0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Etnografie

Etnografie
Collana di etnologia ed etnolinguistica
 
La collana «Etnografie» è dedicata alla pubblicazione di ricerche etnografiche ed etnolinguistiche di alta qualità, e nasce per iniziativa di un gruppo di studiosi raccolti attorno al corso di laurea magistrale in Antropologia culturale, etnologia, etnolinguistica dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e al Dottorato in studi storici, geografici e antropologici.
La collana ha l’obiettivo di pubblicare monografie etnologiche ed etnolinguistiche che adottano, come principale strumento di ricerca, il metodo etnografico e l’accesso diretto alle fonti, sia attraverso la ricerca sul campo sia attraverso la documentazione di prima mano (archivistica, iconografica, di cultura materiale).
Nella collana saranno accolti sia lavori di ricerca che presentano materiale etnografico dettagliato e inedito, tale da offrire un contributo documentario innovativo o comunque rilevante, sia lavori di ricerca che presentano un caso di studio che si distingue per la ricchezza dei dati etnografici e per la capacità di impostazione, contestualizzazione e interpretazione all’interno dei quadri teorici e metodologici più avanzati. 
Le pubblicazioni saranno valutate da due revisori anonimi indicati dal comitato editoriale e dal comitato scientifico internazionale.
 
Direttore  |  Glauco Sanga

Comitato scientifico internazionale
Valentina Bonifacio (Università Ca’ Foscari, Venezia)
Giordana Charuty (Ecole Pratique des Hautes Etudes EPHE-Lahic, Paris)
Franco Crevatin (Università di Trieste)
Sergio Dalla Bernardina (UBO Université de Bretagne Occidentale, Brest)
Gianni Dore (Università Ca’ Foscari, Venezia)
Gian Paolo Gri (Università di Udine)
Gianluca Ligi (Università Ca’ Foscari, Venezia)
Ilaria Micheli (Università di Trieste)
Paolo Scarpi (Università di Padova)
Italo Sordi (Milano)
Elisabetta Silvestrini (Sapienza Università di Roma)
Franca Tamisari (Università Ca’ Foscari, Venezia)
Edward Tuttle (UCLA University of California, Los Angeles)

Comitato editoriale
Gianni Dore
Gianluca Ligi
Ilaria Micheli
Franca Tamisari

 
Patria di parole

Patria di parole

€ 20,00

Nel 1970 circa ventimila di italiani residenti in Libia furono costretti a lasciare il paese in cui erano nati e a cui sentivano di appartenere. Fu un piccolo “esodo”, assai poco celebrato perché si portava dietro i fantasmi del passato coloniale italiano. Questo libro lo racconta attraverso le memorie dei protagonisti, intervistati secondo la metodologia etnografica della storia orale. È il frutto di una ricerca decennale, compiuta da uno di loro, che è diventato narratore di un’esperienza che è insieme personale e collettiva. Parte dalle memorie familiari dell’arrivo in Libia e del periodo coloniale; prosegue con le testimonianze relative alle trasformazioni sociali successive al 1945; si conclude con gli esiti della rivoluzione di Gheddafi, che pose fine alla presenza italiana nel paese.   Domenico Infantolino (1943-2020), di famiglia siciliana, è nato in Libia, a Tripoli, dove ha trascorso la giovinezza. Laureato in biologia a Padova nel 1971, in seguito all’espulsione degli italiani dalla Libia è rimasto in Italia, dove ha lavorato all’Ospedale di Castelfranco Veneto e ha insegnato alla Facoltà di Medicina dell’Università di Padova. Dopo la pensione ha ripreso gli studi all’Università Ca’ Foscari di Venezia e si è laureato prima in arabo, poi in antropologia culturale, infine in storia. Indice Ricordo di Mimì di Glauco Sanga Prefazione. Il canto dell'addio di Alessandro Casellato ISSN: 2531-5498 ISBN: 9788854952652 Collana: Etnografie, 5 Autore: Domenico Infantolino Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il ritmo dell'esperienza

Il ritmo dell'esperienza

€ 22,00

Immergendo il lettore in dieci contesti etnografici estremamente diversi tra loro, dalle zone umide della Mongolia al cimitero di Taranto, dall’Amazzonia peruviana alla periferia industriale di Berlino, questo libro propone altrettante riflessioni sulle dinamiche dei conflitti ambientali nella contemporaneità. Il ritmo lento e non lineare dell’esperienza vissuta, scandito da un dialogo costante con il territorio, si contrappone nel testo a quello rapido degli investimenti massicci di capitale, dello sviluppo industriale e delle nuove forme di sfruttamento intensivo delle risorse. Adottando un punto di vista critico, gli autori presenti in questo volume rivendicano nei loro saggi la necessità di valorizzare il sapere degli abitanti contro quello degli esperti, dei politici e delle istituzioni.    Valentina Bonifacio è Professoressa Associata all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si è occupata nelle sue ricerche dei seguenti temi: la relazione tra popolazione indigena e stato in America Latina, l’industria estrattiva del tannino e la relazione tra progetti di cooperazione e popolazione locale. Rita Vianello è docente a contratto all’Università Ca’ Foscari di Venezia e ha partecipato in qualità di ricercatrice a numerosi progetti interdisciplinari su ambiente e sostenibilità. In particolare, si occupa da anni del patrimonio culturale marittimo e delle conoscenze locali sul mondo acquatico nella laguna di Venezia.   Indice Note introduttive di Valentina Bonifacio ISSN: 2531-5498 ISBN: 9788854952669 Collana: Etnografie, 6 Curatrici: Valentina Bonifacio, Rita Vianello Stato: disponibile dal 2 ottobre 2020

Aggiungi al carrello

22,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La fiaba

La fiaba

€ 22,00

La fiaba popolare di tradizione orale costituisce un genere della narrativa popolare, accanto a favole, novelle, storielle, leggende, racconti. Sulla base dell’analisi strutturale della fiaba di Propp vengono individuate morfologicamente due varietà distinte: la fiaba magica, maschile, con l’eroe cercatore, e la fiaba d’incantesimo, femminile, con l’eroina vittima. Vladimir Propp ha dimostrato che la fiaba risale ai riti di iniziazione delle società primitive: ma come i miti iniziatici, di carattere sacrale e sottoposti a rigide interdizioni, si sono trasformati in fiabe, cioè in racconti dichiaratamente fantastici? Qui si avanza l’ipotesi che la fiaba tragga origine dal contatto e dalla simbiosi tra le società di caccia-raccolta e le società produttive sedentarie.    Glauco Sanga (Milano, 1947) ha insegnato Etnolinguistica, Etnologia, Storia delle tradizioni popolari all’Università Ca’ Foscari di Venezia e nelle Università di Pavia, Bergamo, Zurigo, Los Angeles UCLA. Ha studiato il gergo e la cultura dei marginali, i canti e le fiabe popolari, i dialetti italiani, le colonie italiane nei Balcani, l’antropologia alpina, l’origine della lingua e della scrittura, la rima dell’antica poesia italiana. Ha fondato le riviste «La ricerca folklorica» e «Rivista italiana di dialettologia», e ha pubblicato Dialetto e folklore (Milano 1979); Dialettologia lombarda (Pavia 1984); La rima trivocalica (Venezia 1992); Nature Knowledge (Oxford 2004); Animal Names (Venezia 2005).   Indice Introduzione L'intervista a Glauco Sanga per Letture.org ISSN: 2531-5498 ISBN: 9788854952805 Collana: Etnografie, 7 Autore: Glauco Sanga Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

22,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Da comunità produttive a distretti industriali

Da comunità produttive a distretti industriali

€ 34,00

In questo lavoro si analizzano i processi di trasformazione di due distretti industriali in Friuli Venezia Giulia, i distretti della sedia e del coltello, per capire la relazione esistente tra i processi di trasformazione indotti dalla globalizzazione e l’identità della comunità, la capacità di adattamento a cambiamento, opportunità e prospettive. Dal punto di vista metodologico si adotta un approccio interdisciplinare in grado di caratterizzare i processi di trasformazione socio-culturali ed economici intervenuti. I punti di contatto e le differenze registrati e l’analisi di un contesto più ampio, quale quello italiano, hanno contribuito all’ermeneutica delle comunità produttive, correlando fatti sociali solo apparentemente distinti e facendo emergere alcune specificità culturali altrimenti ignorate. Angela Zolli, laureata in Economia e Commercio all’Università di Trieste, ha lavorato in importanti aziende in diversi settori. Dal 1999 lavora nell’ambito delle scienze sociali, si è specializzata in Antropologia culturale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia e ha conseguito il Dottorato in Sociologia e Antropologia all’Università Lumière Lyon 2 di Lione. Nel 2006 ha fondato Lab REA - Laboratorio di Ricerca Economica e Antropologica, in cui attualmente opera. Indice Presentazione Introduzione ISSN: 2531-5498 ISBN:9788867877218 Collana: Etnografie Autore: Angela Zolli Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

34,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La danza dello squalo

La danza dello squalo

€ 30,00

In Australia, nella Terra di Arnhem Nordorientale, la gente yolngu ha saputo adattarsi alle condizioni sociali, culturali ed economiche imposte dalle politiche coloniali e postcoloniali, intrecciando la conoscenza del passato con le sfide del presente, la saggezza degli anziani con la visione dei giovani. La ricerca descrive come il complesso sistema territoriale e politico indigeno è espresso nei racconti cosmogonici, nelle canzoni e danze rituali, ma anche come è modificato e trasmesso per educare le nuove generazioni e per dialogare con le istituzioni non indigene. Sia nel passato sia nel presente le performance rituali e contemporanee sono un’arena di incontro e di scontro in cui si creano nuove prospettive e modalità di confronto.   Franca Tamisari insegna Antropologia culturale presso Università Ca’ Foscari Venezia. Ha insegnato anche presso l’University of Sydney e l’University of Queensland dove ritiene la posizione di Adjunct Associate Professor. Svolge ricerche etnografiche fra gli indigeni australiani del Territorio del Nord e si occupa di antropologia della danza, dell’arte e del turismo. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo La Sfida dell’arte indigena australiana. Tradizione, innovazione e contemporaneità (a cura di, con Di Blasio, Jaca Book 2007) e Indigenous Tourism, Performance, and Cross-Cultural Understanding in the Pacific («La Ricerca Folklorica» 61, 2010). Indice Prefazione ISSN: 2531-5498 ISBN:9788867878703 Collana: Etnografie Autore: Franca Tamisari Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

30,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Percezioni di rischio

Percezioni di rischio

€ 17,00

I disastri naturali e tecnologici non sono mai eventi casuali e imprevedibili dovuti a bizzarie climatiche della natura o a semplici errori umani. Esaminando gravi disastri ambientali, dalla Cina al Giappone, dal Camerun al New Mexico, all’Ucraina, il volume mostra l’importanza dell’analisi antropologica nello studio degli eventi estremi. Per l’antropologia culturale i disastri sono sempre processi dinamici che si attivano gradualmente nel tempo. Le istituzioni politiche e gli organi di informazione, le credenze tradizionali, le strutture sociali, le forme di potere, ma anche le ideologie e le concezioni della natura, costruiscono la percezione del rischio e la vulnerabilità, diventando fattori fondamentali nell’incubazione di un disastro. Gianluca Ligi insegna Antropologia culturale all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Compie ricerche sul campo fra i Saami della Lapponia svedese, e si occupa di antropologia del paesaggio e del rischio. Tra le sue pubblicazioni: Antropologia dei disastri (Laterza, 2009); Il senso del tempo. Percezioni e rappresentazioni del tempo in antropologia culturale (Unicopli, 2011); Lapponia. Antropologia e storia di un paesaggio (Unicopli, 2016); cura di Antropologia del rischio («La ricerca folklorica» 66, 2012). Indice ISSN: 2531-5498 ISBN:9788867876181 Collana: Etnografie Autore: Gianluca Ligi Edizione 2016 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Amministrare l'esotico

Amministrare l'esotico

€ 20,00

Il volume presenta e discute temi e problemi di antropologia storica dell’Eritrea e del nord etiopico durante il regime coloniale italiano, facendo reagire i dati d’epoca con l’etnografia contemporanea. La costruzione di una società e di un ordine coloniale richiedevano una etnologia pratica, cioè una conoscenza del territorio e delle genti da amministrare. Lo sguardo europeo è decostruito mostrando i paradigmi antropologici impliciti ed espliciti dei funzionari, e anche dei missionari con i loro programmi e pratiche di evangelizzazione e di conversione. Con attenzione alle dinamiche risposte dei colonizzati, alle relazioni di genere, alle cosmogonie e economie morali in conflitto, vengono analizzate spiegazioni e pratiche di controllo dinanzi a campi sociali problematici come il sistema parentale matrilineare, la possessione, la stregoneria, e le sfasature tra le procedure del diritto penale italiano e i diritti consuetudinari locali. Gianni Dore ha svolto attività di insegnamento e di ricerca per le Università di Cagliari, Ca’ Foscari Venezia e Alma Mater di Bologna. Specialista di studi sul colonialismo italiano, conduce ricerche sull’etnicità e sulla cultura materiale in Eritrea e Etiopia. Attualmente è affiliato per la ricerca scientifica al Dipartimento di Studi sull’Asia e l’Africa mediterranea dell’Università Ca’ Foscari. Indice Introduzione ISSN: 2531-5498 ISBN:9788867877188 Collana: Etnografie Autore: Gianni Dore Edizione 2017 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello