0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Filosofia

Filosofia
Libertà e laicità

Libertà e laicità

€ 16,00

Ciò che è pensato, creduto, fatto, ha bisogno di ragioni, di argomenti che ce lo fanno pensare come vero, cioè corrispondente a come le cose stanno o dovrebbero stare. In questo senso il nostro fare filosofia, diventa l'esercizio attraverso cui venire a capo, dando ragioni, anche dei problemi del vivere quotidiano. Sappiamo bene quanto sia difficoltoso mettere insieme la filosofia come ricerca della verità e il fatto che non possiamo allontanarci dalla nostra situazio¬ne storica, giacché siamo tutti esseri storici, cioè, in definitiva, quanto sia a volte faticoso esprimere la difficoltà di conciliare la doppia dimensione della riflessione filosofica: come «sguardo da nessun luogo» (Thomas Nagel), e immersione nella «nostra storicità». Qui propendiamo per un'attitudine filosofica che si esprima come un modo di rispondere alle ragioni che esistono, cioè in definitiva come attitudine etica, che riconosce nella ragione una fondamentale passività. Il nesso libertà-laicità richiede di essere indagato all'interno di un vero dialogo tra saperi nel contesto delle rinnovate dinamiche storiche, sociali e religiose della cultura contemporanea. I contributi del volume vagliano trasversalmente le istanze semantiche, storiche e teorico-fondative di un dialogo non scontato, spesso interrotto e tradito, ma oggigiorno insistentemente invocato. Il tema della libertà è posto in relazione con una laicità che può significare una condizione di vita, come quando si parla dei «fedeli laici», oppure la ricerca della verità svincolata da ogni forma di fede, o ancora una separazione tra realtà temporali e realtà spirituali, nel rispetto dei diversi ambiti di competenza e delle dovute distinzioni, in una sorta di reciproca valorizzazione. Interventi di: Francesco Casavola, Mario Signore, Luigi Alici, Giovanni Ferretti, Stefano Carloni, Andrea Casole, Marco Castagna, Antonio Cataldi, Flora Colavito, Elisa Colonna, Serena Corrao, Luca Cucurachi, Emanuela De Riccardis, Filippo Di Stefano, Angela Drago, Claudia Pedone, Silvia Pierosara, Alberto Pirni, Ermelinda Placì, Riccardo Roni, Giorgio Tintino. ISBN:9788861297302 Collana: Filosofia Autore: Signore Mario, Cucurachi Luca Edizione 2011 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La filosofia come esperienza del pensiero e scienza della libertà

La filosofia come esperienza del pensiero e scienza della libertà

€ 14,00

In che senso l´esperienza del pensiero propria della filosofia si distingue dalle forme ordinarie del pensiero o dalle pratiche di pensiero soggiacenti all´attività delle scienze particolari? La filosofia, secondo Hegel, è caratterizzata da una peculiare scomodità, che la distingue da altre forme del discorso. Essa non gode, infatti, del privilegio di cui godrebbero altre scienze di poter presupporre il proprio oggetto e il proprio metodo come dati. La filosofia è una forma del sapere che è chiamata a rendere conto di tutto ciò che perlopiù viene assunto come noto. In quanto si costituisce a partire da una domanda che coinvolge gli stessi presupposti di ogni discorso, essa non può affidarsi ad alcuna autorità che le indichi la via e ne garantisca lo svolgimento, ed è, nel suo stesso articolarsi, il processo della propria giustificazione. Essa si presenta così come scienza della libertà, come quell´esperienza radicale del pensiero che è l'esperienza stessa della libertà. Luca Illetterati è professore di Filosofia teoretica all'Università degli Studi di Padova. Si è occupato principalmente del rapporto fra filosofia e scienza con particolare riferimento a Kant, Hegel e Heidegger. Tra le sue pubblicazioni: Natura e Ragione. Sullo sviluppo dell'idea di natura in Hegel, Trento 1995; Figure del limite. Esperienze e forme della finitezza, Trento 1996; Tra tecnica e natura. Problemi di ontologia del vivente in Heidegger, Padova 2002; Insegnare filosofia (a cura di), Novara 2007; Purposiveness. Teleology between Nature and Mind (con F. Michelini, a cura di), Frankfurt a.M 2008. ISBN:9788861294424 Collana: Filosofia Autore: Illetterati Luca Edizione 2009 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Realism, Antirealism and Artefact Kinds

Realism, Antirealism and Artefact Kinds

€ 12,00

Is there any reason, for a realist to deny to artefacts the status of real objects inside an acceptable ontology? Is there any fundamental difference between artefacts and natural objects that could support such a claim? For natural entities it is widely accepted that there are scientific and technical classificatory systems. These constitute an improvement on our naïve classifications for they are the result of the progress of our knowledge on the nature of natural entities. Astonishingly it is not even taken into account the analogous possibility of a non-naïve classification for artefacts. In the most discussed antirealist arguments concerning artefacts a key role is played by the conception of artefacts kinds as functional kinds, but no characterization of what a function of an artefact is and of what it means for an artefact to have a function is provided. In the book antirealism is challenged, and it is proposed a way for improving our naïve knowledge of artefacts nature by way of a more refined notion of function that provide the taxonomical basis for a technical categorization of artefacts.Marzia Soavi is a part-time researcher at the Departement of Philosophy at the University od Padova. In italian she has also published Antirealismo ed artefatti, Franco Angeli, Milano. ISBN:9788861294356Collana: FilosofiaAutore: Soavi Marzia Edizione 2009Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Dall´atarassia alla fine del mondo

Dall´atarassia alla fine del mondo

€ 13,00

Il pensiero filosofico ellenistico, che tende a isolare l'uomo dalla comunità civile e politica, affida a ogni singolo individuo il compito di conquistare, con le sole armi della ragione, un'appagante vita interiore, imperturbabile e serena, in perfetta armonia con la natura tutta. Il fascino delle filosofie ellenistiche conquista anche i romani, vincitori e dominatori, e li dispone a mettere in gioco i loro costumi e comportamenti e ad accogliere, entro certi limiti almeno, le raffinate e coerenti teorie etiche dei greci, riconosciuti maestri di pensiero. Le crescenti difficoltà che, con il trascorrere del tempo, occidentali e orientali si trovano ad affrontare, come membri di una comunità politica e come individui, inducono a recuperare progressivamente l'eredità lasciata dai grandi maestri dell'età classica e ad appoggiarsi alla loro vetusta autorità. Sarà di Platone la vittoria definitiva, con il trascendentismo esasperato dei suoi epigoni, e con le istanze religiose che spesso si fanno strada nell'ambito stesso della speculazione filosofica. Dopo la grande e coerente costruzione metafisica di Plotino, le esperienze religiose e l'esoterismo occupano uno spazio sempre più ampio nel pensiero neoplatonico, ma la loro valorizzazione viene anch'essa convogliata nel solco tracciato dalla speculazione degli imprescindibili venerati maestri. Autore: LYDIA ALLIONE ha insegnato latino e greco nei licei classici. Oltre ad articoli e recensioni apparsi su varie riviste, ha pubblicato Telemaco e Penelope nell'Odissea (Torino 1963), in parte tradotto in tedesco e inserito da J. Latacz in Homer: die Dichtung und ihre Deutung (Darmstadt 1991). ISBN:9788861294080 Collana: Filosofia Autore: Lydia Allione Edizione 2009 (2012 ristampa corretta con Postfazione) Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

13,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Cervello e dintorni

Cervello e dintorni

€ 15,00

Il presente libro è una raccolta di saggi di filosofia della scienza che approfondiscono alcune rilevanti problematiche sviluppate nel corso degli anni dall'Autore. In sintesi, essi analizzano la concezione della scienza contemporanea, alcune critiche rivoltele, i suoi rapporti con l'arte e la loro creatività, l'importanza e gli effetti delle ricerche sulle strutture neurali relative alle droghe e alle scienze dell'educazione, ed il ruolo e i limiti dei modelli avanzati nel tempo per scoprire i meccanismi del cervello. Questo lavoro si rivolge ai professori e studenti universitari nonché a tutte le persone interessate alle suddette tematiche esaminate a livello interdisciplinare.Giacomo Gava, professore in pensione di Filosofia della Scienza presso la Facoltà di Psicologia dell'Università di Padova, si è soprattutto occupato dell'epistemologia contemporanea e del problema cervello-mente sulla base delle odierne neuroscienze. Nell'ambito di tali studi egli ha indagato in maniera particolareggiata tematiche come le varie forme di riduzionismo e di antiriduzionismo nella scienza, la coscienza e la creatività scientifica.Tra le sue pubblicazioni: Il problema mente-cervello. Genesi e sviluppi della teoria dell'identità (Padova 1983); Scienza e filosofia della coscienza (Milano 1991); Un'introduzione all'epistemologia contemporanea (a cura di, Padova 1996); Il riduzionismo della scienza (Milano 1996); Lessico epistemologico (Padova 1998); Mente cervello. Una bibliografia essenziale del XX secolo (Padova 2000); The Knowledge Argument: A Survey and a Proposal (Padova 2004); e Cervello-Mente. Rilevanti pensatori contemporanei (Trieste 1994; nuova edizione Padova 2005).ISBN:9788861292031Collana: FilosofiaAutore: Gava Giacomo Edizione 2008Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Hegel e il divenire

Hegel e il divenire

€ 18,00

Se chiediamo a Hegel che cosa siano tempo e movimento otteniamo risposte paradossali: il tempo ´Ã¨ l´essere esistente, che immediatamente non è, e il non-essere [...] che altrettanto immediatamente è; esso è la contraddizione esistente´. D´altra parte, per la concezione hegeliana del moto, ´qualcosa si muove, non in quanto in questo Ora è qui, e in un altro Ora è là, ma solo in quanto in un unico e medesimo Ora è qui e non è qui, in quanto in pari tempo è e non è in questo Qui. Si devono concedere agli antichi dialettici le contraddizioni ch´essi rilevavano nel moto, ma da ciò non segue che pertanto il moto non sia, sebbene anzi che il moto è la contraddizione stessa nella forma dell´esserci´.Come e perché Hegel pensi questo, con quale consapevolezza, e che cosa questo comporti rispetto alle questioni cruciali di identità e contraddizione, sono i temi del presente volume. In questo saggio le analisi sui testi hegeliani sono intrecciate con delle riflessioni teoretiche; Parmenide, Aristotele e Hegel sono coinvolti in un dibattito ideale, che sembra peraltro aver trovato nuova eco nei recenti sviluppi del pensiero logico-analitico. Federico Perelda, filosofo, si è interessato alle applicazioni della logica a temi classici dell´ontologia. Ha indagato il pensiero speculativo di Hegel, raffrontandolo con l´atomismo e il logicismo di Russell; su questo tema ha pubblicato il saggio ´Hegel e Russell. Logica e ontologia tra moderno e contemporaneo´ (Il Poligrafo, 2003). Recentemente è stato co-curatore di ´Sostanza e verità nella filosofia di Leibniz´, a cura di Federico Perelda e Luigi Perissinotto (Il Poligrafo, 2006).ISBN:9788861291010Collana: FilosofiaAutore: Perelda Federico Edizione 2007Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello