0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Scienze filologico-letterarie

Alfabeto italiano castellano

Alfabeto italiano castellano

€ 60,00

El Alfabeto italiano castellano fue editado por primera vez en 1793 e incluido en el T. IV y último del Diccionario castellano (1786-1793), obra del jesuita E. Terreros y Pando (Trucíos 1707- Forlì 1782), el mejor lexicógrafo español del siglo XVIII. La edición presentó numerosas dificultades debido a que sus editores, compañeros de la Orden, tuvieron que reconstruirla con los materiales incompletos que el P. Terreros había dejado a su muerte. La presente edición, que constituye un importante aporte a la recuperación de la tradición lexicográfica italoespañola, se ha llevado a cabo digitalmente, subsanando, a partir de la exacta reconstrucción del orden alfabético, desajustes e imperfecciones formales de diferente tipo. Félix San Vicente, catedrático de Lengua española en la Universidad de Bolonia, director del Centro Interuniversitario di Ricerca sulla Storia degli Insegnamenti Linguistici (CIRSIL), miembro correspondiente de la Accademia delle Scienze de Bolonia, es responsable de numerosos proyectos y congresos, plasmados en importantes resultados para la historia de la metalexicografía, de la gramaticografía y de la descripción contrastiva entre el español y el italiano: Textos fundamentales de la lexicografía italoespañola (3 vols.) (2008-2010), GREIT Gramatica de referencia de español para italófonos (3 vols.) (2013-2015), Oraliter, Formas de la comunicación presencial y a distancia (2018) y Gramma.Grammatica della lingua spagnola (2021). Índice Prefazione di Claudio Marazzini Presidente dell'Accademia della Crusca ISBN: 9788854954311 Collana: EPIGRAMA Autore: Esteban de Terreros y Pancho Curatore: Félix San Vicente Edizione 2021 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

60,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Alessandro Magno nel Veneto medievale e dintorni

Alessandro Magno nel Veneto medievale e dintorni

€ 28,00

 Come in generale per le lingue e le culture medievali, anche per le storie di Alessandro il Veneto è stato un luogo importante di incontro e di interesse, di riuso e di elaborazione di testi sulle vicende del Macedone in direzione plurilinguistica e polimorfa. Sono situazioni e pratiche riconoscibili nella confezione e nella circolazione di manoscritti del Roman, nel rinvenimento di tracce e frammenti alessandrini, nelle citazioni dei trovatori operanti nel Veneto e in Italia, nei poemi francoitaliani e nella feconda produzione di volgarizzamenti in prosa e di poemi in versi sulle storie di Alessandro. Nel Veneto, e più latamente in Italia, non si è sviluppata una tradizione di volgarizzamenti ‘orizzontali’ del Roman d’Alexandre, derivanti cioè dal testo francese, come avviene per le avventure dei cavalieri arturiani e di Tristano, il Roman è diffuso nella lingua originale, mentre è preminente lo sviluppo di una tradizione di volgarizzamenti “verticali” e di rifacimenti basati sui testi mediolatini dell’Historia de preliis. Con integrazioni e innovazioni, il volume raccoglie gli interventi presentati al convegno svoltosi nel maggio del 2015 a Padova presso l’Accademia Galileiana con il sostegno e il patrocinio dell’Università e del Dipartimento di Studi linguistici e letterari. È dedicato allo studio della presenza di Alessandro nei testi letterari, sia latini che romanzi, circolanti in primis nel Veneto medievale ma anche, con allargamenti di prospettiva a ‘dintorni’ geografici e culturali, in Italia ed Europa. Una prima sezione, avviata da un saggio di Corrado Bologna, riguarda i volgarizzamenti e i poemi italiani (Alessandro Magno della Marciana, Istoria di Alessandro Magno di Domenico Scolari, Libro del Nascimento, Alessandro Magno in rima e l’Alexandreida dello Pseudo-Jacopo Di Carlo). Nella seconda parte sono trattati aspetti di carattere ecdotico relativi all’Alexandre del Correr, allo spagnolo Libro de Alexandre e ai collegamenti tra i due testi. Nel terzo gruppo è esaminata l’Alessandreide di Gautier de Châtillon dal punto di vista dei ‘lettori’ e imitatori, specie veneti, e successivamente l’attenzione è rivolta alla fortuna europea, da Padova all’Europa e viceversa, di due epitaffi su Alessandro dell’Historia de preliis. Infine la quarta parte analizza le manifestazioni di dolore per la scomparsa di Alessandro nella Mort Alixandre e le forme di gioco e di rituali di corte coinvolgenti Alessandro (Les Faicts et les Conquestes d’Alexandre le Grand di J. Wauquelin e il Livre du Chevalier Errant di Tommaso di Saluzzo).   Indice Introduzione ISBN: 9788854951495 Collana: Romanistica Patavina 18 Curatore: Gianfelice Peron Edizione 2021 Stato: disponibile

Aggiungi al carrello

28,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Teatro, prácticas y artes performativas del testimonio y de la memoria

Teatro, prácticas y artes performativas del testimonio y de la memoria

€ 32,00

Este volumen, que la colección Lingue Linguaggi Politica acoge, se propone insistir en el testimonio y en la memoria, en sus modos de construcción y de puesta en escena en los países del Cono Sur (en Argentina, Chile y Uruguay) desde las postdictaduras de los años ochenta. A partir de las inmediatas democracias, el teatro –y sus nuevas manifestaciones dramáticas y escénicas (el teatro de lo real, el biodrama, el performativo, documental, liminal, etc.)–, a través de la multiplicidad de sus evoluciones, ha seguido siendo –como siempre recuerda Jorge Dubatti– la “caja de resonancia para aquel período terrible, la memoria de aquel horror”. El volumen desarrolla, con perspectivas multidisciplinarias, dimensiones ontológicas y estéticas de las formas teatral-narrativas y performativas, y de las prácticas emergentes como manifestaciones, actos, eventos en vivo, espectacularizaciones (marchas, escraches…). El estudio de la naturaleza performativa del testimonio y de la memoria se extiende a las artes visuales y a acciones socio-creativas que tienen lugar en museos y otros espacios como la ciudad misma, y que involucran soportes de varios formatos (fotografía, pintura, objetos, grabaciones, audiovisuales, etc.), gracias también a las artes digitales que acentúan el carácter eminentemente interactivo y participativo de las instalaciones. Antonella Cancellier es profesora catedrática de Lengua, lingüística y traducción española, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali. María Amalia Barchiesi es profesora titular de Lengua, lingüística y traducción española, Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Studi Umanistici: lingue, mediazione, storia, lettere e filosofia. Índice Premisa Il libro è scaricabile gratuitamente ISBN: 9788854953444 Collana: lingue, linguaggi, politica 3 Curatori: Antonella Cancellier y María Amalia Barchiesi Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

32,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Nel nome dei Malavoglia

Nel nome dei Malavoglia

€ 18,00

Il fitto reticolo di nomi e nomignoli, spesso accavallati uno sull’altro addosso ad uno stesso personaggio, è forse uno degli aspetti più sconcertanti dei Malavoglia: una «confusione» (nelle parole di Verga stesso) frutto in realtà di un metodo accuratissimo. Questo libro cerca di dipanare l’onomastica del romanzo indagandone le calibrature organiche, i singoli bagliori e le deliberate opacità. Sulla base dei materiali preparatori dell’opera, viene anche proposta per la prima volta un’analisi genetica dei nomi dei Malavoglia, che furono oggetto di continui e profondi ripensamenti; un lavorio che da solo è dimostrazione di quanto per Verga il battesimo dei personaggi fosse uno dei passi più delicati, e perciò decisivi, per dar corpo al sottile paradosso che regge la sua estetica: ciò che lui chiamava «l’illusione completa della realtà».   Carlo Cenini ha conseguito nel 2009 il dottorato di ricerca in Scienze linguistiche, filologiche e letterarie all’Università di Padova con una tesi sull’edizione critica delle Rime in lingua rustica padovana di Magagnò, Menon e Begotto. Ha collaborato al Vocabolario del Pavano (Padova, 2012) ed è autore di svariati articoli sulla letteratura pavana e sulla narrativa moderna e contemporanea. Indice Premessa Recensione di Ginevra Amadio per Treccani online - 24 maggio 2021 ISBN: 9788854953178 Collana: Romanistica Patavina, 16 Autore: Carlo Cenini Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

18,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Osservationi della lingua castigliana

Osservationi della lingua castigliana

€ 35,00

Las Osservationi della lingua castigliana de Giovanni Miranda, publicadas en Venecia en 1566 por Gabriele Giolito, constituyen un hito en la historia de la gramática española para extranjeros. Heredero ecléctico de la tradición gramatical anterior, Miranda consigue renovar la gramática para extranjeros con un texto en el que descuellan la abundancia de ejemplos y la decidida orientación didáctica, patente en la presentación de los paradigmas y en el detalle de las explicaciones contrastivas. Esta edición crítica se basa en la príncipe de 1566, dando cuenta en el aparato crítico de las variantes aportadas en la segunda edición de 1583 y en la tercera de 1622. El estudio introductorio y las notas contextualizan detalladamente la obra en relación con su canon gramatical y con las fuentes gramaticales y literarias no declaradas por su autor.   Carmen Castillo Peña es profesora titular de Lengua Española en la Universidad de Padua. Junto a Félix San Vicente, dirige el proyecto Epigrama (Español para Italianos Gramáticas Antiguas), dedicado a las ediciones digitales (www.epigrama.eu) e impresas de textos gramaticales fundamentales para la reconstrucción de la tradición gramatical del español en Italia. Se ha ocupado de lexicografía teórica, de historia de la lexicografía y de historia de la gramática.   Indice Estratto dall'Introduzione ISBN: 9788867879090 Collana: EPIGRAMA, 2 Curatore: Carmen Castillo Peña Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

35,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il sonetto continuo

Il sonetto continuo

€ 20,00

Il sonetto nella sua lunga storia si è adattato a qualsiasi argomento, contesto e forma. Non solo simplex come l’ha definito Antonio da Tempo, ma anche rinterzato, caudato, doppio, anacreontico; non solo endecasillabi ma (anche) settenari e persino quinari. In ogni caso sempre eclettico, polimorfo, sempre riconoscibile ma sempre diverso. Questo libro racconta la storia inedita di una forma speciale, il sonetto continuo, così chiamato perché le rime dei primi versi continuano sino alla fine, ignorando pour cause la regola della variazione tra quartine e terzine, tra fronte e sirma. Da qui altre stranezze, eccezioni, virtuosismi che ne caratterizzano la lingua e lo stile, e ne decidono spesso gli argomenti, i nuclei tematici e l’organizzazione del discorso. Attraverso la lettura ravvicinata di singoli testi esemplari, alternata all’interpretazione complessiva dei dati, il libro individua varianti e invarianti, distingue filiere, evidenzia denominatori comuni, riflette criticamente su un corpus di oltre 150 sonetti raccolti in otto secoli di storia poetica nazionale, dalle prime realizzazioni duecentesche fino alla stretta contemporaneità.   Sara Moccia (Napoli, 1994) si è formata alla Sapienza di Roma e all’Università di Padova, dove attualmente svolge un dottorato di ricerca in Scienze Linguistiche, Filologiche e Letterarie. Indice Introduzione ISBN: 9788854952430 Collana: Romanistica Patavina 17 Autore: Sara Moccia Edizione 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
I linguaggi della comunicazione politica

I linguaggi della comunicazione politica

€ 32,00

Questo volume, il secondo della collana Lingue Linguaggi Politica, raccoglie gli interventi presentati al III Convegno Internazionale “Lingue, Linguaggi e Politica”, dal titolo “Lingue e comunicazione politica nella globalizzazione” (Università di Macerata), che ha visto coinvolti non solo studiosi delle diverse lingue e culture ma anche esperti sulla comunicazione politica. Il punto focale, che è stato il processo della globalizzazione negli ultimi venti anni, ha permesso di confrontare proficuamente, da una prospettiva semiotica, retorica, pragmatica, narrativa, massmediologica e linguistica, la comunicazione politica, e gli ambiti disciplinari affini, in diverse realtà culturali e linguistiche. Il volume si articola in tre sezioni, la prima è incentrata sui linguaggi ibridi della comunicazione politica nell’era globale: sulle strategie e modalità narrative più recenti, sui linguaggi dei nuovi dispositivi sincretici nonché sugli effetti emotivi del discorso politico odierno; la seconda si sofferma ad analizzare il discorso politico totalitario e populista nella letteratura, nel discorso giornalistico e nel diritto. Infine, la terza parte si concentra sulla comunicazione politica e le politiche linguistiche, in bilico tra frontiere e globalizzazione. Mathilde Anquetil è ricercatrice di Lingua, linguistica e traduzione francese, Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Scienze Politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali. Maria Amalia Barchiesi è professoressa associata di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Studi Umanistici: lingue, mediazione, storia, lettere, filosofia. Antonella Cancellier è professoressa ordinaria di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali. Armando Francesconi, è professore associato di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università degli Studi di Macerata, Dipartimento di Studi Umanistici: lingue, mediazione, storia, lettere, filosofia. Indice Premessa ISBN:9788854950863 Collana: lingue, linguaggi, politica Curatori: Mathilde Anquetil, Maria Amalia Barchiesi Antonella Cancellier, Armando Francesconi Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

32,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Lingue, linguaggi e politica

Lingue, linguaggi e politica

€ 32,00

Questo volume, che inaugura la nuova collana Lingue Linguaggi Politica e le dà il nome, raccoglie gli interventi presentati al convegno internazionale “Lingue, linguaggi e politica” (Università di Padova) che ha visto coinvolti studiosi non solo delle diverse lingue e culture ma anche di ambiti eterogenei. Il carattere multidisciplinare e interdisciplinare ha permesso di tracciare un quadro complesso e sfaccettato del rapporto fra la lingua/le lingue, i linguaggi e la politica, teso a declinare e ad avvicinare paesi, lingue, discipline e settori. I contributi presentano spunti di riflessione teorica ma ugualmente analizzano casi di studio anche in prospettiva comparatistica, diacronica e sincronica. A partire dal “discorso” politico si muovono tra l’argomentazione, le modalità discorsive e retoriche, il lessico, la fraseologia, l’ermeneutica della traduzione, l’informazione, il linguaggio in situazioni di conflitto, la satira, le politiche linguistiche, le questioni di genere; si intrecciano con le nuove forme della comunicazione, con i codici narrativi e le strategie di rappresentazione nell’arte, nella letteratura, nel cinema e nel teatro, con l’etica e l’estetica. Antonella Cancellier è professoressa ordinaria di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali. Alessia Cassani è professoressa associata di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali. Luisa A. Messina Fajardo è professoressa associata di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università degli Studi di Roma Tre, Dipartimento di Scienze Politiche. Giovanna Scocozza è professoressa associata di Lingua, linguistica e traduzione spagnola, Università per Stranieri di Perugia, Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. Dagmar Winkler è docente di Lingua, linguistica e traduzione tedesca, Università degli Studi di Padova, Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali. Indice Presentazione ISBN:9788854950856 Collana: lingue, linguaggi, politica Curatori: Antonella Cancellier, Alessia Cassani, Luisa A. Messina Fajardo Giovanna Scocozza, Dagmar Winkler Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

32,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
La felicidad de los museos

La felicidad de los museos

€ 20,00

El museo tradicional, en calidad de paradigma de la cultura occidental, dejó en la obra literaria de Julio Cortázar improntas indelebles, principalmente, a partir de un prolífico periodo transcurrido en Italia. Examinaremos, primordialmente, su obra en un preciso lugar y en un periodo específico: entre los años 1953 y 1954, cuando el escritor pudo asimilar el sistema textual de los museos italianos que visitó asiduamente durante su estadía en dicho país, siempre en búsqueda de nuevos sistemas semióticos que pudieran extralimitar los bordes tradicionales de su literatura. Roma, Nápoles, Perugia, Asís, Orvieto, Arezzo, Siena, San Gimignano, Florencia, Rávena, Ferrara, Boloña, Pisa, Lucca, Prato, Siena, Venecia, Mantua, Verona, Padua y Milán, son las ciudades a las que Cortázar literalmente se ‘lanza’ en búsqueda no solo de sus obras de arte predilectas o de sus pintores preferidos, sino también para capturar el secreto genius loci de dichas localidades. Nuestra intención es, por lo tanto, conducir al lector por esas mismas salas de museos que recorrió minuciosamente el escritor argentino e iluminar los cuadros, estatuas, frescos, que particularmente lo sobrecogieron, de los cuales nos proporciona implícita o explícitamente en su producción literaria un análisis pormenorizado. María Amalia Barchiesi es profesora titular de Lingüística y traducción (lengua española) en la Universidad de Macerata (Dipartimento di Studi Umanistici: lingue, mediazione, storia, lettere, filosofia). Índice Presentación Introducción ISBN: 9788854952164 Collana: Lince-o. Saperi Nomadi 4 Autore: María Amalia Barchiesi Edizione: 2020 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello