0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Scienze giuridiche

Scienze Giuridiche
Modi della cognizione delle questioni pregiudiziali a crediti di lavoro nella verifica concorsuale

Modi della cognizione delle questioni pregiudiziali a crediti di lavoro nella verifica concorsuale

€ 18,00

Il libro affronta il problema dei modi della cognizione delle cause pregiudiziali a crediti di lavoro nel processo di accertamento del passivo concorsuale e lo fa prendendo le mosse dall’analisi critica dello stato del dibattito giurisprudenziale e dottrinale. L’indagine prosegue con un approfondimento dei temi generali dell’oggetto del processo di accertamento del passivo, della centralità in tale processo del principio del concorso formale e dell’opponibilità ai creditori concorrenti degli accertamenti giurisdizionali ottenuti al di fuori della cornice concorsuale, valorizzando la loro qualifica di terzi in relazione ai crediti altrui e ai rapporti o diritti a questi pregiudiziali. Sulla scorta dei risultati raggiunti, l’Autore propone una ricostruzione del sistema che cerca di contemperare al meglio gli interessi concorsuali della massa dei creditori con quelli individuali di ciascuno di essi, dentro e fuori la liquidazione giudiziale. Marco Rendina ha conseguito il dottorato di ricerca in Diritto processuale civile nell’Università degli Studi di Milano ed è cultore della stessa materia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È docente presso le Scuole Superiori delle Professioni Legali dell’Università degli Studi di Parma e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano oltre ad esercitare la professione forense. Indice ISBN: 9788854953017 Collana: Scienze giuridiche Autore: Marco Rendina Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Fusione ed estinzione di società di capitali e processi pendenti

Fusione ed estinzione di società di capitali e processi pendenti

€ 24,00

Lo studio si propone di rispondere al quesito, che si pone con sempre maggior frequenza, relativo alle conseguenze sul piano processuale di due importanti vicende della vita societaria: la fusione e la estinzione. Individuati gli effetti sostanziali di ciascun istituto, anche alla luce della evoluzione che lo ha caratterizzato dal cod. comm. ad oggi, il volume indaga e ricostruisce, prima in relazione alla fusione e poi alla estinzione societaria, gli effetti che queste vicende producono sui processi pendenti e le loro conseguenze sui processi instaurandi, passando in critica rassegna le diverse costruzioni avanzate al riguardo dalla dottrina e dalla giurisprudenza. Federica Godio, dottore di ricerca nell’Università di Padova, è ricercatrice di Diritto processuale civile presso l’Università di Roma La Sapienza. È autrice di articoli e saggi in materia; redattrice del Codice di Procedura civile. Commentario diretto da Claudio Consolo (Wolters Kluver Italia, 2018); membro del comitato di redazione di «Giurisprudenza Italiana» e di quello editoriale di «Responsabilità civile e previdenza». Indice Introduzione ISBN: 9788854953024 Collana: Scienze giuridiche Autore: Federica Godio Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

24,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Profili di integrazione amministrativa europea

Profili di integrazione amministrativa europea

€ 30,00

Il presente studio intende porre quesiti sugli sviluppi possibili del diritto amministrativo europeo e sulle prospettive di integrazione amministrativa in un contesto che vede in gioco le esigenze di anticorruzione, di trasparenza, di tutela dei dati personali, e le dinamiche dell’attività contrattuale dell’amministrazione pubblica. Il perseguimento dell’efficienza della contrattazione pubblica, in particolare, presuppone che le procedure di affidamento debbano avere come finalità, attraverso la messa in concorrenza, la selezione dell’offerta migliore. In tal modo, funzionalizzando la concorrenza agli obiettivi di efficienza si riducono gli spazi entro i quali può avere luogo la corruzione. Il Trattato di Lisbona promuove i criteri di indipendenza, trasparenza, efficacia ed apertura alla partecipazione della società civile, elementi caratterizzanti la governance amministrativa europea. Guglielmo Bernabei è avvocato amministrativista e professore a contratto in Istituzioni di Diritto pubblico e Diritto sanitario nell’Università di Ferrara. È autore delle monografie Carattere provvedimentale della decretazione d’urgenza. L’amministrazione con forza di legge (Cedam 2017), vincitrice della Settima Rassegna giuridica nazionale - Premio Cuocolo, Autonomie e finanza locale (con G. Montanari, Cleup 2017), L’Italia dei Comuni. Prospettive di sviluppo per il sistema di governo locale (Cedam 2018), e di volumi collettanei tra i quali Tributi propri ed autonomie locali. Difficile sviluppo di un sistema di finanza propria degli enti locali (Primiceri 2016) e Fiscalità locale. Ricerca di un difficile equilibrio (con G. Montanari, Aracne 2016). Ha curato il volume Regionalismo differenziato e coordinamento della finanza pubblica (con G. Montanari, Cleup 2019). Indice Prefazione di Francesco Ronchi Introduzione ISBN: 9788854952140 Collana: Scienze giuridiche Autore: Guglielmo Bernabei Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

30,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il mondo-dato

Il mondo-dato

€ 19,00

Il filo conduttore dei saggi raccolti in questo volume è il “ciclo della datificazione”, vale a dire quella modalità di organizzazione dell’esperienza che si muove attraverso la sequela ricorsiva eventi-dati-conoscenza-decisione-azione-eventi. Quello che è il tipico modo di pensare l’efficientamento di un’organizzazione sta divenendo la struttura fondamentale dello sviluppo complessivo delle società più evolute, assurgendo a nuovo paradigma universale di interpretazione e di orientamento della prassi che ha nella manipolabilità il suo tratto essenziale. Riflettendo su ciascun momento della datificazione, l’Autore indaga i profili ideologici, epistemologici e giuridico-sociali di una trasformazione che ha già sfidato la capacità di resistenza delle categorie fondamentali della comprensione giuridica contemporanea espresse in particolare nei diritti della persona.   Claudio Sarra è professore associato di Filosofia del diritto e Metodologia e Informatica giuridica nell’Università di Padova. È autore di numerose pubblicazioni dedicate alla filosofia del diritto e del linguaggio giuridico, all’epistemologia giuridica e alla teoria delle fonti nonché all’incidenza della datificazione sulla ricodifica del fenomeno giuridico. Per i tipi della Cleup ha pubblicato Diritto e Ordine. Riflessioni sul sistema delle fonti del diritto e sulla sua crisi (2012). Indice Prefazione a cura dell'Associazione Italiana Giovani Avvocati - Treviso ISBN: 9788854951747 Collana: Scienze giuridiche Autore: Claudio Sarra Edizione 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

19,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Casi e pareri di diritto civile

Casi e pareri di diritto civile

€ 35,00

Concepito in chiave innovativa per essere uno strumento operativo realmente utile ed efficace nella preparazione della prova scritta di diritto civile per l’esame d’avvocato, il testo si compone di un’ampia scelta di tracce (i Casi), corredate da uno svolgimento completo e realistico del tema proposto (il Parere), da un abstract delle problematiche giuridiche che vengono di volta in volta in luce (il Punto), da una bibliografia essenziale e, infine, dal testo della pronuncia di riferimento (la Sentenza). Proprio per il carattere di ausilio eminentemente pratico, caratteristica peculiare dell’opera, tutti i casi sono stati costruiti e sviluppati sulla base della giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione degli ultimi anni: una giurisprudenza, dunque, che copre un lasso di tempo evidentemente significativo ai fini della preparazione dello scritto, selezionata in un libro che ha l’ambizione di servire all’esercizio e alla preparazione dei candidati a cui è rivolto. In questo modo, al praticante che si appresti a sostenere l’esame di Stato viene offerto sia uno sguardo ampio e attuale sul diritto vivente, sia una ricca esemplificazione di pareri rispondente a un modello pensato per essere aderente alle concrete possibilità di un candidato medio in sede d’esame. Realizzato appositamente per i praticanti avvocati che si trovino in prossimità degli scritti, il testo vuole coniugare rigore e semplicità, chiarezza e sintesi, nel perseguimento del suo preciso obiettivo: aiutare i candidati a superare la prova scritta di diritto civile attraverso una esercitazione realistica, fondata non su una casistica puramente astratta o meramente dottrinale, ma sulla concretezza delle pronunce della Corte di Cassazione più recenti e, dunque, di sicuro interesse ai fini dell’esame. Riccardo Mazzariol è ricercatore di diritto privato (R.T.D. lett. b) presso il Dipartimento di Diritto Privato e Critica del Diritto dell’Università di Padova. È docente di Diritto dei contratti d’impresa nella medesima Università e collabora con la Scuola di Specializzazione in Professioni legali delle Università di Ferrara, di Padova, di Ca’ Foscari e di Trieste. Autore di vari articoli su rivista e di due opere monografiche (“Comproprietà e vendita di cosa altrui” e “Convivenze di fatto e autonomia privata: il contratto di convivenza”), la sua principale area d’indagine è rappresentata dal diritto patrimoniale della famiglia e dalla materia contrattuale e successoria. Indice e Prefazione ISBN: 9788854951518 Collana: Scienze giuridiche Curatore: Riccardo Mazzariol Edizione: 2019 Stato: Disponibile presso l'Ordine degli Avvocati di Treviso

Non disponibile
Il silenzio del legislatore sulla sorte degli embrioni sovrannumerari

Il silenzio del legislatore sulla sorte degli embrioni sovrannumerari

€ 15,00

Gli embrioni soprannumerari sono tutti quegli embrioni che residuano da cicli di fecondazione artificiale e che, a causa di un’anomalia genetica o semplicemente perché in sovrannumero rispetto al quantitativo necessario ai fini dell’inseminazione in utero, giacciono in uno stato di crioconservazione a tempo indeterminato, non essendo per loro prevista alcuna sorte, né dal punto scientifico, né dal punto di vista giuridico. La Legge nr. 40/2004 nulla accenna in merito alla loro possibile destinazione, ed il Giudice delle Leggi si trova nell’obiettiva e concreta difficoltà di pronunziarsi. A distanza di quindici anni dall’emanazione della legge italiana sulla procreazione medicalmente assistita, il silenzio che avvolge la questione è diventato assordante. Esigenze sempre più impellenti di carattere scientifico e giuridico, spingono gli interpreti a suggerire al legislatore diverse soluzioni al problema. L’adesione all’una o all’altra delle tesi prospettate determinerà, finalmente, il destino di quelle che sono attualmente solo “vite sospese”. Cristina Iacone (Napoli, 1994) collabora con la cattedra di Diritto Civile e di Diritto Privato Comparato dell’Università Federico II di Napoli. In particolare, la sua area di ricerca inerisce allo studio delle problematiche concernenti il diritto di famiglia, in chiave comparatista rispetto al diritto degli altri ordinamenti, con puntuale riferimento alle questioni etiche e giuridiche ad esso connesse. Recentemente ha collaborato con la rivista giuridica telematica www.diritto.it per la stesura di articoli di attuale interesse giuridico. ​​​​​​​ Indice ISBN: 9788854950870 Collana: Scienze giuridiche Autrice: Cristina Iacone Edizione: 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello