0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Scienze matematiche, fisiche e naturali

Scienze Matematiche, Fisiche E Naturali
PLaNCK! N. 24 - Ottobre 2021 - Gennaio 2022

PLaNCK! N. 24 - Ottobre 2021 - Gennaio 2022

€ 8,50

PLaNCK! N. 24 - Ottobre 2021 - Gennaio 2022 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese QUANDO IL METODO ENTRA IN SCENA di Vincenzo Crupi Spesso sentiamo dire che la scienza si fonda sul suo metodo, cioè su in insieme di regole. Altre volte, che l’evoluzione della scienza richiede creatività, cioè l’invenzione di nuove idee. A prima vista, non è facile conciliare queste due asserzioni. In fondo, se abbiamo ottenuto un risultato seguendo scrupolosamente certe regole, di solito non lo consideriamo un esempio di creatività. Sembra un problema astratto, ma in un certo senso è molto attuale. Perché dovremmo seguire ciò che le scienze dicono, per esempio quando si tratta di fare un nuovo tipo di vaccino? Molti direbbero: in virtù del metodo scientifico! È la stessa cosa che insegnamo – più o meno esplicitamente – ai ragazzi e alle ragazze che studiano fisica, biologia o medicina. D’altra parte, chi ha analizzato il modo in cui le scienze davvero funzionano (filosofi, storici, sociologi) le descrivono come costruzioni della mente umana, per questo appunto creative, sì, ma inevitabilmente provvisorie. E c’è anche chi si è spinto a dire che forse il metodo scientifico… non esiste affatto! In questa lettera, cari lettori e care lettrici di PLaNCK!, vorrei solo dirvi che secondo alcuni (e anche secondo me) c’è una soluzione a questo apparente dilemma. Ecco, in poche parole, come funziona – siete pronti? Quando si tratta di nuove idee, possiamo dire che “tutto fa brodo”. A volte le regole ci aiutano, ma un’ispirazione importante può anche arrivare in modo casuale, mentre ci stiamo occupando di qualcos’altro. È un’esperienza che tutti e tutte conosciamo, e in questi casi quel che conta è il risultato. Attenzione, però. Nelle scienze, avere nuove idee è fondamentale, certo, ma non è sufficiente. Qui entra in scena il metodo: dopo essere state elaborate, le idee scientifiche devono essere valutate e messe alla prova. Così, se volete difendere un’idea scientifica e convincere gli altri, allora le regole ci sono e vanno rispettate. Come si fa? Beh, bisogna collegare le ipotesi e le teorie con i fatti. Un’ipotesi o teoria è buona se ci aiuta a capire i fatti, e magari a prevederne di nuovi. I fatti delle scienze, poi, hanno una caratteristica fondamentale: se qualcun altro vuole controllarli, deve poterlo fare. Questo vale per una misurazione, per un ragionamento matematico, ma anche, per esempio, per un documento storico. Ecco allora che il metodo così interpretato non solo esiste, ma riguarda anche le scienze che studiano gli umani e la loro storia: un punto interessante che non dovremmo dimenticare. Ma adesso, cari lettori e care lettrici, il mio spazio è finito, ed è il momento di dirvi: buona lettura! Vincenzo Crupi insegna Logica e Filosofia della Scienza. Ha studiato e lavorato in diversi posti fra cui Londra, Marsiglia, Venezia e Monaco di Baviera, e ora è Professore all’Università di Torino. Ha scritto molti articoli di ricerca su temi filosofici tradizionali, come la razionalità umana, le sue forme e i suoi limiti, servendosi anche di strumenti usati dagli scienziati (per esempio, la teoria della probabilità) e collaborando con alcuni di loro, soprattutto psicologici sperimentali e medici. Indice Il team di PLaNCK! Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano   REDAZIONE E COLLABORATORI Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrice editoriale: Agnese Sonato Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Francesco Zani, Bianca Maria Scotton, Serena Maule, Laura Paneghetti, Andrea Frison Fumetto Disegnatrice: Bianca Maria Scotton Assistente colorist: Gioia Beghin Sceneggiatrici: Bianca Maria Scotton, Agnese Sonato Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule, Martina Tardivo, Sarah Libanore Progetto grafico e impaginazione: Francesco Zani Testata: Stefano Pozza   ISBN: 9788854953376 Collana: PLaNCK! n. 24 Curatore: Associazione Accatagliato Edizione 2021 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

8,50

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 23 - Maggio 2021

PLaNCK! N. 23 - Maggio 2021

€ 7,00

PLaNCK! N. 23 - Maggio 2021 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese LETTERA AI PIÙ GRANDI di Marco Ciardi Cos'è davvero la scienza Ecco cosa non dovremo mai dimenticare   Se vi è capitato di sentire dire da qualcuno che leggere Harry Potter fa male, che non aiuta i ragazzi a crescere bene, beh, sappiate che si è sbagliato di grosso. Perché riempire la testa dei giovani lettori con storie di maghi e streghe, di unicorni, ippogrifi e altre creature fantastiche? La risposta a questa domanda è già stata data, alcuni secoli fa, da uno degli inventori della scienza moderna, Galileo Galilei: quando leggiamo un libro di fantasia non è importante che quello che c’è scritto dentro sia vero. Però sviluppare l’immaginazione e la creatività sin da piccoli ci sarà di grande aiuto in qualsiasi attività svolgeremo da grandi. La lettura preferita di Galileo era un libro di Ludovico Ariosto, l’Orlando furioso, praticamente l’Harry Potter dei suoi tempi. E non pare che quella lettura gli abbia impedito di diventare un grande scienziato. Anzi, forse lo è diventato proprio per quello. Personalmente continuo ad essere affascinato dai misteri nello stesso modo in cui lo ero da ragazzino. Quando ho capito che questa attitudine è quella che caratterizza l’attività di ogni scienziato mi sono sentito molto rincuorato. Albert Einsten ha scritto: “Lo studio e la ricerca della verità e della bellezza rappresentano una sfera di attività in cui è permesso di rimanere bambini per tutta la vita”. E la sua amica Marie Curie si è espressa nello stesso modo: “Sono tra coloro che pensano che la scienza abbia in sé una grande bellezza. Uno scienziato nel laboratorio non è soltanto un ecnico; è anche un bambino posto di fronte a fenomeni naturali che lo impressionano come fossero fiabe”. Quando i bambini terminano la scuola primaria, accade qualcosa che spezza il legame tra la scienza e il mondo dell’immaginazione. L’insegnamento delle materie scientifiche si trasforma in un insieme di nozioni da imparare a memoria, che poi vengono rapidamente dimenticate. E così si finisce per non capire più cosa è la scienza. Mentre oggi più che mai avremmo bisogno di capirla davvero.   Marco Ciardi è professore ordinario di Storia della scienza e delle tecniche all’Università di Firenze. Si occupa di storia del pensiero scientifico moderno e contemporaneo, studio dei rapporti tra scienza e società, tra scienza, filosofia e letteratura (fantascienza e fumetti inclusi), tra scienza, pseudoscienza e magia, e dell’analisi delle relazioni tra cultura scientifica, educazione e democrazia. È autore di oltre 200 pubblicazioni, sia in Italia che all’estero. Si occupa anche di divulgazione storica e scientifica, è membro del Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP) e presidente del gruppo locale Toscana. ___________ Si parte (anche) da un sogno... di Andrea Frison Amiche ed amici di PlaNCK! bentornati! Lo avete mai visto il cartone animato “La spada nella roccia”? Beh, ad un certo punto il  protagonista Semola racconta al suo maestro Mago Merlino che il suo sogno più grande è volare alto nel cielo. Merlino allora lo trasforma in un uccello e per insegnargli a volare gli dice tutto quello che ha imparato studiando gli uccelli, le loro ali e i loro voli. Ecco, oggi non possiamo trasformarci in uccelli, ma possiamo volare grazie a chi osservando la natura ha capito come si potevano costruire macchine capaci di staccarsi da terra e di librarsi nel cielo. Insomma, la scienza si nutre anche di sogni e di immaginazione, e se siete sicuri di saperne di più, gustatevi questo nuovo numero di PLaNCK! Buona lettura! Indice Il team di PLaNCK! Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano   REDAZIONE E COLLABORATORI Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto Disegnatrice: Bianca Maria Scotton Assistente colorist: Gioia Beghin Sceneggiatrici: Bianca Maria Scotton, Agnese Sonato Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Manuel Ballatore e Stefano Bertacchi ISBN: 9788854953369 Collana: PLaNCK! n. 23 Curatore: Associazione Accatagliato Edizione 2021 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 22 - Gennaio 2021

PLaNCK! N. 22 - Gennaio 2021

€ 7,00

PLaNCK! N. 22 - Gennaio 2021 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese LETTERA AI PIÙ GRANDI Le esplorazioni che faremo   Era l’inverno del 1995, io avevo appena sette anni ed andavo in prima elementare! Mentre guardavo le nuvole chiedendomi se potessi o no aspettarmi della neve prossimamente, senza saperlo, attraverso nuvole ben diverse, a centinaia di milioni di chilometri da me, una sonda spaziale chiamata Galileo, costruita da esseri umani, stava facendo qualcosa di incredibile: stava scendendo dentro l’atmosfera di Giove, il più grande pianeta di tutto il Sistema Solare! Non solo nessuno aveva mai visto Giove sotto le nuvole, ma nessuno aveva mai nemmeno tentato di farlo. Mi piace pensare che mentre io da bambino guardavo il cielo notturno, magari i miei occhi sono casualmente passati anche su un puntino più luminoso degli altri, senza nemmeno sapere che proprio lì, c’era una sonda che stava tentando di fare l’impossibile ed esplorare un posto fatto di nuvole grandi più di interi continenti, e tempeste con venti così veloci da poter portare a spasso dinosauri come fossero piume! La piccola sonda fu progettata quasi come un sottomarino, nel modo più resistente che potevamo immaginare, con l’obbiettivo di sprofondare in un mare di nuvole invece che di acqua. Riuscì nella sua impresa per ben 61 minuti, mandando indietro dati riguardo alla composizione chimica di quelle nuvole, alla temperatura, la velocità dei venti e molto altro ancora. La storia dell’esplorazione spaziale è piena di momenti così, in cui ci siamo avventurati verso nuovi orizzonti con tecnologie che non esistevano prima e che avevamo inventato da zero. Siamo andati su Venere dove è così caldo che il piombo diventa liquido, e siamo riusciti addirittura a fare foto dalla superficie! Abbiamo mandato robot a scalare montagne su Marte e altri ad atterrare vicino a laghi di metano liquido su Titano, la più grande luna di Saturno! Pensate che siamo persino atterrati su una cometa e abbiamo riportato sulla Terra frammenti di asteroidi e persino del vento solare! Non abbiamo mandato solo robottini però, ma anche umani, costruendo persino delle mini navicelle spaziali a forma di umano, che chiamiamo “tute spaziali”. Siamo riusciti a lanciarli persino sulla Luna, dove sono rimasti per giorni per fare scoperte. Ora invece ci stiamo preparando per mandare le prime persone verso Marte! Quelle che abbiamo visto fino a qui sono solo un assaggio delle avventure incredibili che ci attendono ancora perché nei prossimi anni ritorneremo sulla Luna con altri esseri umani per costruire una base lì. Poi lanceremo nuovi enormi telescopi spaziali, sonde che andranno alla ricerca di vita extraterrestre e molto altro ancora. Quello che faremo però, dipende anche da voi. Che esplorazioni vorreste fare? Verso quale orizzonte ci avventuriamo ora? A voi il futuro.                                                                         Adrian Fartade     Adrian Fartade è un divulgatore scientifico, youtuber e scrittore che si occupa di astronomia e astronautica. Nato nella città di Bacău, in Romania, si trasferisce in Italia all’età di quindici anni, dove studia informatica alle scuole superiori e si laurea in storia e filosofia all’Università di Siena, in Toscana, con un percorso di studi specializzato in scienza ed astronomia. Nel frattempo studia anche recitazione. È da sempre un grande appassionato di astronomia e nel 2009 ha creato la piattaforma web Link2universe oltre al canale YouTube Link4Universe, dove pubblica molti video che parlano delle più recenti scoperte in campo astronomico e dello sviluppo del settore astronautico. Ha scritto A piedi nudi su Marte (Rizzoli, 2018), Su Nettuno piovono diamanti (Rizzoli, 2019) e Come acchiappare un asteroide (Rizzoli, 2020). Indice Il team di PLaNCK! Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano   REDAZIONE E COLLABORATORI Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto Disegnatrice: Bianca Maria Scotton Assistente colorist: Gioia Beghin Sceneggiatrici: Bianca Maria Scotton, Agnese Sonato Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Manuel Ballatore e Stefano Bertacchi ISBN: 9788854951594 Collana: PLaNCK!, 22 Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2021 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 21 - Settembre 2020

PLaNCK! N. 21 - Settembre 2020

€ 7,00

PLaNCK! N. 21 - Settembre 2020 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese LETTERA AI PIÙ GRANDI Scienza e sport: un legame imprescindibile   È il 1924 e siamo in Inghilterra, per la precisione all’Università di Cambridge, in un campo d’atletica leggera in terra battuta. Gli atleti, tra cui Eric Liddell e Harold Abrahams, si stanno allenando per le Olimpiadi. Tocca ai 100 metri piani e prima di partire ogni atleta deve scavare nella terra delle buche in cui posizionerà i piedi per la partenza. Ecco, questo si vede in una scena di Momenti di gloria, un film del 1981 diretto da Hugh Hudson tratto storia vera degli universitari di Cambridge che si allenavano per le Olimpiadi di Parigi del 1924. Una scena alquanto strana se pensiamo ai campi di atletica così come li conosciamo, realizzati non in terra battuta ma con materiali molto più “comodi” per la corsa (il più diffuso si chiama “tartan”), o se pensiamo ai moderni blocchi di partenza, comparsi per la prima volta nel 1927 e che di certo sono tutt’altro rispetto a delle semplici buche nella terra. Ecco, questo è solo un esempio di come siano cambiate alcune tecnologie dell’atletica leggera, e di come negli anni siano cambiate, più in generale, le tecnologie nello sport. Oggi troviamo materiali innovativi nei campi sportivi o negli attrezzi utilizzati dall’atleta, modelli di scarpe che aiutano a migliorare il gesto sportivo. Troviamo anche tecnologie che aiutano lo sportivo in maniera “indiretta”, e cioè che non sono un aiuto al gesto sportivo in sé ma aiutano chi fa sport a controllare il proprio corpo in modo da conoscerlo al meglio e poter sfruttare questa conoscenza per migliorare il gesto sportivo. Un esempio di queste “tecnologie indirette” sono i cardiofrequenzimetri che monitorano il battito cardiaco, oppure anche i sensori per il monitoraggio della qualità del sonno, il miglior recupero per chi pratica sport. Insomma, tecnologia e sport, o meglio, più in generale, scienza e sport, hanno un legame strettissimo, ce l’hanno sempre avuto e negli ultimi vent’anni possiamo dire che questo rapporto è imprescindibile. La scienza, nello sport, aiuta l’atleta a migliorare le sue prestazioni, questo è l’obiettivo. Obiettivo che è possibile raggiungere con lo studio e la ricerca della scienza che c’è dietro lo sport, dalla scienza che spiega il funzionamento del gesto atletico, alla scienza che spiega il funzionamento del nostro corpo. Solo così la tecnologia può intervenire per risolvere problemi e migliorare la performance dello sportivo. In questo rapporto, però, bisogna porre alcune attenzioni. La prima è la distinzione tra quelle tecnologie che sono un supporto al gesto atletico e quelle che invece tenderebbero quasi a falsarlo. Banalizzando un po’: le scarpe possono essere migliorate di molto per aiutare nella corsa ma non possono arrivare ad avere delle “molle”. La seconda attenzione riguarda qualcosa di molto importante che c’è in ogni sport e che nessuna tecnologia potrà mai sostituire: il fattore umano. La tecnologia ci aiuta e ci aiuterà sempre di più a superare i nostri limiti, a raggiungere nuovi record, ma nello sport molto è dettato dal fattore umano. Senza la passione, la dedizione e una forte motivazione, nessuna tecnologia può venirci più di tanto in aiuto. Antonio La Torre   Antonio La Torre è docente di “Metodi e Didattiche delle Attività Sportive” presso la Scuola di Scienze Motorie del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute all’Università degli Studi di Milano. È stato allenatore personale di Ivano Brugnetti, campione olimpico ad Atene nel 2004 per i 20 km di marcia e campione mondiale nei 50 km di marcia a Siviglia nel 1999. Nella sua carriera si è occupato anche degli insegnamenti di “Teoria e Metodologia dell’Allenamento degli Sport Individuali e Discipline Atletiche” e di “Metodi di Valutazione delle Capacità Motorie”. Dal 2018 è direttore tecnico della Federazione Italiana di Atletica Leggera (FIDAL). Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano   REDAZIONE E COLLABORATORI Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto Disegnatrice: Bianca Maria Scotton Assistente colorist: Gioia Beghin Sceneggiatrici: Bianca Maria Scotton, Agnese Sonato Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Manuel Ballatore e Stefano Bertacchi ISBN: 9788854951594 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 20 - Maggio 2020

PLaNCK! N. 20 - Maggio 2020

€ 7,00

PLaNCK! N. 20 - Maggio 2020 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese LETTERA AI PIÙ GRANDI   Care lettrici e cari lettori, Dato il particolare periodo che stiamo vivendo, vorrei condividere con chi legge qualche pensiero che mette insieme l’emergenza legata all’epidemia del Coronavirus con l’emergenza climatica. Studiare come e perché il clima cambi è il mio mestiere: me ne occupo da tanti anni dedicandomi soprattutto allo studio delle regioni di montagna in cui la febbre del pianeta è così elevata da poterle considerare vere e proprie sentinelle della crisi climatica. L’epidemia del Coronavirus mostra che di fronte a un’emergenza che sentiamo vicina (è presente sul nostro territorio e ci sconvolge la quotidianità) noi sappiamo attivarci e agire come collettività in modo coerente e compatto. Cosa ci impedisce di fare altrettanto per affrontare la crisi climatica? Primo fra tutti il fatto che i cambiamenti climatici sono ancora percepiti come qualcosa di lontano nello spazio e soprattutto nel tempo, e quindi non ci riguardano. Ma è una percezione sbagliata, la scienza ce lo sta dicendo da tempo con le armi più efficaci che ha a disposizione, i dati, e ci sta spiegando anche le cause dei molti effetti che già sono sotto i nostri occhi e che stanno mettendo a rischio gli ecosistemi che sostengono le società e la nostra salute. Per risolvere la crisi climatica sono necessarie azioni immediate che agiscano sulle cause: bisogna abbassare le emissioni dei gas a effetto serra di origine antropica fino ad azzerarle entro la metà del secolo. Abbiamo poco tempo per farlo ma abbastanza per riuscire nell’intento se ci mettiamo d’impegno: più aspettiamo ad attuare questa “mitigazione” più lo sforzo per ridurre il rischio dopo sarà maggiore, se non insostenibile. L’epidemia del Coronavirus ci insegna che agire di anticipo applicando con rigore e tempestività le azioni di contenimento serve. Facciamo tesoro di questo anche per affrontare la crisi climatica, che non è sparita anche se ne stiamo parlando un po’ meno in queste settimane. Le nostre azioni contano e possono avere un effetto tangibile: basti pensare al calo dell’inquinamento atmosferico osservato in molte zone in questo periodo di sospensione delle attività e di minore traffico. Forse potremmo provare a fare nostri alcuni stili di vita che stiamo sperimentando in questo momento difficile - il lavoro da casa può funzionare, le riunioni in modalità remota ci fanno risparmiare tempo, denaro ed emissioni - e provare a pensare che possano diventare un’opzione valida anche per quando il Coronavirus sarà solo un brutto ricordo.        Elisa Palazzi   Elisa Palazzi è ricercatrice presso l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del CNR e docente di Fisica del Clima presso l’Università degli Studi di Torino. Studia i cambiamenti climatici nelle regioni di montagna, come le Alpi e l’Himalaya, con particolare attenzione agli impatti del riscaldamento sulle disponibilità future di risorse idriche. Insieme a Federico Taddia ha scritto un libro che parla proprio di clima a ragazze e ragazzi: Perché la Terra ha la febbre (Editoriale Scienza, 2019). Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano   REDAZIONE E COLLABORATORI Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto Disegnatrice: Bianca Maria Scotton Assistente colorist: Gioia Beghin Sceneggiatrici: Bianca Maria Scotton, Agnese Sonato Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Manuel Ballatore e Stefano Bertacchi ISBN: 9788854951587 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 19 - Gennaio 2020

PLaNCK! N. 19 - Gennaio 2020

€ 7,00

PLaNCK! N. 19 - Gennaio 2020 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese Il primo numero di PLaNCK! del 2020 viene dedicato ad un tema fondamentale e centrale rispetto al momento storico che stiamo vivendo. Sentiamo sempre più spesso parlare di cambiamenti climatici, aumento delle temperature terrestri, fenomeni meteo estremi e disastri ambientali, in Italia come nel resto del mondo. In questo scenario complesso e sempre più urgente, il clima è uno dei fattori chiave della riduzione della disponibilità a livello globale dell’acqua (l’oro blu del XXI secolo) in stretta relazione con l’accaparramento idrico, il water grabbing. Aumento delle popolazioni, consumi crescenti, maggiore domanda d’acqua per agricoltura, usi industriali e domestici, saranno le principali problematiche da affrontare da parte degli Stati. Il clima fortemente impattato da cause antropiche sta già modificando la geografia idrica del pianeta, e tra gli effetti più evidenti legati all’aumento delle temperature abbiamo appunto le siccità, sempre più lunghe e intense, a causa per esempio della riduzione delle piogge. Per gestire al meglio una risorsa così necessaria come l’acqua, nel 2004 l’UNDP, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, con il rapporto “Water as a Human Right?” per la prima volta si è posto la questione dell’accesso all’acqua come diritto. «Riconoscere formalmente l’acqua come diritto umano ed esprimere la volontà di dare un significato e una concretezza a questo diritto, potrebbe essere una via per incoraggiare la comunità internazionale a soddisfare i bisogni umani fondamentali e a completare gli Obiettivi del Millennio (i cosiddetti SDGs Sustainable Development Goals)». Così recitava il testo. Dopo ben sei anni quel rapporto è stato riconosciuto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che definisce esplicitamente l’acqua come diritto, nella Risoluzione 64/292 del luglio 2010, sottolineando come avere accesso ad acqua potabile sia «essenziale per la realizzazione di tutti i diritti umani». Una definizione di diritto che si è consolidata in questi ultimi dieci anni anche all’interno delle organizzazioni internazionali, ma con ancora molta strada da fare sia per tutelare la risorsa, e per combatterne lo speco, sia per garantirne l’accesso a chi è più in difficoltà. Dieci anni fa è stato dichiarato dalle Nazioni Unite il Diritto Umano all’Acqua. Riusciremo nei prossimi dieci anni a salvaguardare questa risorsa vitale per il Pianeta? Si apre infatti con il 2020 un decennio eccezionale dal punto di vista della lotta ambientale. Dieci anni in cui sarà prioritario invertire la rotta delle nostre abitudini quotidiane. Per fare tutto ciò servirà un impegno quotidiano, concreto, condiviso. A partire dall’educazione nelle scuole e nelle università, dal cambiamento dei nostri stili di vita, dalla cura per l’ambiente che ci circonda. Marirosa Iannelli   Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano Redazione e collaboratori Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto: Bianca Maria Scotton e Gianluca Pozza Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani Sito web: Maurizio Marinaro (ComIn! Solutions) Consulenza: Roberto Paura A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Matteo Serra, Manuel Ballatore, Cristina Pozzi e Cristina Di Francesco, Roberto Paura ISBN:9788854950054 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 18 - Settembre 2019

PLaNCK! N. 18 - Settembre 2019

€ 7,00

PLaNCK! N. 18 - Settembre 2019 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese   Lettera ai più grandi  |  di Pietro Greco L'epica del futuro Ci sono due modi di approcciare il futuro: uno tragico, l’altro epico. Il modo tragico consiste nell’alzare le mani di fronte alla difficoltà di costruirlo, il futuro, e dichiarare che sia quel che sia. Quello epico consiste invece nel considerare aperto il futuro, nel cercare di prevedere come sarà a partire dalle condizioni del presente e nel cercare, per quanto possibile, di renderlo un futuro desiderabile. Diciamo subito che l’opzione epica è l’unica in campo. Che lo vogliamo o no, noi scegliamo il futuro nel quale vivremo noi, i nostri figli e i figli dei nostri figli. Dunque, diamoci da fare e cerchiamo di prevedere come potrà essere il futuro da qui a fine secolo. I grandi cambiamenti che si intravedono all’orizzonte sono di tre tipi: demografico, ecologico, tecnologico. Tutti gli scenari demografici prevedono un aumento della popolazione mondiale, che potrebbe toccare e anche superare i 10 miliardi di persone da qui al 2100. Ci sarà più gente e, nella gran parte del mondo, con un’età abbastanza avanzata. Quindi dobbiamo già da adesso porci il problema, assolutamente inedito, di come governare una società numerosa e anziana. Il secondo cambiamento riguarda il clima. Il mutamento è già in atto. E alcuni scenari in regime di business as usual prevedono un aumento della temperatura media del Pianeta di 3 o anche di 4 °C rispetto all’epoca preindustriale. Con effetti importanti sugli ecosistemi e sulla società umana. Se vogliamo indirizzare il clima verso un futuro desiderabile o il meno indesiderabile possibile dobbiamo intervenire ora, qui e subito, e seguire le indicazioni dell’IPCC: agire per contenere l’aumento della temperatura media del Pianeta entro 1,5 °C. Il che significa transitare rapidamente dal paradigma energetico fondato sui combustibili fossili a quello fondato sulle fonti rinnovabili e carbon free. Il terzo cambiamento riguarda l’innovazione tecnologica, soprattutto nel campo dell’intelligenza artificiale. Si annuncia come un cambiamento epocale. Dovremo iniziare già da ora a governarlo, per sfruttarne le enormi opportunità e impedire che ci travolga. L’approccio epico al futuro impone una crescente conoscenza. E, dunque, una fiducia critica, ma solida, nella scienza. ​​​​​​​   Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano Redazione e collaboratori Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto: Bianca Maria Scotton e Gianluca Pozza Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani Sito web: Maurizio Marinaro (ComIn! Solutions) Consulenza: Roberto Paura A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Matteo Serra, Manuel Ballatore, Cristina Pozzi e Cristina Di Francesco, Roberto Paura ISBN:9788854950054 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 17 - Maggio 2019

PLaNCK! N. 17 - Maggio 2019

€ 7,00

PLaNCK! N. 17 - Maggio 2019 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese Fu il filosofo Cartesio, nel XVII secolo, a teorizzare una rigida separazione tra la parte materiale che genera i processi cognitivi (il cervello) e la parte immateriale (la mente). Oggi, grazie allo sviluppo delle neuroscienze sappiamo che non esiste pensiero separato dal cervello: anche i nostri pensieri, le nostre emozioni e i sentimenti sono fenomeni biologici, che possono essere studiati e compresi con gli strumenti della scienza. Per farlo dobbiamo capire come funziona l’unita del sistema nervoso, ovvero il neurone, ma anche come i diversi neuroni si specializzano in un determinato compito, come comunicano tra loro e con il mondo esterno. Il cervello, chiuso nella scatola cranica, e in realta l’organo che piu interagisce con l’ambiente in cui viviamo. Anzi, possiamo dire che l’ambiente lo trasforma, lo plasma. Un famoso studio condotto negli anni ’90 da ricercatori dello University College di Londra permise per esempio di scoprire che i tassisti della capitale britannica avevano un maggior volume di materia grigia nella regione posteriore dell’ippocampo e minore in quella anteriore rispetto ai non guidatori di taxi. L’ippocampo e la regione del cervello impegnata nei compiti di memoria e apprendimento e la parte posteriore ha un ruolo importante nella memoria spaziale, quella che ci permette di orientarci. I tassisti londinesi, in quegli anni in cui i navigatori satellitari ancora non esistevano, dovevano imparare la complessa toponomastica della capitale britannica per ottenere la licenza. Non solo: maggiori erano gli anni trascorsi al volante, piu grande era l’ippocampo. Il loro lavoro, il loro modo di interagire con l’ambiente aveva cambiato non solo le loro capacita di memoria, ma anche la conformazione del loro cervello. Questo fenomeno, noto col nome di plasticita cerebrale, e alla base dell’evoluzione nelle conoscenze sul funzionamento del cervello umano. Il XXI secolo ha visto anche una nuova rivoluzione nel mondo delle neuroscienze: le emozioni, che fino a pochi decenni fa non erano considerate studiabili dal punto di vista scientifico (perche non si conoscevano bene le strutture cerebrali che le generano) oggi sono oggetto di ricerca neuroscientifica. Si e ridotta la separazione tra quelle che un tempo erano considerate malattie puramente neurologiche (come i danni cerebrali da ictus) e quelle che rientrano nel campo della psichiatria, un tempo considerate quasi alla stregua di “malattie dell’anima”. C’e ancora qualcosa che non abbiamo capito sul funzionamento del cervello umano? Ci sono tante cose ancora ignote ma una, in particolare, agita il sonno dei ricercatori: come si genera la coscienza e perche l’uomo, piu di qualsiasi altro animale, sembra dotato di una capacita superiore di pensare a se stesso come essere pensante (io so che sto pensando). Ai misteri della coscienza sono dedicati grandi progetti di ricerca che, in futuro, potrebbero permetterci di capire finalmente che cosa fa di noi umani degli esseri cosi speciali.   Daniela Ovadia ​​​​​​​   Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia Prof. Alberto Carnera Dott. Stefano Ciroi Prof.ssa Ornella Pantano Prof. Giulio Peruzzi Dott.ssa Cinzia Sada Dipartimento di Scienze Chimiche Dott. Massimo Bellanda Dott.ssa Laura Orian Dott. Giacomo Saielli Dott.ssa Elisabetta Schievano Redazione Direttore responsabile: Andrea Frison Caporedattore: Marta Carli Responsabile progetto: Agnese Sonato Testi a cura di: Marta Carli, Agnese Sonato, Gianluca Pozza, Marco Maggioni Versione inglese: Anna Morato Revisione: Petra Spataro, Andrea Frison Fumetto: Bianca Maria Scotton (disegni), Maurizio Marinaro e Gianluca Pozza (testi) Progetto grafico: Stefano Pozza Fotografia: Agnese Sonato Sito Web: Maurizio Marinaro (ComIn!Solutions) Blog: Ilaria Trento   ISBN:9788854950047 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello