0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Aree tematiche

Covid-19 Lockdown dell'Arte

Covid-19 Lockdown dell'Arte

€ 14,00

«Mi piace questa solitudine inaspettata, davanti ad una grande vetrata dello studio e del mio archivio; mi piace intrattenermi con i ricordi, riflettere e raccontarne alcuni». Nel tempo sospeso e dilatato del lockdown, il maestro Alberto Biasi colleziona e mette insieme note, memorie e pensieri, che dal suo atelier, nel silenzio assordante della solitudine, appaiono sempre più vividi e chiari. Un diario, tra passato e presente, che percorre la vita di uno dei protagonisti assoluti dell’arte ottico-cinetica, offrendo nuove letture dell’Opera e della personalità di Alberto Biasi. E così, lo sconvolgimento della routine diventa un’opportunità per l’artista e per l’uomo. Alberto Biasi (Padova 1937) è un protagonista assoluto della storia dell’arte italiana del dopoguerra. La sua figura è una delle più coerenti e autorevoli a livello internazionale nel campo di quella che in Italia è stata definita “arte programmata”, o anche “arte cinetica”, e altrove “optical art”. Dal 1959, dopo una iniziale parentesi di contatti e collaborazione con la Galleria Azimut di Milano, il giovanissimo Biasi forma il Gruppo Enne a Padova con alcuni suoi coetanei. Dopo lo scioglimento del gruppo la sua attività si è mossa costantemente all’insegna dell’indagine percettiva, attraverso diversi cicli di lavori: dalle prime Trame alle famosissime Torsioni, dai Light Prisms agli Ottico-dinamici. Indice Prefazione di Guido Bartorelli ISBN: 9788854953062 Collana: Storia dell´arte - Museologia Autore: Alberto Biasi Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
L'Io e le sue voci

L'Io e le sue voci

€ 36,00

La coscienza soggettiva è sempre esistita? Che cos’è? È sempre presente? A che serve? L’Io è uno solo? Siamo persone, individui o che altro? A queste domande che affondano le radici nell’antropologia e nell’archeo-psicologia il libro risponde ripercorrendo la filetica che ha condotto ad Homo sapiens e al suo Io sono, toccando temi tipici non solo di medicina e psicologia, inclusa quella del profondo, ma anche di filosofia, di mitologia, di religione, di preistoria e storia. Ampia bibliografia e molte immagini inedite di reperti archeologici prodotti da esponenti di varie specie - coscienti e non coscienti - del gene Homo. Il lettore alla fine capirà che siamo tutti dilettanti circa lo studio della coscienza e realizzerà la verità del detto se non sai dove vai, volgiti e guarda donde vieni.   Edoardo Casiglia (Università di Padova, Studium Patavinum) è Medico Chirurgo, specialista in Cardiologia, Farmacologia e Anestesia. È giornalista pubblicista, Clinical hypertension specialist, antropologo e archeologo forense, criminologo-criminalista e ipnositerapeuta. Ha pubblicato 12 libri e centinaia di lavori scientifici. Da oltre venticinque anni si occupa di coscienza egoica e neuroscienze.   Indice Prefazione ISBN: 9788867874293 Collana: Scienze psicologiche Autore: Edoardo Casiglia Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

36,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Triangolo rosso

Triangolo rosso

€ 14,00

In un manoscritto, ritrovato dopo quarant’anni, Rosario Palmeri espone in un modo inconsueto la sua esperienza di prigioniero politico nel Lager nazista di Bolzano nel 1944. Racconta delle atrocità commesse e vissute nel Lager, episodi inconcepibilmente assunti nella quotidianità e nell’orrore che segna la vita dei prigionieri. Il raccapriccio si imprime nelle loro menti, come quando passano accanto a un ragazzo assassinato che giace nel fango del piazzale steso come un Cristo. Rosario riesce a sopravvivere mantenendo vivo il ricordo dei suoi valori di uomo libero, concentrato a salvaguardare la sua dignità e sa riconoscere la stessa nei suoi compagni di sventura. È testimone delle efferate torture che si commettono nelle celle di isolamento e racconta il suo stupore quando spietati omicidi sono accettati come fatti normali. E, in questo clima di ordinaria follia, si emoziona guardando la fioritura di un ciliegio o raccontando l’umanità di alcuni suoi carcerieri. L’autore – Rosario Palmeri (1902-1983), Cavaliere al merito della Repubblica, è vissuto a Feltre dal 1926 al 1978. Congedato dall’Esercito col grado di Capitano, è stato sostenitore e promotore della resistenza antifascista e membro del Comitato di Liberazione Nazionale di Feltre. Persona di cultura enciclopedica e di vastissime conoscenze, appassionato conoscitore e cultore di piante officinali e della flora delle Prealpi, è stato co-fondatore del Circolo Filatelico Feltrino. Il curatore – Paolo Palmeri (Feltre, 1943) è stato Professore ordinario di Antropologia dello sviluppo all’Università di Roma Sapienza. Ha svolto ricerche antropologiche in Africa e nel sud-est asiatico. È autore di numerosi saggi sulla povertà e i problemi dello sviluppo nei paesi emergenti. Indice Premessa ISBN: 9788854952515 Collana: Scienze storiche Autore: Rosario Palmeri Edizione: 2020

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
I boschi delle regioni dell'Italia centrale

I boschi delle regioni dell'Italia centrale

€ 26,00

La conservazione della biodiversità, la protezione della Natura e la gestione sostenibile delle foreste costituiscono temi che sempre più richiamano l´attenzione di molteplici organismi internazionali e dell´opinione pubblica, preoccupati dal progressivo degrado che lo sviluppo industriale ha provocato all´ambiente e dalle conseguenze che potranno avere i cambiamenti climatici. Questi problemi possono essere affrontati in modo più efficace conoscendo i diversi ambienti e il loro naturale funzionamento in modo da poter individuare delle linee di gestione che consentano di conservarne e migliorarne la qualità così da poter tramandare alle future generazioni quella risorsa che i nostri padri ci hanno lasciato in eredità. Il libro, che costituisce il terzo contributo dell'autore su questo argomento, si riferisce ai boschi presenti nelle Regioni dell'Italia centrale. Si tratta di un complesso molto variegato di formazioni, esempio di un elevato livello di biodiversità del paesaggio, risultato dell´azione della Natura e del secolare lavoro dell´uomo. Roberto Del Favero, già professore ordinario di Assestamento Forestale e Selvicoltura nell'Università di Padova. Fa parte di vari Comitati tecnici e scientifici nominati da Enti Pubblici nell´ambito del coordinamento della ricerca e della programmazione. È consulente di varie Regioni per le tematiche relative alla gestione delle risorse forestali. Fa parte del comitato di redazione di alcune riviste specialistiche d´interesse locale e nazionale. È socio ordinario dell´Accademia Italiana di Scienze Forestali. È autore di vari studi sull´inquadramento della vegetazione forestale con finalità gestionali, fra i quali alcuni volumi sulle tipologie forestali delle regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia, nonché di due volumi, pubblicati dalla CLEUP, dedicati rispettivamente ai boschi delle Regioni alpine italiane, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia, e a quelli delle Regioni meridionali e insulari, dalla Campania alla Sardegna. Indice Prefazione ISBN: 9788854952188 Collana: Scienze agrarie, veterinarie e biologiche Autore: Del Favero Roberto Edizione 2020 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

26,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Lager

Lager "Dora" – Nordhausen

€ 15,00

Questo libro nasce da esigenze di carattere personale e storico, perché non si è lavorato sulla memoria di un testimone lontano, ma su quella di un uomo la cui esistenza ci ha toccati da vicino. La prima parte non costituisce dunque un freddo esercizio filologico, bensì mira a una ricostruzione del modo di raccontare e di ricordare di Mario Ceretta, delle emozioni che egli riviveva scrivendo. Così la seconda sezione non ha pretese di saggio storico, ma tenta di ridare voce a chi non ne ha avuta o non ha voluto averne, di ricollocare al suo posto nella Storia un ‘disperso’ le cui parole sono state chiuse per decenni in un cassetto, per non dimenticare quell’approccio alla microstoria come ‘storia dal basso’ tanto caro a Peter Burke. Ai campi di sterminio sono sopravvissuti uomini e donne normali come Mario Ceretta. Che poi hanno dovuto sopravvivere a se stessi. G. Borriero - A. Magro Nato a Vicenza nel 1919, dopo il servizio militare Mario Ceretta è richiamato nel ’40. In seguito all’8 settembre viene internato a Mittelbau-Dora per lavorare nelle gallerie in cui il Reich produce i missili V2. Alla liberazione passa due anni in sanatorio, dove scrive la breve memoria qui riportata. La patologia polmonare contratta durante la prigionia lo stroncherà a soli 62 anni. Nessuno ha letto questa storia prima della sua morte. Edizione critica a cura di Giovanni Borriero Postfazione di Alessandra Magro Illustrazioni di Simona Boccolo Indice ISBN: 9788854952997 Collana: Scienze storiche Autore: Mario Ceretta Edizione: 2020

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Orizzonti per la mobilità

Orizzonti per la mobilità

€ 19,00

Orizzonti per la mobilità presenta una trattazione della pianificazione dei trasporti articolata in due livelli diversi ma strettamente interconnessi. Nel primo la pianificazione viene considerata come processo finalizzato alla definizione delle politiche di intervento sui sistemi di trasporto in relazione alle caratteristiche dell’ambiente “esterno” e del contesto decisionale di riferimento, mentre nel secondo l’analisi si concentra su alcuni strumenti modellistici utilizzabili per fornire risposte ai quesiti del tipo “what if ?” che tipicamente emergono nell’ambito delle attività di supporto alle decisioni. Dato il carattere degli argomenti trattati, il volume può essere adottato come testo di riferimento per insegnamenti universitari afferenti a diversi ambiti disciplinari, e costituisce inoltre un utile strumento di consultazione per studiosi, tecnici e professionisti che desiderino avvicinarsi alle tematiche fondamentali della pianificazione dei sistemi di trasporto o consolidare le proprie conoscenze in materia. Claudio Meneguzzer è Professore Associato e titolare degli insegnamenti di “Sistemi di trasporto” e di “Pianificazione dei trasporti” presso la Scuola di Ingegneria dell’Università degli Studi di Padova. Ha svolto per cinque anni attività di ricerca presso il Dipartimento di Ingegneria Civile della University of Illinois at Urbana-Champaign (U.S.A.). La sua attività scientifica riguarda l’analisi, la pianificazione e la gestione dei sistemi di trasporto, e in particolare la modellistica del traffico nelle reti stradali. È autore del volume Flussi, code e reti: Elementi di analisi dei sistemi di trasporto pubblicato da Cleup. Indice Prefazione ISBN:9788854952843 Collana: Ingegneria civile e architettura Autore: Claudio Meneguzzer Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

19,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il mediatore filosofico e l’esperienza delle mani

Il mediatore filosofico e l’esperienza delle mani

€ 12,00

L’autore propone una prospettiva conoscitiva della mediazione filosofica, prefigura quali sono gli ospiti dello spazio filosofico di mediazione e suggerisce una modalità di interazione tra il mediatore filosofico e i suoi interlocutori. Prendendo avvio da riflessioni su una parola, una nozione, un interrogativo, il mediatore filosofico accompagna i suoi ospiti ad affrontare questioni di più ampio respiro: In che direzione orientare la propria vita? In che modo facilitare la comprensione di se stessi e degli altri? In queste pagine viene sviluppato un tema particolare: l’esperienza delle mani. Gianvittorio Pisapia si è laureato in Filosofia e in Sociologia e si è specializzato in Criminologia clinica. Ha insegnato Criminologia, Sociologia della devianza, Criminologia e politica criminale nell’Università di Padova. Ha al suo attivo oltre 80 pubblicazioni di criminologia, sociologia e mediazione. Sul tema delle mani e del corpo ha pubblicato: Le tue mani parlano, le nostre mani narrano, Logos, Padova, 2013; La voce del corpo, il silenzio delle mani. Per una criminologia del corpo e Una criminologia del corpo per gli uomini maltrattanti, in “Rivista di psicodinamica criminale”, anno X, n. 2, giugno 2017; Le corps transgressé. Une perspective criminologique, Editions Bergame, Paris, 2018; Alla riscoperta del corpo, in “Ellin Selae”, n. 142, 2019; Le mani del corpo, in “Ellin Selae”, n. 147, 2020. www.associazioneitalianadimediazione.com Indice Anteprima ISBN: 9788854953024 Collana: Filosofia Autore: Gianvittorio Pisapia Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

12,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Modi della cognizione delle questioni pregiudiziali a crediti di lavoro nella verifica concorsuale

Modi della cognizione delle questioni pregiudiziali a crediti di lavoro nella verifica concorsuale

€ 18,00

Il libro affronta il problema dei modi della cognizione delle cause pregiudiziali a crediti di lavoro nel processo di accertamento del passivo concorsuale e lo fa prendendo le mosse dall’analisi critica dello stato del dibattito giurisprudenziale e dottrinale. L’indagine prosegue con un approfondimento dei temi generali dell’oggetto del processo di accertamento del passivo, della centralità in tale processo del principio del concorso formale e dell’opponibilità ai creditori concorrenti degli accertamenti giurisdizionali ottenuti al di fuori della cornice concorsuale, valorizzando la loro qualifica di terzi in relazione ai crediti altrui e ai rapporti o diritti a questi pregiudiziali. Sulla scorta dei risultati raggiunti, l’Autore propone una ricostruzione del sistema che cerca di contemperare al meglio gli interessi concorsuali della massa dei creditori con quelli individuali di ciascuno di essi, dentro e fuori la liquidazione giudiziale. Marco Rendina ha conseguito il dottorato di ricerca in Diritto processuale civile nell’Università degli Studi di Milano ed è cultore della stessa materia all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È docente presso le Scuole Superiori delle Professioni Legali dell’Università degli Studi di Parma e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano oltre ad esercitare la professione forense. Indice ISBN: 9788854953017 Collana: Scienze giuridiche Autore: Marco Rendina Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello