0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Poesia

Dico, dunque siamo

Dico, dunque siamo

€ 14,00

Un libro che raccoglie in forma di racconti i ricordi di eventi spesso piccoli, capaci di stimolare riflessioni più ampie e anche qualche invenzione, con la speranza di migliorare la realtà. Ci sono un po’ troppi cani, ma la città è così. Una seconda parte è destinata agli aforismi, vecchia abitudine, che può essere una cura. Come avviene per la satira, il rigurgito acido è trasformato in gioco e riflessione, con il risultato che un dolore può diventare un sorriso. L’ultima parte è dedicata a composizioni in versi scritti negli ultimi anni, non tutti di occasione. Gli argomenti variano dai congressi, agli affetti, alla burocrazia, ai processi di pensiero, fino a due attuali epidemie: quella di Covid e quella dei Mona-pattini. Alberto Schön è padovano, medico, neurologo, membro della Società Psicoanalitica Italiana e Internazionale. Si interessa di aspetti psicologici delle arti e di umorismo. I suoi pazienti lo hanno perfezionato nel campo delle angosce, contraddizioni e dubbi, per cui adesso può insegnare queste importanti materie. Per i tipi della Cleup ha pubblicato: Vizi Virtù & Co (2002), Infallibili errori. Disforismi: pensieri su mondi vari e psicoanalisi (2006), Rotatorie. Dall’irritazione alla narrazione (2014), Natali per una modesta bellezza. Ai cari amici che hanno la pazienza di leggere (2015). Indice Bugiardino Incipit ISBN: 9788854953208 Collana: Narrativa Autore: Alberto Schön Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La passeggiata / The walk

La passeggiata / The walk

€ 6,49

"La lotta con la parola, la lotta per la sua interpretazione, perché dall’abisso possa emergere ed esistere, è assai spesso il destino del cantore di poesie, per non dire del poeta. È la lotta di vita e di morte: è necessario che la parola nella sua forte materialità “uccida la cosa” perché la “cosa”: l’amore, l’attimo fuggente, gli affetti, la morte, i volti, il Dio, ad-vengano in una epifania che dischiude mondi a mondi. L’impossibilità di raggiungere il reale, se non interpretandolo, nominandolo. Nulla è più distante della realtà, anche se nulla è più vicino. Sembra di essere condannati alla distanza, all’assenza, appunto a un dire che diventa e diviene soltanto comunicazione e comunione quando nel linguaggio si opera la presa-a-distanza. Nella materialità di “Gestazione” di Gianni Xodo, una delle sue poesie di questa raccolta, tutto ciò viene programmaticamente e serenamente detto, e la lotta antica del cantore è espressa con solarità, come solari sono le sue poesie. Solari e terrestri, intrise di una solarità sana e arcaica che con pudore si dice..." "Struggling with the word, struggling for its interpretation, so that it can emerge from the abyss and exist, this is very often a poet’s destiny. It is a life and a death struggle: it is necessary for the word in its strong material essence (materiality) to ‘kill the object’, so that the ‘object’, love, fleeting moments, affections, death, faces, God, can reach an epiphany which opens worlds up to worlds. The impossibility to reach the real without interpreting it, naming it. Nothing is farther away from reality and at the same time nothing is closer. It seems we are condemned to distance, to absence, to uttering words that come to life and become communication and communion just by a distancing technique in the language. In the materiality of Gianni Xodo’s ‘Gestation’, one of the poems in this collection, all this is programmatically and quietly said, and the poet’s ancient struggle is expressed in a solar way, just as his poems are. They are solar and earthly, imbued with a healthy archaic solarity which discretely tells itself…" Disponibile solo in edizione ebook EBOOK ISBN: 978854953109 Collana: Poesia Autore: Gianni Xodo Traduzione di Miriam Vertes Edizione 2020 Stato: Disponibile in formato EBOOK

Non disponibile
Talelei razon

Talelei razon

€ 12,00

«Benedici Signore nostro Dio ogni nostra opera e benedici i nostri anni con rugiade propizie...»: con queste parole gli ebrei invocano, nei mesi estivi, la benedizione divina sui campi e sulla vita. Come rugiade propizie sgocciolano i testi riuniti in questo libro, siano stati essi scritti nel tentativo di confrontarsi con l’esperienza immane della preghiera quotidiana (Per dirTi / che la forza / di sfogliare / pagine ingiallite / dal correre / dei pensieri / si è sciolta / dentro una clessidra / immobile/ ho atteso / il placarsi / del mattino) o col desiderio di dar voce alla propria identità maschile (Dormo nudo / quando mi ricordo / di voler sognare. / Chiudo allora la finestra, / l’aria si fa morbida / come minestra fumante, / come latte di padre). Versi che sono, come li introduce Michela Beatrice Ferri, un richiamo all’esperienza spirituale e corporea, un richiamo all’esperienza famigliare e umana, un richiamo a una figura di uomo che si racconta. Ariel Viterbo è nato nel 1965 a Padova. Da quando sa scrivere, scrive poesie. A vent’anni è emigrato in Israele, dove ha continuato a vivere la cultura italiana, parlando, leggendo e scrivendo nella lingua madre. È questo il suo terzo libro di poesie, facendo seguito a Dimenticarsi (Editrice gds, 2010) e Tócchi (CLEUP, 2014). Indice Prefazione di Michela Beatrice Ferri   ISBN: 9788854952294 Collana: Poesia Autore: Ariel Viterbo Prefazione: Michela Beatrice Ferri Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Ascolto in me la vita

Ascolto in me la vita

€ 12,00

La poetessa Wisława Szymborska si è chiesta cos’è la poesia e perché si scrive in poesia. Per lei non è che un utile corrimano. Nient’altro. E forse non è lecito per noi chiederselo ponendo la questione del perché lo si fa rispetto al farlo con piacere e dolore, come se questo scrivere altro non fosse che bisogno intimo, personale bisogno della pura esistenza. Anche il lettore è nudo davanti al testo. Ne ricava sussulti, ne astrae singole parole, preziose immagini per continuare a leggere e a vivere. […] La poesia, sì, non si sa cos’è. Intanto è questo. Non è poco. (dalla prefazione di Roberto Pittarello) Susanna Zancanaro, nata nei dintorni di Parigi da genitori italiani, vive dal 1973 a Piove di Sacco (PD). Insegna nella scuola secondaria di primo grado. PRH (personalità e relazioni umane) Scuola Internazionale di Formazione e Ricerca, segna il suo cammino interiore. Fa parte del Gruppo Artisti della Saccisica e collabora alla rivista mariana del Santuario della sua cittadina. Pubblica Vivo elemento e altre poesie (Cleup, 2018), Passeggiata fiorita – il fiore di Maria (Cleup, 2019), La Bianchina (LIF, 2019), Silenzi di Natale (LIF, 2019).   Prefazione Anteprima ISBN:9788854951075 Collana: Poesia Autore: Susanna Zancanaro Prefazione: Roberto Pittarello Acquerelli: Elettra D'Agnolo Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello