0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Scienze dell'educazione

Scienze dell'educazione
Le attività  e gli strumenti del programma di Tutorato Formativo per i nuovi iscritti all'Università 

Le attività  e gli strumenti del programma di Tutorato Formativo per i nuovi iscritti all'Università 

€ 11,99

Dall’a.a. 2014-15, in alcuni corsi di laurea triennali dell’Università di Padova, si sta sperimentando un programma volto a prevenire il drop-out e favorire i processi di empowerment degli studenti del primo anno. L’obiettivo è di facilitare il passaggio dalla scuola secondaria all’università, attraverso una serie di attività di orientamento e tutorato, svolte in piccolo gruppo, a livello di corso di studio. Da una parte, si offrono informazioni sui Servizi per gli studenti e si svolge un’azione di orientamento al loro corretto utilizzo, dall’altra si accompagnano gli studenti per tutto l’anno accademico con interventi guidati da un Tutor docente (tutoring) e/o da uno o più Tutor studenti (peer tutoring). In questo volume si presentano le attività e gli strumenti per la progettazione e la conduzione delle attività di Tutorato Formativo che, a partire dai materiali predisposti nel modello spagnolo di riferimento, sono stati adattati e rielaborati per il contesto padovano della sperimentazione, attraverso un vasto lavoro di concertazione sui contenuti e sulle metodologie.   Lorenza Da Re è Dottore di ricerca in Scienze Pedagogiche, dell’Educazione e della Formazione all’Università di Padova e Doctór en Educación all’Universidad de la Laguna in Spagna. Attualmente è Assegnista di ricerca in ambito pedagogico presso il Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata - FISPPA dell’Università di Padova. I suoi studi si focalizzano sulle tematiche connesse all’orientamento e al tutorato universitario, e alla dispersione scolastica e universitaria. Tra le sue pubblicazioni: Da Re e Zago (2014), I servizi per gli studenti: il tutorato universitario, in Zago, Giraldo e Clerici, Carriere universitarie tra successo e insuccesso. Dati, interpretazioni e proposte, il Mulino, Bologna, e Da Re, Álvarez Pérez e Clerici (2015). Peer tutoring all’Università: studenti co-responsabili nel Tutorato Formativo, in Gemma e Grion (2015), Student Voice. Pratiche di partecipazione degli studenti e nuove pratiche educative, Cafagna Editore, Barletta. Renata Clerici è Professore Associato di Statistica Sociale presso il Dipartimento di Scienze Statistiche dell’Università di Padova. Ha insegnato Demografia e Statistica nelle facoltà di Economia di Milano (S. Cuore) e Venezia (Ca’ Foscari), e nelle facoltà di Scienze della Formazione e di Statistica di Padova. Attualmente svolge attività didattica per I dipartimenti SPGI e FISPPA e fa parte del collegio dei docenti della Scuola di Dottorato in Scienze Pedagogiche, dell'Educazione e della Formazione dell’ateneo di Padova. La sua attività di ricerca ha riguardato tematiche di ambito socio demografico: famiglia e fecondità, mobilità territoriale e invecchiamento della popolazione; più recentemente si è interessata a questioni di ambito socio-educativo: processi formativi, outcome occupazionali della formazione universitaria, valutazione della qualità della didattica universitaria, dispersione e strumenti di contrasto dell'insuccesso formativo, competenze didattiche del docente universitario e ruolo tutoriale del docente in prospettiva formativa e orientativa. Tra le sue recenti pubblicazioni: Meggiolaro, Giraldo, Clerici, A multilevel competing risks model for analysis of university students' careers in Italy, Studies in Higher Education, 2015, e Clerici, Giraldo, Meggiolaro, The determinants of academic outcomes in a competing risks approach: evidence from Italy, Studies in Higher Education, 2015.   Pedro Ricardo Álvarez Pérez è Professore Titular de Orientación Educativa y Profesional presso il Dipartimento di Didáctica e Investigación Educativa della Universidad de La Laguna (Spagna). Direttore del gruppo di ricerca GUFOI (Grupo Universitario De Formación Y Orientación Integrada). Coordinatore del Plan de Orientación y Acción Tutorial (POAT) della Facoltà de Educación. Membro del gruppo di Dirección del Servicio de Orientación e Información al Alumnado (S.O.I.A.) della Facoltà de Educación.Collabora in qualità di orientatore con varie Facoltà per lo sviluppo di azioni di orientamento e tutorato. Ha diretto vari progetti di ricerca circa il tema dell’abbandono universitario e del tutorato. Nel 2014 gli è stato conferito il “Premio a la Excelencia Universitaria 2014 de la Universidad de La Laguna: Primer Premio de Innovación Educativa”.Ha pubblicato vari volumi sul tema del tutorato e numerosi articoli nazionali e internazionali Anteprima DISPONIBILE IN FORMATO EBOOK ISBN 978 88 6787 682 2 ISBN: 9788867876822 Collana: Scienze dell'educazione Autore: Lorenza Da Re, Renata Clerici, Pedro Ricardo Álvarez Pérez Edizione 2017 Stato: Disponibile in formato ebook

Non disponibile
Scelte professionali e lavoro di cura

Scelte professionali e lavoro di cura

€ 15,00

Negli ultimi decenni si è assistito ad un progressivo invecchiamento generale della popolazione. Inevitabilmente ciò ha prodotto un aumento correlato dell’incidenza di patologie di tipo cronico-degenerativo. La possibilità per un infermiere neo-laureato di rispondere in modo adeguato alle aspettative connesse al suo ruolo professionale e ai nuovi target di assistenza, si lega alle competenze che egli acquisisce nel percorso di studi, così come alla struttura motivazionale che definisce e supporta la sua scelta professionale. Il presente volume per descrivere e discutere i risultati di una ricerca quali-quantitativa longitudinale orientata ad indagare le motivazioni vocazionali e gli orientamenti preferenziali per il loro futuro impiego professionale di un gruppo di studenti del corso di studi in Infermieristica dell’Università degli studi di Padova. Natascia Bobbo, Ph. Dr., è ricercatrice in Pedagogia Sociale e della Salute presso il Dipartimento FISPPA dell’Università degli studi di Padova. Si occupa di Educazione terapeutica, Death Education, Medical Education e Medicina Narrativa. Svolge attività di ricerca di tipo prevalentemente qualitativo sui temi di interesse. Gli esiti delle sue ricerche sono stati pubblicati nelle sue otto monografie e in diversi articoli apparsi su riviste. Insegna “Fondamenti Pedagogici di Educazione al Paziente” e “Formazione in ambito sanitario”. Silvia Lazzaro, Educatore professionale, ha lavorato presso la SSD di Trapianto Multiviscerale dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Nel 2017 ha acquisito il Dottorato di ricerca in Scienze pedagogiche, dell’educazione e della formazione presso l’Università degli Studi di Padova. È docente a contratto nel corso di studi in Educazione Professionale. Ha pubblicato i risultati dei suoi lavori su alcune riviste nazionali e internazionali. Da luglio 2017 lavora presso il Dipartimento per le Dipendenze dell’Ulss 6 di Padova. Indice Premessa DISPONIBILE ANCHE IN FORMATO EBOOK ISBN: 9788867878260 ISBN:9788867878246 Collana: Scienze dell´educazione Curatore: Bobbo Natascia, Silvia Lazzaro Edizione: 2017 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Progetto

Progetto "Fiabe in Pediatria"_Prospettive teoriche e monitoraggio del progetto di ricerca

€ 5,00

Il progetto “Fiabe in Pediatria” nasce da una idea emersa nel 2004 dagli studi e dalle ricerche di Natascia Bobbo ma si concretizza in un intervento reale nei contesti ospedalieri solo nel 2010 grazie al felice incontro con Alice Trevisan. In questi cinque anni il progetto ha preso forma e consistenza, grazie anche alla collaborazione di Susy Comunian, passando dalle prime esperienze del tutto estemporanee presso la Clinica Pediatrica di Padova, ad un progetto rigorosamente strutturato nelle sue finalità e strumenti, e che ora è in fase di realizzazione in più di dieci sedi tra scuole in ospedale e servizi educativi pediatrici in Veneto e in Emilia Romagna. Recentemente il gruppo di coordinamento scientifico si è arricchito di una nuova collaborazione, nella persona di Silvia Lazzaro. Il presente lavoro vuole porsi come il primo di una serie di strumenti che potranno servire da supporto al lavoro quotidiano di educatori professionali ed insegnanti che hanno deciso di lasciarsi coinvolgere in questa sempre più affascinante avventura educativa e di ricerca. Giuseppe Milan è Professore Ordinario di Pedagogia Interculturale e Sociale presso il Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata) dell’Università degli studi di Padova Altri contributi Natascia Bobbo è Ricercatrice di Pedagogia Generale e Sociale presso il Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata) dell’Università degli studi di Padova Alice Trevisan è Educatore Professionale presso l’A. ULSS 15 - U.O.S. Disabilità: Servizio integrazione scolastica e sociale disabili Susy Comunian è Educatore Professionale presso il Servizio Educativo “Gioco e Benessere” del Dipartimento della Salute della Donna e del Bambino, Clinica Pediatrica di Padova Silvia Lazzaro è Educatore Professionale e Ph. Dr. Student in Scienze Pedagogiche, dell’Educazione e della Formazione presso il Dipartimento FISPPA (Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata) dell’Università degli studi di Padova Indice ISBN:9788867873654 Collana: Scienze dell´educazione Curatore: Bobbo Natascia Edizione 2015 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

5,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La Grande guerra nel catalogo di una biblioteca scolastica: il caso dell’Istituto P.F. Calvi di Padova

La Grande guerra nel catalogo di una biblioteca scolastica: il caso dell’Istituto P.F. Calvi di Padova

€ 0,01

“Questo catalogo costituisce la prima iniziativa editoriale legata ad un vasto progetto volto alla completa valorizzazione del ricco patrimonio librario conservato presso la Biblioteca dell’Istituto Tecnico Commerciale “Pier Fortunato Calvi” di Padova. Punto di partenza per questo impegno è stato individuato nel nucleo di testi relativi alla prima guerra mondiale; una scelta dettata sia dalle recenti celebrazioni del centenario dall’entrata in guerra dell’Italia, sia dal consistente numero di volumi dedicati al tema che vi sono conservati. Si tratta di una raccolta eterogenea, che spazia dalla storia diplomatica a quella militare, dalla memorialistica all’ anedottica, dagli epistolari alle biografie, dalle edizioni celebrative alle raccolte di documenti. Il fatto che si tratti di pubblicazioni prevalentemente risalenti al ventennio fascista non ne intacca il valore sia perché – come ha spiegato anche Mario Isnenghi parlando alle classi riunite – un corretto approccio agli studi storici impone di saper distinguere il fatto dall’ interpretazione e dal ricordo, sia perché alcune hanno un valore capace di decretarne l’interesse al di là delle contingenze in cui sono nate tanto da garantirne ripetute edizioni fino ai nostri giorni. La natura composita del fondo è parsa subito funzionale a un suo impiego didattico così come ha incoraggiato a fare Walter Panciera incontrando gli insegnanti: la presenza di fonti storiche e storiografiche differenti – nate con obiettivi e stili diversi – permette un approccio articolato rispetto a quello definito nel libro di testo. Il confronto tra vari punti di vista implementa infatti le capacità critiche degli studenti imponendo una attenta valutazione e un’analisi del loro grado di attendibilità, attività fondamentali specie in un periodo come il nostro in cui alla facilità di accesso alle fonti di informazione spesso non corrisponde un’adeguata capacità di lettura da parte di chi dovrebbe usufruirne. L’impegno di catalogazione è divenuto così impegno didattico e le insegnanti promotrici dell’iniziativa hanno coinvolto gli studenti, facendoli diventare soggetti attivi del processo di apprendimento. Essi sono stati coinvolti prima nella realizzazione di questo catalogo e poi nell’allestimento della mostra “Il lungo risorgimento da Calvi a Battisti”. Dalla Prefazione di Patrizia Zamperlin ISBN:9788867876396 Collana: Scienze dell´educazione Curatore: Patrizia Tramarin e Paola Zorzin Edizione 2016 Stato: informazioni presso Istituto P.F. Calvi di Padova  

Non disponibile
Cittadinanza in “cantiere”

Cittadinanza in “cantiere”

€ 0,01

Atti del Corso di Formazione su “Cittadinanza e Costituzione” organizzato dall’A.D.E.C. in collaborazione con l’I.I.S. “Concetto Marchesi” di Padova Dalla Prefazione di Michele di Cintio "Un seminario di aggiornamento per i docenti come questo, impostato sull’edu­cazione alla Cittadinanza ed alla Costituzione, non può essere considerato alla stregua di tanti altri a carattere professionale o disciplinare, senza nulla togliere alla loro importanza. Una riflessione comune ed un lavoro laboratoriale di docenti con e per docenti su questo tema inerisce all’essenza stessa dell’essere educatori, prima, e docenti poi. Analizzare e confrontarsi su che cosa significhi e su come si possa costruire adeguati percorsi formativi per un’autentica cittadinanza (e per tutti gli ordini di scuola ed i gradi scolastici) vuol dire mettere in campo, da un lato, il significato ed il valore dell’intera istituzione scolastica, intesa come sistema funzionale a formare i protagonisti della vita sociale-economica e politica del domani, quindi a costruire il nostro stesso futuro; dall’altro, significa mettere in campo la valenza più intima e cogente dell’essere educatori. Si tratta, infatti, di comprendere quali siano i comportamenti, le modalità relazionali, gli stili di comunicazione che, quasi come dimensione metadisciplinare, sottendono a tutta l’azione educativa e connotano l’educatore quale figura di riferimento e di rispetto, se non di ammirazione, per un discente, che, specie in un’attualità così povera di esempi dignitosi e coerenti, ha un bisogno estremo di rapportarsi a modelli seri e positivi. Di qui la riflessione non può che proseguire, ed in questo caso il seminario non può che essere un semplice incipit, sul terreno delle impostazioni programmatiche disciplinari e multidisciplinari, ma anche, se non ancora di più, nel terreno degli statuti epistemologici delle stesse discipline e, ad ampio raggio, delle metodo­logie didattiche. Uno stile di insegnamento, strutturato sulla lezione frontale, sulla ripetizione passiva di contenuti conoscitivi, formule, date e via dicendo, senza partecipazione motivazionale, senza dialogo e, soprattutto, senza adeguate operazioni concettuali, sottese all’apprendimento ed alla ritenzione dei dati (se non si risponde ad una ratio della nozione, questa resterà sempre sterile!), è la negazione stessa del significato della cittadinanza attiva. Questa non può che es­sere considerata come consapevole interpretazione della realtà, azione convinta e responsabile nel contesto interrelazionale, coscienza dei fini e dei limiti della civiltà umana globale e capacità di proiettare tali scelte etico-finalistiche, quale assunzione di responsabilità soggettiva ed intersoggettiva, oltre che riferimento di senso a sé ed agli altri, nell’orizzonte del passato, del presente, ma soprattutto, del futuro. Evidentemente ciò presuppone un faticoso e responsabile cammino di educazione e di formazione, che tenga conto, in questo caso sul piano epistemo­logico e metodologico, delle varie discipline, dell’evoluzione del dibattito culturale contemporaneo e degli orizzonti problematici di una civiltà complessa, globale ed interdipendente". Indice ISBN:9788867873470 Collana: Scienze dell´educazione Autore: Giulio Zennaro (a cura di) Prefazione: Michele di Cintio Edizione 2015 Stato: Disponibile

Non disponibile
Il Rugby: cos'è? Seconda edizione

Il Rugby: cos'è? Seconda edizione

€ 14,00

La nuova edizione di Il Rugby: cos’è mantiene inalterata la suddivisione dei capitoli e la progressività dei contenuti proposti, presenta interessanti ampliamenti circa l’esposizione di temi di assoluta rilevanza tecnica e didattica, illustra alcuni dei concetti espressi con tavole sinottiche molto accurate realizzate dal milanese Andrea Santa Maria e inserisce la novità del capitolo dedicato al Ball carrier, la figura caratterizzante delle dinamiche organizzative del rugby moderno. Per l’occasione, con l’obiettivo di soddisfare alcune richieste di approfondimento pervenute dagli studenti dei corsi di Scienze Motorie, il testo è stato arricchito con autorevoli contributi di firme prestigiose del giornalismo italiano come Luciano Ravagnani, Antonio Liviero, Duccio Fumero e Roberto Iasoni. Di particolar interesse la trattazione della mischia ordinata “vista” dal padovano Marco Bortolami, gloria del rugby italiano, ancora in attività, con oltre 100 caps all’attivo. Giorgio Sbrocco, docente di Teoria, Tecnica e Didattica del Gioco del Rugby nel Corso di Laurea in Scienze Motorie all’Università di Padova e Ferrara. Diplomato all’Isef di Bologna nel 1978. Trevigiano di nascita, risiede a Padova da molti anni e padovani sono i suoi figli, Roberta e Enrico, entrambi giocatori di basket. Ha diretto per oltre un ventennio il settore giovanile del Petrarca e ha fatto parte delle commissioni tecniche incaricate della formazione degli allenatori in ambito federale. Attualmente è responsabile del settore didattico del Comitato regionale veneto della Fir e collabora con testate giornalistiche cartacee (“QS - Il Giorno”, “Rugby Club”) e online (“Quotidiano.net” e “Glen Grant.it”) come giornalista pubblicista. Prefazione ISBN:9788867873081 Collana: Scienze dell'educazione Autore: Giorgio Sbrocco Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Seguendo la pista di Akela tra le Alpi e i Pirenei

Seguendo la pista di Akela tra le Alpi e i Pirenei

€ 14,00

Lo Scautismo può essere considerato un ambito pedagogico non formale, importante all’interno di un progetto educativo nei confronti di ragazzi e ragazze. Viene qui rappresentato nel suo iter di crescita e sviluppo, fin dagli inizi del ’900 per poi arrivare alla situazione attuale. Dalla storia e dal percorso fatto, lo Scautismo viene mostrato come un luogo educativo in cui i bambini e le bambine prima, e i ragazzi e le ragazze dopo, possono crescere insieme imparando a conoscere il mondo, ad osservarne le regole e a comprendere valori nuovi e strumenti utili a migliorarlo grazie alle loro azioni. Il lavoro di descrizione e comparazione tra il lupettismo italiano e catalano permette di affacciarsi su mondi diversi all’interno della stessa sfera di azione, il che permette di iniziare a conoscere la diversità dello stesso movimento in situazioni e luoghi differenti. Stefania Affatato, laureata in Linguistica presso l’Università di Bologna nel 2008 e successivamente laureata in Scienze dell’Educazione presso l’Universita di Reggio Emilia. Scout all’interno dell’associazione Corpo Nazionale Giovani Esploratori ed Esploratrici Italiani (Cngei), come membro attivo sia a livello sezionale (a Bologna attualmente membro del Comitato di Sezione), sia a livello nazionale (attualmente collaboratrice della Commissione Consultiva Internazionale). Premessa ISBN:9788867872824 Collana: Scienze dell'educazione Autore: Stefania Affatato Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il tempo di Jaco

Il tempo di Jaco

€ 18,00

Descrivere il gioco è molto difficile, secondo alcuni è difficile quanto descrivere l’amore o la libertà. Il gioco è il principale strumento con il quale il bambino impara alcuni comportamenti necessari al suo sviluppo e alla sua crescita ed è attraverso il gioco che, con questo progetto, ci ripromettiamo di consentire una esperienza sulle emozioni e sulle sensazioni. La modalità di lavoro comincia dal racconto di una fiaba seguito da una serie di tecniche espressive basate sull’espressione drammatica, l’uso del corpo, la danza creativa, i giochi, la manipolazione, i disegni e la musica. Il corpo diventa il veicolo per rappresentare un’emozione con un suono, un movimento, un colore recuperando la totalità di tutti i linguaggi. L’obiettivo è quello di far sperimentare al bambino/ragazzo situazioni del mondo reale senza subirne le conseguenze e di lasciarlo giocare in un contesto diverso da quello didattico dove lo studio diventa una conquista ricca di piacere e divertimento. La scansione degli incontri con relative attività è considerata un suggerimento, le varie attività sono proposte con scansione variabile a seconda dell’età del gruppo di lavoro. L’insegnante potrà scegliere, al termine del percorso, di realizzare una lezione aperta, selezionando le attività inserite nella narrazione della favola, allestendo un momento di condivisione con i genitori. Rossana Gesuato ha una formazione nell’ambito musicale didattico-pedagogico, nella danza educativa ed espressività corporea. Collabora con istituzioni pubbliche e associazioni per la diffusione della cultura musicale e della danza olistica. Francesca Bizzarri è un’attrice diplomata alla Scuola di Teatro di Bologna. Dal 1996 lavora in teatro dividendosi tra l’Italia, la Francia e ora anche Abu Dhabi. Continua ad alternare il lavoro sul palcoscenico con quello dei laboratori per ragazzi. CD ROM allegato Indice e Prefazioni di Maurizio Bercini e Stefania Lucchetti ISBN:9788867872435 Collana: Scienze dell'educazione Autori: Rossana Gesuato, Francesca Bizzarri Edizione 2014 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello