0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Varia

Varia
Campo 97

Campo 97

€ 15,00

Corrado Perissino, anarchico veneziano e combattente antifascista in Spagna, assieme ai Triestini Umberto Tommasini, anarchico, e Giorgio Jaksetich, comunista, viene trasferito dal confino di Ventotene al campo di concentramento di Renicci d'Anghiari, poichè "Internati e confinati maschi colonia Ventotene non compresi recenti provvedimenti clemenza perché comunisti e anarchici dovranno essere trasferiti campo concentramento Renicci d'Anghiari" (Telegramma del Ministero n. 49082/451 alla prefettura Arezzo, 12 agosto 1943). Ne suo diario, oggi custodito dal Aldo, commenta quegli ultimi giorni di luglio, fino al fatidico 8 settembre '43 e ci rende partecipi delle vicende dei protagonisti - i "politici" - nel viaggio di trasferimento, al momento dell'arrivo e soprattutto per il periodo di permanenza nel campo di Renicci, costruito per recludere internati slavi, dopo l'invasion delle loro terre da parte delle truppe italiane. In base alla sua e ad altre testimonianze dirette di Alfonso Failla, Umberto Tommasini e Giorgio Jaksetich, il diario veneziano Corrado Perissino, che accompagna le fasi salienti del racconto, è inedito. Perissino è un personaggio meno noto ma che ha vissuto in prima linea il contesto antifascista europeo dagli anni '30 fino alla morte, a Bruxelles, negli anni '80. Tra gli altri prigionieri a Renicci di cui nel fumetto si traccia la figura, c'è l'artista Giandante X. Non ultimo, Beppone Livi, che organizzò attività di soccorso agli internati e che, con la moglie Angela Crociani, fu tra l'altro responsabile del vettovagliamento per i trecento slavi armati evasi dal campo. I protagonisti di questa storia disegnata sono esistiti e i fatti narrati sono accaduti realmente. I dialoghi e le situazioni sono stati immaginati con verosimiglianza, sulla base dei racconti dei testimoni. Fabio Santini si occupa di grafica e di editoria. Ideatore di ApARTe°, prestigiosa rivista di cultura libertaria, è nella redazione di "Venezia Viva". Ha realizzato, con Marco Riccomini, la mostra di fumetti e il catalogo "Le nuvole dell'anarchia" per la Rassegna del fumetto di Prato del 2001. È autore delle graphic novel La rivoluzione volontaria (Antistato, Milano, 1980/ Edition libertaires, Toulouse 2003); Gaetano Bresci, un tessitore anarchico (MIR edizioni, Prato 2006); Ventotene: storie di confinati (Annexia Edizioni, Genova 2007). Per le edizioni del Centro Internazionale della Grafica di Venezia ha illustrato i volumi Venezia nei luoghi di Ugo Pratt, Venezia: acqua, pietre e pagine, Giochi proibiti. I bandi contro il gioco sui muri a Venezia. Per le edizioni Fuoriposto ha illustrato i volumi Bosco da reme e Venezia, la segonda bona mare. Per Eleuthera ha illustrato il volume di Paolo Pasi Ho ucciso un principio. Paola Brolati, completato un percorso di studi umanistici, si dedica al teatro, passione che coltiva da sempre. Si forma artisticamente con il teatro a l'Avogaria di Venezia ed è attrice professionista dal 1989, autrice e regista. Si occupa per più di un decennio di cabaret, tra le fila delle attrici comiche italiane. Conduce laboratori teatrali da più di un quarto di secolo. Riceve svariati riconoscimenti come scrittrice e attrice; ha consegnato il suo diario di adolescente all'Archivio diaristico nazionale di Pieve Santo Stefano. Ricercatrice di tradizioni popolari veneziane e dolomitiche, dal sorgere del terzo millennio si occupa di teatralizzare la storia, la vita, l'immaginario e i problemi della gente di montagna. Anteprima ISBN:9788867878659 Collana: Varia Autori: Paola Brolati, Fabio Santin Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Gli anni di Torreglia 1943-1945

Gli anni di Torreglia 1943-1945

€ 15,00

L’idea di mettere per iscritto le vicissitudini e le esperienze vissute nei due anni trascorsi a Torreglia, è nata molti anni fa: ero appena ventenne quando riempii qualche velina battuta a macchina con un paio di episodi, facilmente riconoscibili per lo stile prettamente manzoniano, effetto di reminiscenze scolastiche. Poi, con gli anni, il testo si è accresciuto e, piano piano, ha preso forma, con i contributi anche di mio fratello Antonio e della stessa Pia Tolomei, che mi ricordò gli episodi più significativi. Il racconto si svolge sospinto da un impulso del tutto spontaneo, frutto delle emozioni che, mano a mano che scrivevo, rinvenivano intatte. Visto a posteriori, credo si possa classificare come un racconto di formazione, il bambino che in due anni di vita a Torreglia, è tornato a Padova con un bagaglio di esperienze che non lo abbandoneranno più, e con maggiore consapevolezza di sé. G.G. Giorgio Grasselli è nato a Padova dove risiede ed esercita la professione di avvocato. Ha pubblicato diverse opere in tema di locazioni e diritto processuale, e ha collaborato con le migliori riviste giuridiche. Gli anni di Torreglia è la sua prima opera di narrativa. Introduzione ISBN: 9788867878772 Collana: Narrativa Autore: Giorgio Grasselli Edizione: 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Arturo Collodel

Arturo Collodel

€ 10,00

In queste pagine viene raccontata con voce commossa, forse malinconica, un po’ nostalgica, ma sempre convinta, la vita o meglio parte della vita di Arturo Collodel, classe 1934, trevigiano di San Pietro di Feletto, dove le verdi colline si sposano con il superbo Prosecco, un ragazzo che viveva in una casa di campagna con mamma, papà, fratello, zii e cugini, tutti dentro i pochi metri quadrati di quella casa priva di pavimento e circondata dal fango... Nel racconto ci sono immagini in bianco e nero, un po’ sbiadite dalla memoria, ma ci sono, sono insite nelle parole del protagonista Arturo che, come per sussulto si eccitava andando ad ascoltare da un vicino di casa la radiocronaca del Giro d’Italia e del Tour de France. E poi il ricordo più grande legato a quella squadra che era il Grande Torino... e poi ancora tutta una vita ricca di lavoro e di viaggi attorno al mondo. Valter Esposito (Venezia, 1959), giornalista pubblicista, è responsabile dell’ufficio stampa del Polo Museale del Veneto. Collabora dal 1985 con «la Nuova di Venezia e Mestre» e ha collaborato per diversi anni con la «Gazzetta dello Sport» e altri periodici sportivi nazionali. Ha pubblicato biografie di personaggi legati al mondo dello sport e opere di narrativa tra le quali ricordiamo: La notizia nera (2009), Il silenzio del pesce luna (2010) e Rosso (2011). Ha pubblicato le raccolte poetiche Gli amori in versi (2016) e Le emozioni perdute (2017). Introduzione ISBN: 9788867877256 Collana: Varia Curatrici: Valter Esposito Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

10,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Poesie, immagini, racconti e proverbi

Poesie, immagini, racconti e proverbi

€ 18,00

In questo libro di poesie, racconti e proverbi, ho cercato di narrare la memoria di fatti di vita vissuta e di esperienze personali che mi hanno accompagnato per tanti anni. Le poesie e i racconti sono di vario genere: Ricordi del mio paese; I valori della vita; I valori della famiglia; Le fiabe; Vita d’altri tempi; Le Poesie di poeti Accademici dell’800. In queste poesie e racconti c’è l’amore, la felicità, l’allegria, il lavoro, la fede, il ciclo della natura, la povertà, il ricordo di tempi passati. I proverbi, invece, sono sempre riferiti a specifici argomenti narrativi.   Nato a Bovolenta il 21-09-1936, dove ha sempre abitato, come attualmente. Sposato con Adelia-Gabriella Zilio. Padre di due figli: Luca e Chiara. Ha vissuto le ultime fasi della seconda guerra mondiale in modo drammatico. Negli ultimi giorni del conflitto rischiò di essere deportato con la madre e due sorelle, dai nazifascisti, perché uno zio materno, dopo l’8 settembre 1943, era disertore. La casa dei genitori, in quel tempo, adibita a trattoria, il 24 aprile 1945, fu distrutta da un bombardamento da aerei alleati che miravano a distruggere il ponte sul canale Vigenzone ma, sbagliata la mira, le bombe colpirono la case vicine.   Indice Premessa ISBN: 9788867878741 Collana: Varia Curatrici: Adriano Tasca Edizione 2018 Stato: Disponibile    

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Donne al di là del muro

Donne al di là del muro

€ 15,00

Che cos’hanno in comune donne come Angelina, Doris, Elisa, Maria e Milva? Un muro! Una barriera che può essere vistosa e imponente quando realizzata in mattoni piuttosto che in cemento armato, un ostacolo frutto di una scelta consapevole o di una imposizione che può essere anche invisibile, ma non per questo meno pericoloso, risultato di particolari steccati mentali che possono degenerare in preoccupanti forme di pregiudizio o razzismo. Tra tanti muri che circondano la nostra quotidianità, che accerchiano le nostre vite c’è anche il muro d’acqua creato dal mare Mediterraneo che quotidianamente, in un clima di indolente indifferenza collettiva, migliaia di persone cercano disperatamente di scavalcare per fuggire da ingiustizie, violenze e soprusi di ogni genere. Un esercito di disperati allo sbando, in fuga da conflitti più o meno dichiarati o comunque vittime inconsapevoli di guerre tra poveri, che con la vita vogliono legittimamente portare in salvo anche i propri sogni.     Giovanni Rattini, da sempre vicino all’associazionismo e al mondo del volontariato, organizza e coordina eventi culturali. Per Cleup ha pubblicato C’era una volta il Trenino dell’Altopiano… Viaggi, storie e ricordi lungo la ferrovia (2008); Viaggi diversi (2010), dal quale è stato tratto il reading teatrale “Un Treno, una valigia, ricordi e poesie”; COISLHA. Trent’anni in trenta storie (2010); Sogni a pedali. Giuseppe Pancera e la bicicletta (2012). Tra le sue altre pubblicazioni: È il colmo (Tracciati 2011), Tre d’amore (Tracciati 2014), Tutti giù per terra (Tracciati 2014), Il Velodromo Monti 1915-2015. Storia, sport e velocità (Imprimitur 2015), Il botto dell’Epifania (Il Torchio 2016), Dammi cinque (piccole storie) (Tracciati 2017), Il calcio nel pallone (Sismondi Editore 2018). Prefazione ISBN:9788867878949 Collana: Varia Autore: Rattini Giovanni Prefazione: di Luciana Milani Edizione 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Padova di una volta

Padova di una volta

€ 18,00

Una città è qualcosa di vivo che si manifesta nell’alternanza delle sue architetture, delle sue case, delle sue piazze, e Padova, le cui origini si perdono nella leggenda di Antenore, non fa eccezione. Dopo varie vicissitudini essa è pervenuta nell’età moderna come città di media portata, ricca di accenti, e ha conservato, fortunatamente, molte tracce del suo travagliato cammino, sufficienti a ricostruirne l’identità. Con le sue fotografie, Giorgio Grasselli ha tentato di cogliere e interpretare questi aspetti di Padova, aspetti spesso contraddittori ma in ogni caso significativi, e di trasmetterli a chi in questa città è nato e vissuto, e a quanti hanno deciso di venirvi ad abitare. Giorgio Grasselli è nato a Padova dove ha esercitato la professione di avvocato, coltivando, nei momenti liberi, la sua grande passione per la fotografia, nata quando aveva appena sedici anni. Come fotografo non professionista si è formato nel Fotoclub Padova, dove si iscrisse nel 1972, sotto la guida dell’allora Presidente Gustavo Millozzi, e dei valenti fotografi Nando Casellati, maestro del colore, e Mario Lasalandra maestro del bianco e nero. Ha partecipato a molti concorsi fotografici nazionali e internazionali ottenendo numerosi riconoscimenti e premi che, nel 1980, gli valsero il titolo di Artist de la Federation Internationale de l’Art Photographique (AFIAP). Sue opere sono state pubblicate in riviste specializzate come «Fotografare», «Il Fotografo», «Photo Italiana», «Reflex», ed esposte in varie mostre sia in Italia sia all’estero. Presentazione anteprima ISBN:9788867879953 Collana: Varia Autore: Giorgio Grasselli Edizione: 2018 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello