0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Collane scientifiche

Alessandro Magno nel Veneto medievale e dintorni

Alessandro Magno nel Veneto medievale e dintorni

€ 28,00

 Come in generale per le lingue e le culture medievali, anche per le storie di Alessandro il Veneto è stato un luogo importante di incontro e di interesse, di riuso e di elaborazione di testi sulle vicende del Macedone in direzione plurilinguistica e polimorfa. Sono situazioni e pratiche riconoscibili nella confezione e nella circolazione di manoscritti del Roman, nel rinvenimento di tracce e frammenti alessandrini, nelle citazioni dei trovatori operanti nel Veneto e in Italia, nei poemi francoitaliani e nella feconda produzione di volgarizzamenti in prosa e di poemi in versi sulle storie di Alessandro. Nel Veneto, e più latamente in Italia, non si è sviluppata una tradizione di volgarizzamenti ‘orizzontali’ del Roman d’Alexandre, derivanti cioè dal testo francese, come avviene per le avventure dei cavalieri arturiani e di Tristano, il Roman è diffuso nella lingua originale, mentre è preminente lo sviluppo di una tradizione di volgarizzamenti “verticali” e di rifacimenti basati sui testi mediolatini dell’Historia de preliis. Con integrazioni e innovazioni, il volume raccoglie gli interventi presentati al convegno svoltosi nel maggio del 2015 a Padova presso l’Accademia Galileiana con il sostegno e il patrocinio dell’Università e del Dipartimento di Studi linguistici e letterari. È dedicato allo studio della presenza di Alessandro nei testi letterari, sia latini che romanzi, circolanti in primis nel Veneto medievale ma anche, con allargamenti di prospettiva a ‘dintorni’ geografici e culturali, in Italia ed Europa. Una prima sezione, avviata da un saggio di Corrado Bologna, riguarda i volgarizzamenti e i poemi italiani (Alessandro Magno della Marciana, Istoria di Alessandro Magno di Domenico Scolari, Libro del Nascimento, Alessandro Magno in rima e l’Alexandreida dello Pseudo-Jacopo Di Carlo). Nella seconda parte sono trattati aspetti di carattere ecdotico relativi all’Alexandre del Correr, allo spagnolo Libro de Alexandre e ai collegamenti tra i due testi. Nel terzo gruppo è esaminata l’Alessandreide di Gautier de Châtillon dal punto di vista dei ‘lettori’ e imitatori, specie veneti, e successivamente l’attenzione è rivolta alla fortuna europea, da Padova all’Europa e viceversa, di due epitaffi su Alessandro dell’Historia de preliis. Infine la quarta parte analizza le manifestazioni di dolore per la scomparsa di Alessandro nella Mort Alixandre e le forme di gioco e di rituali di corte coinvolgenti Alessandro (Les Faicts et les Conquestes d’Alexandre le Grand di J. Wauquelin e il Livre du Chevalier Errant di Tommaso di Saluzzo).   Indice Introduzione ISBN: 9788854951495 Collana: Romanistica Patavina 18 Autore: Gianfelice Peron Edizione 2021 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

28,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Metis 2021  - Vol. XXVIII  1/2021 -5%

Metis 2021 - Vol. XXVIII 1/2021

€ 20,00 € 19,00

Il primo articolo dal titolo Complexity of dialogues on the net è di Mariselda Tessarolo: l’ipotesi di partenza è che i dialoghi ibridi derivino dall’interconnessione e dalla co-performatività, che consentono la messa in scena di identità private e pubbliche nonché di performance on line e off line; nel secondo contributo dal titolo Nomads in the agora: an art project addressing ethnic discrimination, Raluca Levonian tratta di un aspetto particolare del museo nell’attuale società rumena che, oltre a promuovere l’apprendimento, incoraggia a diventare agenti di cambiamento sociale; il terzo articolo scritto da Antonella Pocecco, intitolato I media nella costruzione della memoria: la pluralizzazione del ricordo, esplora la rilevanza del ruolo dei mezzi di comunicazione di massa inte­si come veri ‘attivatori’ della memoria nella sfera pubblica; Il quarto contributo di Marco Ferrazzoli e Laura Marozzi dal titolo Protagonisti ed esclusi. La rappresentazione mediatica degli stakeholder nella pandemia, presenta una ricerca quali-quantitativa relativa alla presenza di alcuni soggetti sociali portatori di interessi vengono qui analizzate 18 aree tematiche relative all’informazione collegata al Covid-19 prodotte dal Corriere della Sera nelle sue testate on line e cartacea. Tristano Volpato presenta un lavoro dal titolo Mazunte: un esempio di comunicazione interculturale nel sud-ovest del Pacifico messicano. In questo lavoro viene studiato il gruppo di immigra­ti italiani che vivono nello stato di Oaxaca nel Messico, gruppo che si pone come un’eccezione rispetto ad altre comunità italiane che hanno preferito un’auto-esclusione per difendere la propria italianità. Indice ISBN: 9788854953901 Collana: Metis Curatori: Tessarolo Mariselda, Pier Paolo Bellini Edizione: 2021 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

19,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Etnografando na pandemia

Etnografando na pandemia

€ 19,00

Esta coletânea oferece uma reflexão excepcional sobre aspectos fundamentais da pesquisa etnográfica; em particular, do trabalho de campo, âmago da antropologia, em meio aos desafios da pandemia da COVID-19. Os autores dos textos, estudantes do Programa de Pós-graduação em Antropologia da Universidade Federal da Bahia, compartilham aqui, corajosa e generosamente, sua resposta aos impactos dessa crise global sobre suas pesquisas, apresentando os dilemas e as soluções encontradas, ao tempo que permitem adentrar seus processos de aprendizagem da pesquisa antropológica. Trata-se de uma rica contribuição para continuarmos a pensar sobre o fazer etnográfico e antropológico a partir das experiências vividas na pesquisa no meio da pandemia. Paride Bollettin, Doutor em antropologia pela Università degli Studi di Siena, é atualmente Professor Visitante do Programa de Pós-graduação em Antropologia da Universidade Federal da Bahia e Honorary Research Fellow da Durham University. Suas áreas de concentração são etnologia indígena, antropologia das ciências e antropologia ambiental. Guillermo Vega Sanabria, Doutor em Antropologia pela Universidade Federal do Rio de Janeiro, é Professor Adjunto no Departamento de Antropologia e Etnologia e Professor Permanente no Programa de Pós-graduação em Antropologia da Universidade Federal da Bahia. Suas áreas de concentração são as relações entre educação, ciência e sociedade. Fátima Tavares, Doutora em Antropologia pela Universidade Federal do Rio de Janeiro, é Professora Titular do Departamento de Antropologia e Etnologia e Professora Permanente do Programa de Pós-graduação em Antropologia da Universidade Federal da Bahia. Suas áreas de concentração são religiões e saúde, religiões e espaço público, festas e patrimônio e redes de cuidados em quilombos.   Il libro è scaricabile gratuitamente ISBN:9788854953727 Collana: Encounters 3 Curatori: Paride Bollettin, Guillermo Vega Sanabria, Fátima Tavares Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

19,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Archeologi nelle terre di bonifica

Archeologi nelle terre di bonifica

€ 18,00

Nel corso dei secoli alcuni paesaggi, più di altri, hanno cambiato profondamente la propria fisionomia. È questo il caso delle “terre di bonifica”, ambienti da sempre dominati dalle acque che moderni interventi di ingegneria idraulica, messi in atto tra ’800 e ’900, hanno trasformato in terreni da abitare e sfruttare principalmente a fini agricoli. In questi luoghi, originariamente anfibi, si è persa non solo la consuetudine dell’uomo a rapportarsi con l’elemento acqueo, ma anche la memoria delle peculiari caratteristiche dei paesaggi pre-bonifica che per secoli hanno condizionato scelte insediative e modalità d’uso del territorio. Il volume raccoglie alcuni contributi che trattano di queste terre in epoche antiche e dei sistemi adottati per favorire il deflusso idrico, migliorare le condizioni dei terreni e contrastare l’impaludamento, con l’intento di far riemergere il valore paesaggistico e culturale dei luoghi, anche in chiave di valorizzazione turistica sostenibile e innovativa. Una sfida che si può vincere attraverso la condivisione più ampia possibile dei risultati delle ricerche multidisciplinari e le straordinarie potenzialità delle tecnologie applicate ai beni culturali. Maria Stella Busana professore di Archeologia romana presso il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova, si occupa di popolamento rurale, di architettura residenziale e di produzioni. Elisabetta Novello professore di Storia economica presso il Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova, si occupa di storia ambientale, di storia economica e di trasmissione orale. Alice Vacilotto assegnista di ricerca in Archeologia presso il Dipartimento dei Beni Culturali dell’Università di Padova, si occupa di archeologia dei paesaggi e di valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico. Indice Introduzione ISBN:ISBN: 9788854953581 Collana: TerrEvolute 2 Curatori: Maria Stella Busana, Elisabetta Novello, Alice Vacilotto Edizione: 2020 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Archivi 4.0 e Paesaggio

Archivi 4.0 e Paesaggio

€ 16,00

Archivi 4.0 e Paesaggio. La digitalizzazione del patrimonio culturale è una raccolta di saggi che hanno come comune denominatore l’importanza di preservare e valorizzare le fonti primarie legate alla storia economica, sociale, politica e ambientale di un territorio. Nel volume l’attenzione è rivolta, in particolare, agli ambienti ‘artificiali’ modellati dall’uomo secondo le proprie esigenze e oggi percepiti dalle comunità locali come ‘naturali’ e facenti parte della loro identità. Questi ambienti sono depositari di un rilevante patrimonio culturale, materiale e immateriale, che deve essere innanzitutto riconosciuto come tale e quindi tutelato. Nel contesto attuale, un’efficace valorizzazione delle fonti primarie, conservate negli archivi degli enti preposti alla gestione del territorio, non può non tenere conto dell’evoluzione della tecnologia multimediale, la quale consente di raggiungere un’utenza molto ampia in modo immediato, chiaro ed economico: è necessario, quindi, pensare in termini di Archivi 4.0. Mario Brogi professore di Archivistica e Archivistica speciale presso il Dipartimento di Scienze storiche, geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova. È responsabile scientifico del progetto di ordinamento dell’Archivio storico del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale. Elisabetta Novello professore di Storia economica, Storia ambientale e Storia orale presso il Dipartimento di Scienze storiche, geografiche e dell’Antichità dell’Università di Padova. È responsabile scientifico di «Terrevolute» (www.terrevolute.it), un progetto multidisciplinare sul patrimonio materiale e immateriale dei Consorzi di bonifica nel Veneto. Remy Simonetti dottore di ricerca in Storia Medievale, curatore dell’Archivio storico del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale, si è occupato di storia delle istituzioni e storia del territorio in area veneta tra Medioevo e prima Età Moderna. Indice Prefazione Introduzione ISBN: 9788854953574 Collana: TerrEvolute 1 Curatori: Mario Brogi, Elisabetta Novello, Remy Simonetti Prefazione: Giorgetta Bonfiglio Dosio Edizione: 2020 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Demenze

Demenze

€ 28,00

"Il libro si propone di fornire a tutti i clinici che seguono pazienti con demenza consigli pratici per orientarsi su una tematica molto ampia, complessa, che ha visto una rapida evoluzione delle conoscenze negli ultimi anni. I progressi nelle scienze di base e nelle metodiche diagnostiche hanno infatti permesso di riconsiderare le stesse definizioni di declino cognitivo e demenza, di inquadrare con più precisione le diverse forme nosografiche, spesso complesse e articolate, oltre che di specificarne in molti casi l’eziologia e la prognosi, mediante l’utilizzo di biomarcatori. Di questi fanno parte sia tecniche di imaging strutturale e funzionale, che nuove metodiche di analisi biochimiche e genetiche. Nuove terapie farmacologiche e comportamentali sono o saranno presto disponibili per il clinico che dovrà seguire i pazienti nelle varie fasi della malattia. Gli aspetti etici e medico-legali sono inoltre una componente fondamentale che tutti gli operatori dovrebbero aver ben presente. Bene, tutti questi aspetti sono trattati nel volume in maniera esauriente dai massimi esperti nei rispettivi campi. La neurologia italiana si è particolarmente distinta nelle ultime decadi per la ricerca nell’ambito delle demenze e la nascita nell’ambito della SIN, 16 anni fa, dell’associazione autonoma SINDEM è testimonianza dell’impegno dei neurologi italiani in tale ambito. Quasi tutti gli autori del volume svolgono un ruolo attivo nel Consiglio Direttivo o nel Comitato Scientifico di tale associazione o ne fanno comunque parte." Dalla Presentazione di Carlo Ferrarese In allegato al volume il CD-ROM con i Consigli pratici per la cura dell' Associazione demenza di Alzheimer NEUROSCIENCE 2000, Collana diretta da L. Gallosti G. Rossi R. Schönhuber Luciano Gallosti è medico nella Divisione di Neurologia Riabilitativa OC di Rovereto. Indice Presentazione Introduzione ISBN: 9788854953253 Collana: Neuroscienze 2000_4 Curatore: Luciano Gallosti Edizione 2021 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

28,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Teatro, prácticas y artes performativas del testimonio y de la memoria

Teatro, prácticas y artes performativas del testimonio y de la memoria

€ 32,00

Este volumen, que la colección Lingue Linguaggi Politica acoge, se propone insistir en el testimonio y en la memoria, en sus modos de construcción y de puesta en escena en los países del Cono Sur (en Argentina, Chile y Uruguay) desde las postdictaduras de los años ochenta. A partir de las inmediatas democracias, el teatro –y sus nuevas manifestaciones dramáticas y escénicas (el teatro de lo real, el biodrama, el performativo, documental, liminal, etc.)–, a través de la multiplicidad de sus evoluciones, ha seguido siendo –como siempre recuerda Jorge Dubatti– la “caja de resonancia para aquel período terrible, la memoria de aquel horror”. El volumen desarrolla, con perspectivas multidisciplinarias, dimensiones ontológicas y estéticas de las formas teatral-narrativas y performativas, y de las prácticas emergentes como manifestaciones, actos, eventos en vivo, espectacularizaciones (marchas, escraches…). El estudio de la naturaleza performativa del testimonio y de la memoria se extiende a las artes visuales y a acciones socio-creativas que tienen lugar en museos y otros espacios como la ciudad misma, y que involucran soportes de varios formatos (fotografía, pintura, objetos, grabaciones, audiovisuales, etc.), gracias también a las artes digitales que acentúan el carácter eminentemente interactivo y participativo de las instalaciones. Antonella Cancellier es profesora catedrática de Lengua, lingüística y traducción española, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali. María Amalia Barchiesi es profesora titular de Lengua, lingüística y traducción española, Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Studi Umanistici: lingue, mediazione, storia, lettere e filosofia. Índice Premisa Il libro è scaricabile gratuitamente ISBN: 9788854953444 Collana: lingue, linguaggi, politica 3 Curatori: Antonella Cancellier y María Amalia Barchiesi Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

32,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il concorso esterno in associazioni criminose

Il concorso esterno in associazioni criminose

€ 22,00

  ELSA - The European Law Students’ Association - Italia è la più grande associazione in Italia che riunisce studenti e neolaureati in materie giuridiche, per un totale di oltre 4.000 soci presenti su decine di facoltà di Giurisprudenza in tutto il territorio nazionale. Indipendente, apartitica, aconfessionale e senza scopo di lucro, si propone di affiancare la preparazione accademica dei giovani giuristi attraverso ulteriori occasioni di apprendimento, in modo da colmare il divario esistente tra la formazione universitaria e l’odierno mondo professionale.   La collana dei Legal Research Groups di ELSA Italia lega tutti i lavori di ricerca predisposti a livello locale e nazionale dall’associazione, opere collettanee nate dall’approfondimento di specifiche tematiche giuridiche di stringente attualità, sotto l’autorevole guida di professori ed avvocati in veste di Academic Supervisors. Con tale progetto, ELSA Italia si propone di svolgere attività di indagine ed analisi di argomenti nuovi o dibattuti in molteplici rami del diritto e di renderne noti i relativi risultati alla comunità scientifica.   Questo volume collettaneo si incentra sulla disamina della fattispecie del concorso esterno in associazione mafiosa, uno dei temi più vivi e dibattuti dalla dottrina penalistica. Attraverso la ricostruzione dell’evoluzione giurisprudenziale in materia e l’analisi delle principali posizioni assunte dalla dottrina, il volume affronta il tema della sostenibilità dell’attuale fattispecie di concorso esterno nel nostro sistema penale alla luce della duplice prospettiva dei rapporti tra giudice e legge e dei rapporti tra istanze punitive e garanzie dell’individuo. Indice Prefazione di Vincenzo Maiello e Luca Della Ragione ISBN: 9788854952423 Collana: Legal Research Groups di ELSA Italia, 19 Curatori: Vincenzo Maiello, Luca Della Ragione Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

22,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Metis 2020  - Vol. XXVII  2/2020

Metis 2020 - Vol. XXVII 2/2020

€ 20,00

Nel primo articolo, di Giovanni Maddalena, che ha come titolo Obelisks, lines of identity, and selfies. Do indexes provide a good account for intuition? vengono messe in relazione l’indicalità di Peirce e l’intuizione di Kant che sottolineano una notevole differenza nella loro ‘visione’ della sinteticità. L’autore presenta questa relazione utilizzando l’obelisco, la linea d’identità nei grafi esistenziali di Peirce e il selfie. Il secondo contributo di un gruppo internazionale di studiosi di varie università: Elena Makarova e Agamali K. Mamedov della Lo­monosov Moscow State University, Federico Neresini e Renato Stella dell’Università di Padova, infine, Cosimo Marco Scarcelli dell’Università di Venezia, intitolato From the virtual identity to the internet of body ha lo scopo di indagare la connessione tra corpo e media digitali seguendo l’esperienza, senza precedenti, della rivoluzione dell’informazione le cui tecnologie invadono le pratiche quo­tidiane, aggredendo l’organismo sociale e contribuendo a rendere ancor più difficile la comprensione di questo tempo straordinario. Il terzo articolo, di Pier Paolo Bellini: Trascendenze quotidiane: la creatività come ‘capacità di nessi’, tratta la creatività come di una potenzialità che appartiene a tutti gli individui, applicabile a molti aspetti della vita in quanto parte integrante dell’adattamento umano ai cambiamenti. L’autore utilizza in particolar modo una chiave di lettura psico-sociologica che gli permette di rilevare le dinamiche socio-relazionali dei cambiamenti stessi. Segue il lavoro di Guerino Nuccio Bovalino dal titolo L’apocalisse virale. Nuove riconfigurazioni della relazione uomo, tecnologia e natura al tempo del Covid-19 che analizza l’attuale pandemia alla luce della duplice dimensione medica e mediologica che il termine stesso evoca. L’autore mette in rilievo la crisi del pensiero progressista e delle tecnoutopie utilizzando riferimenti della sociologia dell’immaginario e della sociologia politica. L’articolo di Luca Serafini intitolato La partecipazione polarizzata: informazione popolare e discussione democratica nella sfera pubblica digitale mette in rilievo come i linguaggi dell’informazione costituiscono un allargamento della discussione democratica dentro la sfera pubblica. Chiude il volume il contributo di Andrea Lombardinilo dal titolo ‘Presence is absence’. Communication and rhetoric in Paolo Sorrentino’s The Young Pope articolo nel quale l’autore si propone di mettere in luce la modalità comunicativa che il giovane papa, Pio xiii, protagonista del serial di Sorrentino, intende attuare con i fedeli attraverso l’assenza di immagini, di partecipazione ecc. una vera e propria ‘retorica al contrario’. Indice Presentazione ISBN: 9788854953307 Collana: Metis Curatori: Tessarolo Mariselda, Pier Paolo Bellini Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello