0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Aree tematiche

L''

L''"Esposizione d'Arte libera". La mostra d'esordio dimenticata del gruppo pittorico futurista

€ 13,00

Il 1° maggio 1911 si apriva a Milano una mostra d’arte contemporanea dal titolo Esposizione d’Arte libera. Essa ospitava, per la prima volta riuniti assieme, i tre alfieri del neonato futurismo pittorico, Boccioni, Carrà e Russolo, che facevano esordire alcuni loro capolavori: La città che sale, Il funerale dell’Anarchico Galli e La Musica. In mancanza di catalogo, e perciò spesso dimenticata o sottovalutata dalla successiva storiografia, questa importantissima mostra è stata qui ricostruita attraverso articoli di autorevoli giornalisti o semplici inviati cronisti che ne hanno dato conto. Tali testimonianze costituiscono una parte di un ben più vasto album di ritagli stampa che Luigi Russolo ha raccolto e incollato in più di quarant’anni di attività artistica. Un album preziosissimo riscoperto nel 2019 in un fondo d’archivio milanese.     Franco Tagliapietra, veneziano, insegna da più di un trentennio Storia dell’Arte contemporanea, dapprima all’Accademia di Belle Arti di Venezia e ora a quella di Brera. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni storico-scientifiche relative al suo preferito campo di indagine: l’arte italiana del primo novecento. Ha curato, in particolare, due mostre monografiche su Luigi Russolo, l’una al Mart di Rovereto e all’Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra, l’altra al Museo d’Arte Moderna di Ascona Premessa ISBN:9788854951914 Collana: Storia dell'arte - Museologia Autore: Franco Tagliapietra Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

13,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
L'episteme delle scienze dell'uomo

L'episteme delle scienze dell'uomo

€ 20,00

Il volume contiene una selezione di testi tratti dalla «Rivista di Filosofia, Pedagogia e Scienze affini», “organo ufficiale” della scuola positivista padovana formatasi al magistero del più importante tra i positivisti italiani, Roberto Ardigò. Protagoniste di questi scritti sono le scienze umane, che proprio nel contesto della cultura positivista di fine Ottocento riescono ad affermarsi come discipline scientifiche. Apre il volume un saggio introduttivo del curatore che presenta i tratti distintivi del problema delle scienze umane in Italia alla fine del XIX secolo. Completa il volume un testo di Fabio Grigenti che, nella postfazione, offre al lettore uno sguardo sul più ampio contesto filosofico-scientifico europeo, permettendo così di ricollocare il discorso sulle scienze dell’uomo all’interno di un quadro di riferimenti più ricco.   Simone Aurora (Gardone V. T., 1986) è assegnista di ricerca nel Dipartimento FISPPA dell’Università di Padova. Si occupa di fenomenologia e filosofia francese contemporanea. Ha pubblicato una monografia sul pensiero del primo Husserl (Padova 2017) e diversi saggi in volumi collettanei e riviste specializzate. Dirige la rivista «Acta structuralica. International Journal for Structuralist Research» ed è membro della redazione della rivista «Metodo. International Studies in Phenomenology and Philosophy». Postfazione di Fabio Grigenti ISBN:9788854951938 Collana: Filosofia Curatore: Simone Aurora Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
PLaNCK! N. 19 - Gennaio 2020

PLaNCK! N. 19 - Gennaio 2020

€ 7,00

PLaNCK! N. 19 - Gennaio 2020 Rivista quadrimestrale ISSN 2284-0761 italiano/inglese Il primo numero di PLaNCK! del 2020 viene dedicato ad un tema fondamentale e centrale rispetto al momento storico che stiamo vivendo. Sentiamo sempre più spesso parlare di cambiamenti climatici, aumento delle temperature terrestri, fenomeni meteo estremi e disastri ambientali, in Italia come nel resto del mondo. In questo scenario complesso e sempre più urgente, il clima è uno dei fattori chiave della riduzione della disponibilità a livello globale dell’acqua (l’oro blu del XXI secolo) in stretta relazione con l’accaparramento idrico, il water grabbing. Aumento delle popolazioni, consumi crescenti, maggiore domanda d’acqua per agricoltura, usi industriali e domestici, saranno le principali problematiche da affrontare da parte degli Stati. Il clima fortemente impattato da cause antropiche sta già modificando la geografia idrica del pianeta, e tra gli effetti più evidenti legati all’aumento delle temperature abbiamo appunto le siccità, sempre più lunghe e intense, a causa per esempio della riduzione delle piogge. Per gestire al meglio una risorsa così necessaria come l’acqua, nel 2004 l’UNDP, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, con il rapporto “Water as a Human Right?” per la prima volta si è posto la questione dell’accesso all’acqua come diritto. «Riconoscere formalmente l’acqua come diritto umano ed esprimere la volontà di dare un significato e una concretezza a questo diritto, potrebbe essere una via per incoraggiare la comunità internazionale a soddisfare i bisogni umani fondamentali e a completare gli Obiettivi del Millennio (i cosiddetti SDGs Sustainable Development Goals)». Così recitava il testo. Dopo ben sei anni quel rapporto è stato riconosciuto dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che definisce esplicitamente l’acqua come diritto, nella Risoluzione 64/292 del luglio 2010, sottolineando come avere accesso ad acqua potabile sia «essenziale per la realizzazione di tutti i diritti umani». Una definizione di diritto che si è consolidata in questi ultimi dieci anni anche all’interno delle organizzazioni internazionali, ma con ancora molta strada da fare sia per tutelare la risorsa, e per combatterne lo speco, sia per garantirne l’accesso a chi è più in difficoltà. Dieci anni fa è stato dichiarato dalle Nazioni Unite il Diritto Umano all’Acqua. Riusciremo nei prossimi dieci anni a salvaguardare questa risorsa vitale per il Pianeta? Si apre infatti con il 2020 un decennio eccezionale dal punto di vista della lotta ambientale. Dieci anni in cui sarà prioritario invertire la rotta delle nostre abitudini quotidiane. Per fare tutto ciò servirà un impegno quotidiano, concreto, condiviso. A partire dall’educazione nelle scuole e nelle università, dal cambiamento dei nostri stili di vita, dalla cura per l’ambiente che ci circonda. Marirosa Iannelli   Sommario Per essere sempre aggiornati su attività, eventi e contattare la redazione di PLaNCK! www.planck-magazine.it   Comitato Scientifico Dipartimento di Fisica e Astronomia prof. Alberto Carnera prof. Ornella Pantano prof. Giulio Peruzzi prof. Cinzia Sada prof. Antonino Milone   Dipartimento di Scienze Chimiche Dr. Massimo Bellanda Dr. Laura Orian Dr. Giacomo Saielli Dr. Elisabetta Schievano Redazione e collaboratori Direttore Responsabile: Andrea Frison Coordinatrici editoriali: Agnese Sonato e Marta Carli Redazione: Agnese Sonato, Marta Carli, Andrea Frison, Marco Maggioni, Serena Maule, Kira Karelina, Sarah Libanore, Martina Tardivo, Marco Barbujani, Gianluca Pozza, Bianca Maria Scotton, Laura Paneghetti, Francesco Zani Fumetto: Bianca Maria Scotton e Gianluca Pozza Versione inglese: Laura Paneghetti Segreteria di redazione e pubbliche relazioni: Serena Maule Progetto grafico: Stefano Pozza, Andrea Frison e Francesco Zani Impaginazione: Francesco Zani Sito web: Maurizio Marinaro (ComIn! Solutions) Consulenza: Roberto Paura A questo numero hanno collaborato: Ilaria Ampollini, Pamela Pergolini, Francesco Coghi, Matteo Serra, Manuel Ballatore, Cristina Pozzi e Cristina Di Francesco, Roberto Paura ISBN:9788854950054 Collana: PLaNCK! Autore: Associazione Accatagliato Edizione 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

7,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
10 Progetti di rigenerazione urbana

10 Progetti di rigenerazione urbana

€ 16,00

10 Progetti di Rigenerazione Urbana  del territorio veneto, sviluppati da laureandi di Ingegneria Edile- Architettura e studenti del Master Interateneo “Forme dell’Abitare Contemporaneo” dell’Università di Padova con l’Università di Catania (SDS Architettura). Il continuo confronto e la collaborazione con amministrazioni locali, studi professionali e altre realtà presenti del territorio si sono rivelati di fondamentale importanza nello sviluppo di riflessioni progettuali che potessero offrire soluzioni concrete a problematiche complesse che affliggono le nostre periferie.   Silvia Pellizzari (San Donà di Piave, 1991) si laurea nel 2015 in Ingegneria Edile- Architettura all’Università di Padova con una tesi in Composizione Architettonica, con cui vince il “Renzo Piano World Tour”, premio per l’approccio progettuale rivolto alla rigenerazione di aree periferiche del territorio italiano. Borsista e in seguito assegnista di ricerca del Dipartimento ICEA di Padova in cui svolge attività accademica dal 2015, si dedica allo sviluppo di temi di ricerca nell’ambito della rigenerazione urbana. Dal 2019 collabora con la Fondazione Renzo Piano al progetto “G124”, il gruppo di lavoro del senatore Renzo Piano sulle periferie italiane.     Indice Presentazioni ​​​​​​​ ISBN: 9788854951822 Collana: Ingegneria Civile e Architettura Autore: Silvia Pellizzari Edizione: 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Due personaggi segreti alla corte dei Gonzaga

Due personaggi segreti alla corte dei Gonzaga

€ 18,00

Due personaggi segreti alla corte dei Gonzaga Guida alternativa alla "Camera degli Sposi" “Alternativa” perché? Per più ragioni. La prima è che non si propone di essere un ulteriore contributo “scientifico” alla Camera degli Sposi, ma “guida” per chi si accingesse a visitare questo capolavoro o, avendolo già visto, avesse piacere di ricordarlo in modo nuovo. La seconda è che alla comprensione di tutta la Camera degli Sposi, ad ogni suo livello (compositivo, storico, interpretativo) si arriva per gradi sul fil rouge di un racconto che, ad un certo punto, si trasforma quasi in un thriller. Si parte da Padova, dove si consolida un terzetto di “amici per la vita”: un pittore (Mantegna), un filosofo (Galeotto Marzio) ed un poeta (Janus Pannonius). Seguendo Mantegna si arriva a Mantova, alla Camera degli Sposi, dove il pittore effigerà tutti e tre “per l’eternità”. Lo scoop di questo saggio è infatti quello di aver individuato, nel celebre affresco, i due amici del pittore in due personaggi fin qui non identificati. Tutta l’esposizione viene supportata da una ricostruzione storica e della Mantova di Ludovico III Gonzaga e dell’unica corte umanistica d’oltralpe: quella del re d’Ungheria, Mattia Corvino. Daria Eberhart Mueller, classicista e studiosa di astrologia, si è laureata in Lettere all’Università di Padova. Insegnante e attivissima conferenziera, ha scritto il Salone...al volo (2015), la prima guida filologica agli affreschi astrologici del Palazzo della Ragione di Padova. I suoi studi di storia dell’arte si estendono fino al Rinascimento. Rivoluzionaria la sua interpretazione, in senso ermetico, del Ciclo dei Mesi di G. M. Falconetto a Palazzo d’Arco in Mantova. Indice Anteprima ISBN:9788854951839 Collana: Scienze storiche Autore: Daria Mueller Edizione: 2019

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Democrazia

Democrazia

€ 15,00

Cos’è la democrazia? Quasi tutti gli stati al mondo si definiscono democratici, ma lo sono davvero? La democrazia muore “per abuso di sé stessa” come sosteneva già Platone? O si è impoverita di forza perché i sistemi politici l’hanno svilita e consegnata alle élites? Perché la democrazia non garantisce l’eguaglianza? La democrazia, oggi, è un sogno o un imbroglio? Perché si confonde la democrazia diretta con il populismo? È un ossimoro parlare di democrazia illiberale? Questo libro cerca di analizzare e descrivere, con semplicità e terzietà, il complesso mondo delle varie esperienze democratiche che nel tempo si sono conosciute e che ancor oggi sono motivo di un dibattito assai vivace, soprattutto nella disputa tra rilancio della democrazia diretta e crisi della democrazia rappresentativa. Dal modello ideale alle sue applicazioni (e disapplicazioni) in concreto, dai valori ideali ai voleri costituzionali, dalle aspirazioni di libertà ai tradimenti nella realtà. L’autore si destreggia con passo attento e misurato, affrontando il tema con taglio narrativo semplice, accessibile, coinvolgente e con tanti riferimenti e richiami di attualità, nella convinzione che la democrazia ha bisogno, comunque, di alimentarsi della forza vitale della libertà costituente che la precede senza prevaricarla. Alessio Morosin È nato e vive a Noale; si è laureato in giurisprudenza nel 1981all’Università degli Studi di Padova; avvocato del foro di Venezia; cassazionista, libero professionista.  È stato Consigliere regionale del Veneto nella legislatura 1995/2000. È co-autore del libro intervista Dal campanile al cielo (Il Cerchio, 2013); nel 2013 pubblica Autoderminazione (Editore Contro).   Nella trattazione di Alessio Morosin vi sono i temi classici della democrazia. Rimangono sullo sfondo quelli della democrazia schumpeteriana. Lo stile preferito è assertivo.” Sabino Cassese        Giurista “Il libro di Alessio Morosin che il lettore ha fra le mani è davvero interessante perché si colloca sul versante della politica, cercando di analizzare il crollo verticale di fiducia non di singole istituzioni “democratiche” - partiti, parlamento, magistratura - ma dell’intero sistema politico.” Luigi Marco Bassani          Storico “Il pregevolissimo libro di Alessio Morosin stende la democrazia sul tavolo anatomico della riflessione filosofico-giuridica.” Francesco Mario Agnoli Magistrato “Il libro di Morosin ‘racconta’ la democrazia con la passione di chi ci crede. La visione ‘non partisan’ dà al saggio la solidità di una piattaforma d’indiscutibile valore.” Guido Moltedo       Scrittore Indice Prefazione Introduzione   ISBN:9788854951754 Collana: Scienze politiche Autore: Alessio Morosin Prefazione: Luigi Marco Bassani Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Storia dell'istruzione elementare a Villa Cadè di Reggio Emilia (1948-1958)

Storia dell'istruzione elementare a Villa Cadè di Reggio Emilia (1948-1958)

€ 20,00

Il volume presenta uno spaccato di vita scolastica dell’immediato secondo dopoguerra in un territorio, Reggio Emilia, stremato, come la nazione intera, dal conflitto mondiale appena concluso, ma pronto a cogliere le trasformazioni che stavano avvenendo grazie alla ripresa dell’economia. Questa ricerca, basata su fonti orali, confronta e sviluppa con altre fonti i contenuti delle testimonianze di dodici ex alunni della scuola elementare di Villa Cadè, in una ricostruzione del passato ricca di significati che valorizza aspetti quali il vissuto personale, la soggettività, la dialogicità, la memoria. La presente edizione, approfondendo aspetti metodologici e teorici, aiuta e rafforza la comprensione del percorso di ricerca svolto dallo storico. Il tema della relazione tra compagni e l’aspetto della socialità della scuola richiamano riferimenti al gioco in età scolare, per le implicazioni che l’attività ludica riveste nello sviluppo sociale ed affettivo del bambino. Accanto alla conoscenza di modi di vita, eventi, tradizioni, decisioni e valori, il testo permette di afferrare il senso delle dinamiche all’interno del microcosmo di una scuola elementare di tanti anni fa, stimolando la riflessione sugli elementi attivi ed evolutivi delle odierne pratiche educative. Federica Artioli si occupa di formazione continua presso l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Reggio Emilia ed è responsabile della Struttura per la Formazione ECM del Provider Spallanzani. È co-autrice di pubblicazioni su temi socio-educativi (“Quando lo storico ascolta”, in «Ho fiducia in loro». Il diritto di bambini e adolescenti di essere ascoltati e di partecipare nell’intreccio delle generazioni, Carocci, 2017), inerenti la formazione (“Autobiografia e apprendimento in tirocinio” in Ambienti narrativi, territori di cura e formazione, FrancoAngeli, 2016), la gestione del Sistema Qualità in ambito sanitario e di approfondimenti in ambito storico-pedagogico. Indice Saggio Introduttivo di Nicola S. Barbieri ISBN: 9788854951686 Collana: Scienze dell'educazione Autrice: Federica Artioli Edizione: 2019 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La linguistica moderna nella pratica didattica: dalla riflessione alle competenze

La linguistica moderna nella pratica didattica: dalla riflessione alle competenze

€ 18,00

Il volume raccoglie contributi di docenti universitari e della Scuola Secondaria desiderosi di instaurare un proficuo dialogo tra la ricerca e l’insegnamento delle lingue a scuola. Sono affrontati, così, temi chiave per la didattica: dalla discussione su argomenti classici come le “parti del discorso”, all’illustrazione di metodi per insegnare a scrivere; da analisi di pragmatica di testi latini alla riflessione sui dati di acquisizione dell’italiano L2; dalla proposta di moduli di linguistica comparata all’illustrazione di metodi moderni per l’apprendimento del lessico all’università. Il volume contiene anche riflessioni sulla comprensione del testo negli alunni sordi e proposte di insegnamento del latino in contesti non canonici (la Scuola Secondaria di Primo Grado e la scuola americana). Non mancano, infine, disamine attuali sulla riflessione linguistica nella classe plurilingue.   Sabrina Bertollo e Guido Cavallo sono dottori di ricerca in Linguistica e hanno esperienza pluriennale di docenza universitaria nei corsi di Lingue e Mediazione Linguistica. All’Università di Padova hanno organizzato tre edizioni del convegno internazionale “Linguistica e Didattica”, patrocinate dall’ateneo patavino e dall’USR Veneto. Per lo stesso ateneo propongono corsi di didattica della grammatica per la formazione e l’aggiornamento dei docenti.   Indice Introduzione ISBN: 9788854950344 Collana: Glottologia, Linguistica, Lingue e letterature straniere Curatori: Sabrina Bertollo, Guido Cavallo Edizione 2019 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello