0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Aree tematiche

L'anima nera degli Stati Uniti

L'anima nera degli Stati Uniti

€ 28,00

Questo volume ricostruisce le vicissitudini dei neri negli Stati Uniti e le loro iniziative per superare il relegamento ai margini della nazione dalle colonie all’amministrazione Trump. I primi africani giunsero in America del Nord quasi contemporaneamente alla colonizzazione europea. Le vicende dei neri, quindi, sono un aspetto centrale della storia statunitense, anche perché essi costituirono la minoranza più numerosa del Paese fino all’inizio del XXI secolo. Inoltre, gli afro-americani subirono la schiavitù fino al 1865 e la segregazione nel Sud nei cent’anni successivi. Ancora oggi sono vittime di discriminazioni. Esaminare la loro esperienza permette di valutare quanto gli Stati Uniti si siano dimostrati all’altezza degli ideali di eguaglianza e libertà sui quali hanno fondato la propria esistenza e la pretesa di esportare il loro modello politico, economico e sociale. Stefano Luconi insegna Storia degli Stati Uniti d’America e Storia dell’America del Nord all’Università di Padova. Le sue pubblicazioni più recenti comprendono La corsa per la Casa Bianca. Come si elegge il Presidente degli Stati Uniti, dalle primarie dei partiti al voto di novembre (Firenze, goWare, 2020) e La “nazione indispensabile”. Storia degli Stati Uniti dalle origini a Trump (Milano, Mondadori Education, 2020). Indice Introduzione ISBN: 9788854952720 Collana: Scienze storiche Autore: Luconi Stefano Edizione 2020 Stato: Disponibile dal 28 settembre 2020

Aggiungi al carrello

28,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Dinamica di gruppo per lo sviluppo delle life skills

Dinamica di gruppo per lo sviluppo delle life skills

€ 19,00

Empatia, comunicazione efficace, autoconsapevolezza, problem solving e assertività sono alcune delle life skills richieste ai cittadini della società contemporanea e menzionate nei descrittori del Companion Volume del Quadro di Riferimento Europeo per le lingue (2018) per la formazione di tutti coloro che apprendono una L2. Attraverso l’analisi dei descrittori di competenza di alcuni dei più recenti documenti europei, il volume mette in luce alcune delle competenze chiave richieste e offre un percorso di formazione per coloro che si occupano di educazione linguistica, fornendo degli strumenti adeguati a gestire consapevolmente gruppi di apprendimento e a rispondere alle seguenti domande: In che modo la conoscenza della dinamica di gruppo può facilitare l’apprendimento di una lingua seconda? Come affrontare i conflitti in classe? Come comunicare efficacemente in classe? Ma soprattutto come sviluppare le life skills trasversalmente all’apprendimento linguistico? Ivana Fratter è Dottore di ricerca in Linguistica, CEL di Italiano come L2 (Università di Padova), docente a contratto, counsellor in campo socio-educativo, counsellor professionista iscritta al CNCP (Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti), formatrice di insegnanti. Nadia Fratter è Psicologa, Psicoterapeuta, Analista Transazionale, docente presso la Scuola di Specializzazione per Psicoterapeuti IFREP (Istituto di Formazione e Ricerca per Educatori e Psicoterapeuti) di Roma, docente e supervisore in formazione PTSTA-P dell’EATA (Associazione Europea per Analisti Transazionali).   Indice Introduzione ISBN: 9788854952751 Collana: Glottologia, Linguistica, Lingue e letterature straniere Autrici: Ivana Fratter, Nadia Fratter Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

19,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 21 - Settembre 2020

PLaNCK! N. 21 - Settembre 2020

€ 7,00

PLaNCK! N. 21 - Settembre 2020 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese LETTERA AI PIÙ GRANDI Scienza e sport: un legame imprescindibile   È il 1924 e siamo in Inghilterra, per la precisione all’Università di Cambridge, in un campo d’atletica leggera in terra battuta. Gli atleti, tra cui Eric Liddell e Harold Abrahams, si stanno allenando per le Olimpiadi. Tocca ai 100 metri piani e prima di partire ogni atleta deve scavare nella terra delle buche in cui posizionerà i piedi per la partenza. Ecco, questo si vede in una scena di Momenti di gloria, un film del 1981 diretto da Hugh Hudson tratto storia vera degli universitari di Cambridge che si allenavano per le Olimpiadi di Parigi del 1924. Una scena alquanto strana se pensiamo ai campi di atletica così come li conosciamo, realizzati non in terra battuta ma con materiali molto più “comodi” per la corsa (il più diffuso si chiama “tartan”), o se pensiamo ai moderni blocchi di partenza, comparsi per la prima volta nel 1927 e che di certo sono tutt’altro rispetto a delle semplici buche nella terra. Ecco, questo è solo un esempio di come siano cambiate alcune tecnologie dell’atletica leggera, e di come negli anni siano cambiate, più in generale, le tecnologie nello sport. Oggi troviamo materiali innovativi nei campi sportivi o negli attrezzi utilizzati dall’atleta, modelli di scarpe che aiutano a migliorare il gesto sportivo. Troviamo anche tecnologie che aiutano lo sportivo in maniera “indiretta”, e cioè che non sono un aiuto al gesto sportivo in sé ma aiutano chi fa sport a controllare il proprio corpo in modo da conoscerlo al meglio e poter sfruttare questa conoscenza per migliorare il gesto sportivo. Un esempio di queste “tecnologie indirette” sono i cardiofrequenzimetri che monitorano il battito cardiaco, oppure anche i sensori per il monitoraggio della qualità del sonno, il miglior recupero per chi pratica sport. Insomma, tecnologia e sport, o meglio, più in generale, scienza e sport, hanno un legame strettissimo, ce l’hanno sempre avuto e negli ultimi vent’anni possiamo dire che questo rapporto è imprescindibile. La scienza, nello sport, aiuta l’atleta a migliorare le sue prestazioni, questo è l’obiettivo. Obiettivo che è possibile raggiungere con lo studio e la ricerca della scienza che c’è dietro lo sport, dalla scienza che spiega il funzionamento del gesto atletico, alla scienza che spiega il funzionamento del nostro corpo. Solo così la tecnologia può intervenire per risolvere problemi e migliorare la performance dello sportivo. In questo rapporto, però, bisogna porre alcune attenzioni. La prima è la distinzione tra quelle tecnologie che sono un supporto al gesto atletico e quelle che invece tenderebbero quasi a falsarlo. Banalizzando un po’: le scarpe possono essere migliorate di molto per aiutare nella corsa ma non possono arrivare ad avere delle “molle”. La seconda attenzione riguarda qualcosa di molto importante che c’è in ogni sport e che nessuna tecnologia potrà mai sostituire: il fattore umano. La tecnologia ci aiuta e ci aiuterà sempre di più a superare i nostri limiti, a raggiungere nuovi record, ma nello sport molto è dettato dal fattore umano. Senza la passione, la dedizione e una forte motivazione, nessuna tecnologia può venirci più di tanto in aiuto. Antonio La Torre   Antonio La Torre è docente di “Metodi e Didattiche delle Attività Sportive” presso la Scuola di Scienze Motorie del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute all’Università degli Studi di Milano. È stato allenatore personale di Ivano Brugnetti, campione olimpico ad Atene nel 2004 per i 20 km di marcia e campione mondiale nei 50 km di marcia a Siviglia nel 1999. Nella sua carriera si è occupato anche degli insegnamenti di “Teoria e Metodologia dell’Allenamento degli Sport Individuali e Discipline Atletiche” e di “Metodi di Valutazione delle Capacità Motorie”. Dal 2018 è direttore tecnico della Federazione Italiana di Atletica Leggera (FIDAL). Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano   REDAZIONE E COLLABORATORI Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto Disegnatrice: Bianca Maria Scotton Assistente colorist: Gioia Beghin Sceneggiatrici: Bianca Maria Scotton, Agnese Sonato Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Manuel Ballatore e Stefano Bertacchi ISBN: 9788854951594 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Giampaolo Tolomei

Giampaolo Tolomei

€ 16,00

Giampaolo Tolomei fu un rappresentante molto significativo della classe dirigente padovana nel periodo risorgimentale e postunitario, esperto giurista e stimato politico, autorevole docente all’Università degli Studi di Padova, dove occupò le prestigiose cariche di Rettore e Preside della Facoltà giuridica. Carattere forse troppo prudente e tendenzialmente conformista, incline al rispetto per ogni autorità costituita, l’atteggiamento di Tolomei di fronte al governo austriaco non fu certo quello di un caldo patriota, anche se egli condivideva le posizioni del movimento liberalnazionale moderato. Nel 1868 Tolomei fu nominato membro della Commissione legislativa istituita per compilare il progetto del nuovo Codice penale italiano, la cui redazione definitiva vide la luce soltanto nel 1889. In questo periodo il suo pensiero fu caratterizzato da momenti di inaspettato liberalismo, che rendono la sua immagine non monocorde. Egli scese in campo con una durissima requisitoria contro il Codice penale sardo, che giudicava ispirato al principio politico dell’intimidazione, e difese caldamente l’abolizione della pena di morte. Dalla prestigiosa cattedra padovana Giampaolo Tolomei esercitò una notevole influenza, esprimendo posizioni che riflettono la cultura e gli atteggiamenti politici di una larga parte della classe dirigente veneta in una fase decisiva del processo di formazione dello Stato unitario e della coscienza nazionale. Elisabetta Novello dal 2015 è Professore Associato in Storia economica presso il Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità dell’Università degli Studi di Padova. È titolare dei corsi di Storia economica, Storia Ambientale e Storia orale. Ha pubblicato libri e articoli di storia urbana e rurale, storia economica, storia ambientale, storia d’impresa e storia orale Indice Introduzione ISBN: 9788854950320 Collana: Scienze storiche Autore: Elisabetta Novello Edizione 2020 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Profilo storico, geomorfologico ed ecosistemico delle Saline di Margherita di Savoia

Profilo storico, geomorfologico ed ecosistemico delle Saline di Margherita di Savoia

€ 26,00

In questo volume, frutto di specifiche competenze acquisite in anni di ricerche e di aggiornamento scientifico, si intendono mettere in luce, in termini sintetici e divulgativi, gli aspetti storici, morfologici, climatologici, evoluzionistici e floro-faunistici di un paesaggio alofilo dalle condizioni biologiche estreme, come quello delle Saline di Margherita di Savoia (BT), un ambiente del tutto peculiare, non facilmente riscontrabile altrove, che ha assunto rilievo internazionale con la Convenzione di Ramsar per la salvaguardia delle Zone Umide, ratificata dal Parlamento Italiano nel 1976. Poiché il Sistema delle Saline è, per sua intrinseca natura, assai fragile sotto il profilo ecosistemico, per cui una minima perturbazione rischia di compromettere equilibri consolidatisi nei millenni fino ai giorni nostri, si auspica e si propugna di tale patrimonio naturalistico non solo la valorizzazione, anche ai fini della creazione di un nuovo modello di sviluppo socio-economico, ma soprattutto la tutela e la conservazione attraverso un’intensa e continua attività di educazione delle masse, affinché le risorse naturali, a tutt’oggi sfruttate in maniera indiscriminata, diventino o ridiventino un irrinunciabile fondamento della cultura e della coscienza individuale e collettiva. Antonio Garbetta è nato a Margherita di Savoia (FG) nel 1944; attualmente risiede a Padova, dove lavora. Laureato in Scienze Biologiche nel 1971 presso l’Università di Padova, ha lavorato, per alcuni anni, in qualità di assistente volontario in “Analisi Chimico-Cliniche” presso il Laboratorio Centrale di Analisi dell’Ospedale Civile di Padova; in seguito ha svolto l’attività di docente di “Scienze Naturali” presso l’Istituto Tecnico commerciale Statale per il Turismo “L. Einaudi” di Padova. Biologo, libero professionista, grazie ai numerosi studi, iscritto nel marzo del 1996 a Monaco di Baviera nell’Elenco dei Biologi Europei con l’acquisizione del titolo professionale di “Eurobiologo”. Ha conseguito nel 1980 il “Certificato Internazionale di Ecologia Umana”, mediante un corso biennale, presso l’Università degli Studi di Padova, presso la quale ha acquisito numerosi “Perfezionamenti” universitari in ambito scientifico. Nel marzo 1982 si iscriveva all’Albo dei Consulenti Tecnici, n. ruolo 604, presso il Tribunale Civile e Penale di Padova, categoria industriale, settore “Inquinamenti Ambientali”. È iscritto a varie società accademiche nell’ambito della “Biologia Ambientale”. Ha scritto vari lavori e pubblicazioni su riviste specializzate e su Atti Congressuali ed ha tenuto conferenze e seminari nell’ambito della Regione Veneto su tematiche relative alla “Gestione dell’Ambiente e del Territorio” di rilevante attualità. Prefazione Introduzione Indice ISBN: 9788854952553 Collana: Scienze storiche Autore: Antonio Garbetta Edizione: 2020 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

26,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
10 Storie di Orientamento Scolastico per genitori e ragazz*

10 Storie di Orientamento Scolastico per genitori e ragazz*

€ 13,00

La scelta della scuola secondaria di secondo grado è una delle prime grandi scelte che un preadolescente deve affrontare. Già il fatto di scegliere in mezzo al turbinio di emozioni e cambiamenti dell’adolescenza rappresenta una sfida, se ci aggiungiamo la complessità dell’offerta formativa, del mondo del lavoro in continuo cambiamento, l’impresa sembra quasi impossibile. Ma i modi e gli strumenti per fare una scelta consapevole ci sono. Il primo tra tutti è partire da se stessi. Conoscersi, accettarsi, indagare cosa piace, cosa riesce bene e con adeguata fatica o facilità. I preadolescenti e adolescenti però non sono molto allenati a questo tipo di lavoro (spesso nemmeno gli adulti si “guardano dentro” per il timore di trovare fantasmi e scheletri) su di sé. Ecco quindi in aiuto di genitori e figli una raccolta di racconti di studentesse e studenti esattamente come loro: indecisi, “incasinati”, impauriti o super arrabbiati, tanto da non poter vedere lucidamente cosa li renda forti, speciali, capaci. 10 storie di orientamento e riorientamento per immedesimarsi, per non sentirsi soli e sbagliati. Spunti di riflessione e vere e proprie schede di approfondimento con esercizi per accompagnare le famiglie ad una scelta adeguata, ponderata, convinta. Le autrici si augurano una società con dispersione scolastica pari a zero: per questo hanno messo in campo la loro esperienza e competenza per guidare e sostenere tutte le studentesse e gli studenti e i loro genitori durante il percorso verso la scuola secondaria di secondo grado. CHIARA PAGNIN Pedagogista – Pedagogista Clinico® si occupa di percorsi educativi di aiuto alla persona individuali e di gruppo, di metodo di studio e di orientamento scolastico, universitario, professionale e ri-orientamento. Collabora a progetti in contesti aziendali che la portano a pubblicare Storia di un modello per il riconoscimento e la validazione delle competenze formali e informali dei lavoratori in Generare valore. La validazione delle competenze nelle organizzazioni (2011) e La gestione delle risorse umane nelle organizzazioni: il contributo delle pratiche di validazione e certificazione in L’Esperienza valida. Teorie pratiche per riconoscere e valutare le competenze (2013) entrambi editi da Carocci. È consulente pedagogica in nidi e scuole dell’infanzia dove si occupa, anche, di formazione e progettazione per competenze. ELEONORA SOFFIATO Psicologa e Psicoterapeuta ad indirizzo sistemico relazionale. Si occupa di adolescenti, adulti, coppie e famiglie e tratta diversi temi tra cui il bullismo e il cyberbullismo. Specializzata in orientamento scolastico lavora dal 2010 presso le scuole secondarie di Io e IIo grado di Padova e provincia. È stata referente del servizio “Sportello di orientamento e ri-orientamento” presso la Provincia di Padova. Nel 2012 Chiara Pagnin e Eleonora Soffiato hanno ideato e fondato il progetto Expo delle Professioni®.   Indice Introduzione   ISBN: 9788854952614 Collana: Scienze psicologiche Autori: Chiara Pagnin, Eleonora Soffiato Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

13,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La violenza in una società anomica

La violenza in una società anomica

€ 20,00

Scrivere di una società che sembra in via di estinzione non è stato facile perché molte relazioni sociali portatrici di benessere psico-fisico sono perse per sempre. Uccidere una donna o calpestare la sua libertà non è indice di buona convivenza, ai reati contro le donne fanno da contrappeso gli abusi sui minori o, nella estrema disperazione, gli esseri più fragili, o all’apparenza tali, che compiono reati contro gli uomini. Da questa premessa si rileva come non esista un membro di questa società che non sia toccato non tanto dall’anomia, ma piuttosto dallo scarso rispetto verso il proprio simile. A niente possono valere le feste o le sdolcinature rivolte ai piccoli se poi gli stessi divengono oggetti da vendere al migliore offerente. Questo libro riporta in copertina l’immagine di un’opera, La fame, che esprime con drammaticità la condizione della nostra società e rappresenta un tacito invito a non ridurre un bambino alla fame e una madre alla disperazione. La scelta di questa immagine non è stata casuale. L’opera, che l’autrice ha ricevuto in dono dall’artista quando era adolescente, ha infatti esercitato una forte suggestione emotiva e ha sospinto l’autrice stessa a intraprendere un percorso professionale improntato al rispetto e all’aiuto dei più deboli, il medico psichiatra, perché: chi meglio dei pazienti psichiatrici rappresenta la fragilità? Questo libro è destinato a tutti gli Uomini che credono e perseguono la libertà ed il rispetto per l’Altro. Maria Clotilde Pettinicchi, medico, psichiatra, criminologo clinico con indirizzo psichiatrico-forense, psicoterapeuta della famiglia, ha affinato una straordinaria sensibilità verso i pazienti psichiatrici con cui ha lavorato in tutta la gamma delle malattie mentali e dei comportamenti criminali. Di provenienza formativa classica, presso il Liceo-Ginnasio Mario Pagano di Campobasso, ha fatto suo lo stile di questa scuola, improntato a una libertà di pensiero che si è rivelata utile nel confrontarsi con strutture diverse per mentalità e organizzazione. Quello che è sempre rimasto, per stile personale, è stata la curiosità verso l’oscuro e l’ignoto, che ben identificano la patologia mentale e la criminalità. Il tema della violenza è un argomento vastissimo che coinvolge l’Uomo nella sua totalità, nella sua pervicacia nel voler perseguire obiettivi non sempre raggiungibili e che denota la sua incapacità a tollerare le frustrazioni. La violenza di genere è un percorso privilegiato in questo inizio di millennio ed è la spia di una società non più in grado di disciplinare i suoi membri. Indice Prefazione Introduzione   ISBN: 9788854950566 Collana: Scienze psicologiche Autore: Maria Clotilde Pettinicchi Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Nuove identità di una società multietnica

Nuove identità di una società multietnica

€ 22,00

La ricerca empirica esplora, per la prima volta in Italia, il vissuto nella madrasa, con l’obiettivo di comprendere in che modo le identità etniche delle nuove generazioni musulmane s’intrecciano con le appartenenze religiose in rapporto al Paese di origine, alla tradizione familiare, nel continuo confronto tra educazione scolastica italiana e quella pomeridiana della madrasa. L’analisi si svolge in tre realtà educative romane: la Jame-E-Masjid-Madrasah, la scuola El Nilo e la scuola primaria Carlo Pisacane. L’educazione familiare e religiosa è alla base della crescita e s’interseca con il nuovo senso di appartenenza delle nuove generazioni, ponti tra culture e tradizioni differenti. La ricerca dimostra quanto sia necessario ripensare i sistemi educativi italiani laici e religiosi affinché siano alla base della valorizzazione delle peculiarità di ognuno.   Katiuscia Carnà è Dottoressa in Ricerca Educativa e Sociale nell’Università di Roma Tre e mediatrice culturale in diverse istituzioni e associazioni romane. Si è specializzata in Lingue e Civiltà Orientali all’Università La Sapienza di Roma e alla Jadavpur University in Kolkata (India). Ha conseguito un Master Internazionale in Sociologia, teoria, ricerca e metodologia all’Università di Roma Tre e un Master in Religioni e mediazione culturale a La Sapienza di Roma. È co-autrice di Kotha. Donne bangladesi nella Roma che cambia (Ediesse, 2018) e di Roma. Guida alla riscoperta del Sacro (Edup, 2015). Attualmente è assegnista di ricerca nel Dipartimento di Scienze della Formazione all’Università di Roma Tre ed è responsabile del settore educazione per conto di AMU ONLUS (ONG).   Indice Prefazione di Marina D'Amato Introduzione di Roberto Cipriani Postfazione di Massimiliano Fiorucci Autrice: Katiuscia Carnà ISBN: 9788854952492 Collana: Scienze sociali Edizione: 2020

Aggiungi al carrello

22,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello