0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Scienze Storiche, Filosofiche, Pedagogiche E Psicologiche
L'opposizione estrema al regime fascista

L'opposizione estrema al regime fascista

€ 10,00

I comunisti sono stati i più combattivi oppositori del regime fascista. Anche nel difficile periodo della clandestinità, i dirigenti del centro estero del partito cercarono di organizzare missioni e iniziative atte a destabilizzare i centri nevralgici della dittatura. Uno di questi tentativi si verificò, tra la fine del 1934 e i primi mesi del 1935 a Polesella, dove su iniziativa di Arturo Ranzani, inviato in Italia da Giuseppe Di Vittorio, si costruirono delle prime cellule che dovevano agire nei sindacati e nel sistema della propaganda. L’azione repressiva della polizia fascista portò alla cattura dei protagonisti sovversivi, che vennero poi condannati dal Tribunale Speciale per la difesa dello Stato. Questo saggio contiene la ricostruzione del tentativo polesano, testimoniando la presenza di persone che, con coraggio e sprezzo del pericolo, combatterono, a costo della propria libertà, per la salvaguardia della democrazia. Leonardo Raito insegna Storia contemporanea all’Università di Padova. Ha inoltre insegnato a Ferrara, Capodistria, Pola e collaborato con il Middlebury College. Studioso dei conflitti contemporanei e della storia politica nazionale e internazionale, collabora come editorialista con quotidiani nazionali. È stato assessore provinciale a Rovigo dal 2009 al 2014 e dal 2014 è sindaco di Polesella (RO). Tra le sue pubblicazioni più importanti, si ricordano: Gaetano Boschi. Sviluppi della neuropsichiatria di guerra 1915-18 (Roma 2010), Comunisti ai confini orientali (Padova 2010), Terrorismo e mondo nuovo (Roma 2013), L’uomo solo al comando (Roma 2017), Paolo Spriano intellettuale militante (Padova 2017), La roccaforte sul Po. Storia politica e amministrativa di Polesella 1945-2015 (Padova 2019), La parabola di Decio Bacchi. Dal socialismo degli albori all’interventismo (Padova 2020). Indice Nota dell'Autore ISBN: 9788854953796 Collana: Scienze storiche Autore: Leonardo Raito Prefazione: Monica Fioravanzo Edizione: 2021

Aggiungi al carrello

10,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Piccolo Vademecum per docenti

Piccolo Vademecum per docenti

€ 12,00

Una guida per le nuove generazioni di insegnanti. Principalmente rivolta a neolaureati e appena immessi in ruolo, che nonostante un’adeguata formazione e abilitazione post laurea, non possiedono alcuna esperienza nel campo. La vita scolastica non è teoria bensì realtà, allora come approcciarsi al mondo della scuola? Come gestire le classi? Quali strategie adottare per creare un rapporto di fiducia e stima tra docente e discente? Sono domande legittime alle quali questo testo darà tutte le risposte. Ebbene sì, una serie di consigli che permetteranno ai nuovi di intraprendere con serenità il complesso percorso dell’insegnamento. Auspicando, al contempo, un miglioramento del sistema-scuola da tempo devastato nella sua essenza primaria. Tra le tematiche affrontate, ritroviamo l’analisi del rapporto docente-studente, la didattica e le nuove tecnologie. L’opera nasce, infatti, dall’idea dell’autrice-docente di voler trasmettere il proprio bagaglio professionale, acquisito nel corso degli anni. Cicio Cristina, docente di Lingue e Letterature straniere, spagnolo e inglese, insegna e vive a Padova. Nel suo tempo libero si dedica all’arte, alla pittura e alla floricoltura, attività dalle quali si rinfranca completamente per affrontare sfide sempre più ardue.   Indice   ISBN: 9788854953680 Collana: Scienze dell'educazione Autore: Cristina Cicio Edizione 2021 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
«Non regnum, non respublica sine archivi»

«Non regnum, non respublica sine archivi»

€ 17,00

Il volume contiene l’edizione critica del trattato secentesco De archivis commentarius di Albertino Barison (1587-1667), erudito, letterato, poeta, giurista e docente di discipline giuridiche allo Studio patavino. Gli autori presentano e commentano da diversi punti di vista il trattato, ricco di citazioni di testi giuridici e di scrittori dell’antichità greco-romana, di epoca medievale, compresi quelli bizantini, e dei secoli XV-XVII. Il testo è un riferimento essenziale per chi si occupa di archivistica, ma anche per chi si occupa di storia della cultura secentesca e di storia degli studi giuridici. Giorgetta Bonfiglio-Dosio si occupa di archivi dal 1969: è stata funzionario e primo dirigente nell’amministrazione degli Archivi, professore ordinario di archivistica all’Università di Padova, vicepresidente del Comitato tecnico-scientifico degli archivi e componente del Consiglio superiore beni culturali, consigliere dell’Associazione Nazionale Archivistica Italiana, consigliere e presidente dell’ANAI-Sezione Veneto; insegna come professore a contratto di archivistica nelle Università Ca’ Foscari di Venezia, Macerata, Firenze; è direttore scientifico della rivista «Archivi» ed è socia di numerose accademie e società scientifiche. Mario Fiorentini è professore associato di Istituzioni di diritto romano nel Dipartimento di scienze giuridiche, del linguaggio, dell’interpretazione e della traduzione dell’Università di Trieste. I suoi interessi scientifici riguardano il diritto arcaico di Roma, le problematiche ambientali antiche, quelle attinenti ai beni comuni e ai riflessi giuridici dello sfruttamento del mare. Ha preso parte a tre edizioni del Festival eStoria di Gorizia ed è stato membro di varie équipe di ricerca internazionali; attualmente fa parte del progetto di ricerca ERA, Ecologia RomaAntica. È socio della Società italiana di storia del diritto. Sommario Introduzione - L'autore del trattato ISBN: 9788854953451 Collana: Scienze storiche Autori: Giorgetta Bonfiglio-Dosio, Mario Fiorentini Edizione 2021 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
L’educatore come uomo professionista e attore sociale nell’epoca del Welfare

L’educatore come uomo professionista e attore sociale nell’epoca del Welfare

€ 12,00

Quanta complessità si nasconde dietro la figura dell’educatore? E com’è cambiato, negli anni, il ruolo di questo professionista chiamato a confrontarsi giorno dopo giorno con il mondo del “margine” e con le sfide che questo rapporto porta inevitabilmente con sé? Clotilde Pettinicchi risponde a queste domande attraverso una galleria di storie vere che vedono come protagonisti educatori e professionisti – ma anche volontari – che si confrontano quotidianamente con il disagio nelle carceri, nelle strutture di accoglienza, nelle scuole e negli ospedali. Tutti loro vivono sulla propria pelle le difficoltà concrete e il peso psicologico che ricadono su chi svolge questa professione multiforme e complessa, che richiede competenze interdisciplinari e un approccio per quanto possibile sinergico. Le vicende dei protagonisti di questo saggio non sono solo un utile strumento per tracciare un ritratto in chiaroscuro della figura dell’educatore, ma ci aiutano anche a ridefinire e a dare nuova dignità al ruolo di questi professionisti, messo duramente in discussione dalla crisi del Welfare State. Maria Clotilde Pettinicchi, medico, psichiatra, criminologo clinico con indirizzo psichiatrico-forense, psicoterapeuta della famiglia, ha affinato una particolare sensibilità verso tutto ciò che potesse riguardare il benessere psico-fisico dei pazienti psichiatrici, di quelli rei e dei detenuti. Di provenienza formativa classica, presso il Liceo-Ginnasio Mario Pagano di Campobasso, ha fatto suo lo stile di questa scuola, improntato ad una libertà di pensiero, che si è rivelata utile nel confrontarsi con strutture diverse per mentalità e organizzazione. Dopo questa particolare formazione iniziale ha completato gli studi come esperta delle relazioni nei macrosistemi organizzativi con il conseguente e gratificante lavoro presso le strutture detentive e l’Ospedale Psichiatrico Giudiziario, attualmente chiuso. Il confronto con altri professionisti di provenienza formativa diversa ha contribuito a mettere in atto gli studi specialistici sulle teorie sistemiche e relative integrazioni. Con Cleup nel 2020 ha pubblicato La violenza in una società anomica. Femminicidio, maschicidio abuso sui minori. Indice Prefazione Introduzione   ISBN: 9788854953420 Collana: Scienze dell'educazione Autore: Maria Clotilde Pettinicchi Edizione 2021 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Viaggio individuale in un cuore collettivo

Viaggio individuale in un cuore collettivo

€ 17,00

Viaggio individuale in un cuore collettivo muove dalla necessità di compiere una riflessione sulla vita. Vita intesa come occasione. Nello svolgersi analitico delle parti, che procedono per grandi temi – “Corpo-mondo”; “Emotività e dintorni”, “I volti dell’odio e le mani della violenza”; “Le larghe spalle delle donne”; “La vita è una scelta?” – l’autrice mette in evidenza come il pensiero separante, fondato sul giudizio, produca inevitabilmente distruttività. Il giudizio formulato risulta infatti essere sempre asfittico e riduttivo rispetto alla complessità di una realtà che, invece, è imprescindibilmente dialettica. Da questa consapevolezza emerge la necessità di ri-umanizzarsi, riappropriandoci dei concetti greci di “corpo-mondo”, “conosci te stesso”, “niente di troppo”: non per tornare indietro, ma per poter ri-partire. Ri-umanizzare se stessi sarà un processo che potrà compiersi facendo esperienza del vissuto umano fino ad oggi, assumendo un pensiero e un agire costruttivi al fine di camminare lungo il viaggio della vita con se stessi, nel mondo, verso una possibile evoluzione umana. Il libro indaga la tensione e il dialogo che si instaurano tra cuore individuale e cuore collettivo nella dinamica esistenziale. Un discorso dialettico quindi, sorretto dal pensiero filosofico, psicanalitico e delle neuroscienze per poter prendere in considerazione l’idea che ci sia un’altra via da percorrere. Un invito a uscire da un discorso guerrafondaio generatore di sola violenza in tutte le sue forme, per riappropriarsi della Vita. Silvia Bocci (Genova, 1974), dopo il diploma all’Accademia di Belle Arti di Carrara, ha coltivato negli anni a seguire lo studio e la pratica di metodi volti al ri-equilibrio psico-somatico. È diplomata in Naturopatia presso l’Istituto Rudy Lanza ed è consulente in Essenze Floreali. Vive e lavora a Mira (Venezia). www.silviabocci-naturopatia.it Indice Premessa Introduzione   ISBN:9788854953284 Collana: Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche Autore: Silvia Bocci Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Asiago e l'Altopiano dei Sette Comuni

Asiago e l'Altopiano dei Sette Comuni

€ 36,00

Da sempre gli abitanti dell’Altopiano dei Sette Comuni, con sentimenti di orgoglio e fedeltà alle proprie radici, si sentono facenti parte di una ben precisa identità etnica, sociale e culturale. Questo libro presenta una antologia di testi ricavati da opere a stampa dal 1500 ai giorni nostri che descrivono, secondo il punto di vista di quelli che possono essere considerati i “media” dell’epoca, quelle peculiarità della vita materiale di tali abitanti che, attraversando immutate i vari secoli, diventano elementi di connotazione identitaria. L’antologia è preceduta da una descrizione di tutte le congetture e ricerche, dal 1300 ad oggi, sulle origini delle popolazioni dell’Altopiano: dalle idee dei primi umanisti a quelle dei vari cronisti e storici dei secoli successivi, ai filologi, glottologi e storici dal 1800 in poi. Nella successione dei vari contributi non c’è soluzione di continuità, ma ogni passo dà origine motivatamente al successivo, migrando gradualmente da un contesto mitologico-letterario alla rigorosa ricerca glottologica e storica odierna.   Francesco Manzoni, padovano, è un ingegnere informatico che, fin dall’inizio dell’era informatica, ha lavorato per varie aziende italiane ed estere ed è stato Direttore dei Sistemi Informatici del Comune e dell’Università di Padova. Conclusa l’esperienza lavorativa, ha cominciato a interessarsi ai temi della storia locale. È autore dei saggi Paganin della contrada Cinque; Berengario e Sibicone. La donazione della Vallis Solana; Persone da non dimenticare. Due sorelle di Asiago missionarie nell’Africa e nell’India del 1800; Il viaggio di Johann Georg Kohl attraverso l’Altopiano dei Sette Comuni nel 1847; Johann Andreas Schmeller e la scoperta del “piccolo popolo” dei Cimbri, quest’ultimo pubblicato di recente dall’Istituto di Cultura Cimbra. Indice Prefazione di Giancarlo Bortoli Premessa dell'Autore ISBN: 9788854952508 Collana: Scienze storiche Autore: Francesco Manzoni Edizione: 2020

Aggiungi al carrello

36,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Triangolo rosso

Triangolo rosso

€ 14,00

In un manoscritto, ritrovato dopo quarant’anni, Rosario Palmeri espone in un modo inconsueto la sua esperienza di prigioniero politico nel Lager nazista di Bolzano nel 1944. Racconta delle atrocità commesse e vissute nel Lager, episodi inconcepibilmente assunti nella quotidianità e nell’orrore che segna la vita dei prigionieri. Il raccapriccio si imprime nelle loro menti, come quando passano accanto a un ragazzo assassinato che giace nel fango del piazzale steso come un Cristo. Rosario riesce a sopravvivere mantenendo vivo il ricordo dei suoi valori di uomo libero, concentrato a salvaguardare la sua dignità e sa riconoscere la stessa nei suoi compagni di sventura. È testimone delle efferate torture che si commettono nelle celle di isolamento e racconta il suo stupore quando spietati omicidi sono accettati come fatti normali. E, in questo clima di ordinaria follia, si emoziona guardando la fioritura di un ciliegio o raccontando l’umanità di alcuni suoi carcerieri. L’autore – Rosario Palmeri (1902-1983), Cavaliere al merito della Repubblica, è vissuto a Feltre dal 1926 al 1978. Congedato dall’Esercito col grado di Capitano, è stato sostenitore e promotore della resistenza antifascista e membro del Comitato di Liberazione Nazionale di Feltre. Persona di cultura enciclopedica e di vastissime conoscenze, appassionato conoscitore e cultore di piante officinali e della flora delle Prealpi, è stato co-fondatore del Circolo Filatelico Feltrino. Il curatore – Paolo Palmeri (Feltre, 1943) è stato Professore ordinario di Antropologia dello sviluppo all’Università di Roma Sapienza. Ha svolto ricerche antropologiche in Africa e nel sud-est asiatico. È autore di numerosi saggi sulla povertà e i problemi dello sviluppo nei paesi emergenti. Indice Premessa ISBN: 9788854952515 Collana: Scienze storiche Autore: Rosario Palmeri Edizione: 2020

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Lager

Lager "Dora" – Nordhausen

€ 15,00

Questo libro nasce da esigenze di carattere personale e storico, perché non si è lavorato sulla memoria di un testimone lontano, ma su quella di un uomo la cui esistenza ci ha toccati da vicino. La prima parte non costituisce dunque un freddo esercizio filologico, bensì mira a una ricostruzione del modo di raccontare e di ricordare di Mario Ceretta, delle emozioni che egli riviveva scrivendo. Così la seconda sezione non ha pretese di saggio storico, ma tenta di ridare voce a chi non ne ha avuta o non ha voluto averne, di ricollocare al suo posto nella Storia un ‘disperso’ le cui parole sono state chiuse per decenni in un cassetto, per non dimenticare quell’approccio alla microstoria come ‘storia dal basso’ tanto caro a Peter Burke. Ai campi di sterminio sono sopravvissuti uomini e donne normali come Mario Ceretta. Che poi hanno dovuto sopravvivere a se stessi. G. Borriero - A. Magro Nato a Vicenza nel 1919, dopo il servizio militare Mario Ceretta è richiamato nel ’40. In seguito all’8 settembre viene internato a Mittelbau-Dora per lavorare nelle gallerie in cui il Reich produce i missili V2. Alla liberazione passa due anni in sanatorio, dove scrive la breve memoria qui riportata. La patologia polmonare contratta durante la prigionia lo stroncherà a soli 62 anni. Nessuno ha letto questa storia prima della sua morte. Edizione critica a cura di Giovanni Borriero Postfazione di Alessandra Magro Illustrazioni di Simona Boccolo Indice ISBN: 9788854952997 Collana: Scienze storiche Autore: Mario Ceretta Edizione: 2020

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello