sempre le cose le abbiamo fatte per il piacere di farle. Probabilmente per passione. E proprio la passione è una parola chiave per andare a srotolare questa pergamena di avvenimenti lunga trent’anni, che nasconde tra le sue pieghe e venature tante cose dimenticate, viaggi, incontri, discussioni, musiche, alcune bellissime e altre meno. In definitiva, la passione per il nuovo e stata la forza che ci ha fatto creare tutto ciò. Ci siamo chiesti, prima di intraprendere il lavoro che ha portato alla realizzazione di questo volume, che senso avesse raccontare la nostra storia andando ad aprire gli archivi, cartacei, analogici e digitali, ma soprattutto frugando negli archivi impalpabili delle nostre memorie personali. Anche se questa montagna di musica, di immagini e di parole e il frutto di quella passione di cui si diceva, e non del desiderio di essere messa in mostra, riproporla ora in forma di racconto all’attenzione di chi non l’ha vissuta con noi, ci sembra un’operazione quasi dovuta, e, forse, storica.   Una definizione Per cominciare, una definizione: Interensemble è un ensemble, prima di tutto, cioè un gruppo di persone che condividono passioni e obiettivi: la passione per la musica, con l’obiettivo principale della ricerca del nuovo. Il cammino percorso è lungo. Alcune persone del gruppo sono cambiate in questi anni, ci sono stati molti avvicendamenti, ma è rimasto un nucleo originario di 5 o 6 fondatori, che hanno trasmesso agli altri l’entusiasmo per l’avventura del nuovo. Il prefisso inter che sta davanti alla parola ensemble racchiude molti significati che si incrociano e, forse, anche un qualcosa di misterioso. All’inizio degli anni Ottanta era già stato fondato da qualche anno a Parigi l’Ensemble Intercontemporain, e in un certo senso volevamo riferirci a quell’esperienza lanciata in Francia da Pierre Boulez. Noi però volevamo per davvero far incrociare i percorsi di altre arti contemporanee con le contorte traiettorie della musica contemporanea. Nel nucleo originario dell’Interensemble c’erano, oltre a strumentisti e compositori, anche poeti, artisti di grafica e video, danzatori e coreografi, un architetto, un mimo e alcuni informatici. Indice Persone: trent'anni di collaborazioni ISBN:9788867873524 Collana: Musica-Discipline dello spettacolo Autore: Bernardino Beggio, Maurizia Rossella, Anna Trevisan Edizione 2015 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

22,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello
Cesare Pollini

Cesare Pollini

€ 20,00

Compositore e pianista di grande valore, Cesare Pollini (1858-1912) fu una significativa presenza nella vita culturale di Padova tra la fine dell’800 e l’inizio del ’900, ricordato come primo direttore dell’Istituto Musicale di Padova, a lui subito intitolato nel 1912 e in seguito divenuto Conservatorio Statale di Musica. Per il primo centenario della morte il Conservatorio di Padova ha realizzato il progetto «Pollini 2012», finanziato dalla Regione del Veneto (L.R. 16.03.2006 n. 4), completato da questo volume, che presenta ulteriori studi sulla figura e l’epoca del musicista, attraverso nuovi documenti e carteggi tenuti con musicisti italiani ed europei. Al volume è allegato il cd monografico Cesare Pollini. Antologia del Centenario: una ricca testimonianza della sua produzione, con l’esecuzione delle maggiori opere per orchestra e per pianoforte, oltre al celebre Trio-Suite op. 3 per violino, violoncello e pianoforte. Maria Nevilla Massaro è docente di Storia della Musica presso il Conservatorio “Cesare Pollini”di Padova, del quale è Direttore per gli anni accademici dal 2008 al 2014. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni di carattere storico-musicologico, ed è stata curatrice di importanti volumi, tra i quali Tartini. Il tempo e le opere (Bologna, il Mulino, 1994) e Cesare Pollini. Testimonianze (Padova, Cleup, 2008). Presentazione ISBN:9788867872589 Collana: Musica - Discipline dello spettacolo Curatore: Maria Nevilla Massaro Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

Quantità massima acquistabile per il prodotto raggiunta

Vai al carrello