0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Scienze psicologiche

Etnicità e potere

Etnicità e potere

€ 17,00

ISBN:8871780574 Collana: Collana di Antropologia Autore: Chiozzi P. Edizione 1986 Stato: Fuori Catalogo  

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Processi partecipativi e sviluppo sostenibile

Processi partecipativi e sviluppo sostenibile

€ 20,00

Il volume pone l'accento sui processi partecipativi nei contesti locali e su come bisogna governare la partecipazione attraverso strumenti adeguati che permettano il coinvolgimento di tutti gli attori sociali presenti nel territorio interessato. Il libro propone un approfondimento su temi antropologici, psicologici, sociali ed economici nella consapevolezza della complessità dell'argomento e della necessità di pensare ai fenomeni da più punti di vista, adottando un atteggiamento epistemologico pluralista e pragmatico. Sono affrontate tematiche legate ai concetti di territorio, interazioni e reti, sicurezza sociale, salute mentale, cultura, pari opportunità, identità di genere, cooperazione internazionale, decrescita e beni relazionali svincolate da una logica strettamente economicistica e dalla cultura dell'assistenza, in un'ottica tesa verso l'innovazione e i saperi locali, e contro la desertificazione culturale di ogni territorio. I Curatori:Marco D'Alema, psichiatra e psicoterapeuta. Ha coordinato il progetto C.C.M. 'Percorsi di ricerca, promozione e tutela della salute mentale in Italia oggi', il Tavolo Nazionale di lavoro sull'autismo e il gruppo che ha redatto le 'Linee di indirizzo nazionale per la salute mentale'. Ha contribuito a fondare numerose realtà associative per favorire la partecipazione dei cittadini nella promozione della salute e dello sviluppo di comunità. Giuseppe Licari, antropologo, direttore della rivista «Narrare i Gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana», Padova University Press. Ha pubblicato per i tipi della CLEUP 'Antropologia Urbana. Il caso dei Contratti di Quartiere' (2006); 'Sviluppo locale partecipato e sostenibile' (2006, in collaborazione); 'Il Mito. Una rilettura antropologica' (2008); 'L'onore e il rispetto' (2009). Numerosi articoli sono apparsi in riviste scientifiche nazionali e internazionali assieme a vari contributi in libri collettanei.Paolo Cori è presidente dell'Associazione Novagorà Onlus. Psichiatra, psicoterapeuta. Responsabile del Centro Diurno di Frascati (AUSL Roma H/1), è coordinatore dei Centri Diurni della AUSL Roma H. Da numerosi anni si occupa di riabilitazione psicosociale, inserimento lavorativo, inclusione e integrazione sociale dei soggetti con disagio psico-sociale. ISBN:9788861294967Collana: Collana di Antropologia Autore: D´Alema M.-Licari G.- Cori P. Edizione 2010Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

20,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Livin with the Diola of Mof Evvì

Livin with the Diola of Mof Evvì

€ 17,00

ISBN:9788861293458 Collana: Collana di Antropologia Autore: Palmeri Paolo Edizione 2009 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

17,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
L'onore e il rispetto.

L'onore e il rispetto.

€ 10,00

ISBN:9788861292086 Collana: Collana di Antropologia Autore: Licari Giuseppe Edizione 2008 Stato: Fuori Catalogo  

Aggiungi al carrello

10,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Tra i Diola del Mof Evvì

Tra i Diola del Mof Evvì

€ 16,00

Questo libro rappresenta l'appassionato resoconto di un antropologo alle prese con le sue prime ´difficoltà´ di terreno. L'isolamento prolungato in una comunità sperduta nelle mangrovie del fiume Casamance in Senegal porta l'autore a mettersi radicalmente in discussione per trovare un terreno comune per confrontarsi con gli altri, tutti quelli che gli stanno attorno. Vivere tra i Diola del Mof Evvi vuol dire non aver spazio per una propria privacy, vuol dire condividere costantemente le proprie emozioni fatte di entusiasmi ma anche di frustrazioni e incomprensioni. Il libro segue un percorso che, a poco a poco, porta il lettore dentro la cultura diola fornendogli gli strumenti adeguati per scoprire le connessioni e i nessi essenziali del patrimonio di conoscenze del mondo diola. Un popolo ancora oggi radicalmente attaccato alle proprie tradizioni e che volutamente si mantiene ai margini della modernizzazione, quasi che la globalizzazione e lo stesso dominio dell'Occidente fossero, in questo caso, mantenuti ai confini del Mof Evvi. Paolo Palmeri è ordinario di Antropologia dello sviluppo all´Università di Roma La Sapienza. Ha svolto ricerche in Africa occidentale, orientale e nel sud est asiatico. I suoi lavori sono stati pubblicati in Italia, Francia e Stati Uniti. Tra i più significativi: ´La civiltà tra i primitivi´ (1980); ´Uomini e società del Sahel´ (1985); ´Etiopia: l´ultimo socialismo africano´ (2000); ´Aids and Land Tenure in Africa´ (2006). ISBN:9788861292017 Collana: Collana di Antropologia Autore: Palmeri Paolo Edizione 2008 Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il mito

Il mito

€ 14,00

Il volume propone una rilettura del mito in chiave antropologica. Attraverso un'analisi degli aspetti etimologici, storici e strutturali, riconoscendo il debito al contributo di Lévi-Strauss nello studio del mito, l'Autore propone alcune questioni ancora oggi in parte irrisolte relative alla nascita del conflitto tra maschile e femminile, alle differenze di genere e al ruolo innovativo della polis nell'articolazione dei ruoli sociali e culturali. A questi ed altri interrogativi il volume risponde suggerendo un'ipotesi accattivante nonché originale: la costruzione di un mito secondo una logica strumentale, configurata come una verità narrativa, che l'uomo della Grecia classica ha strutturato per tenere a freno gli istinti delle donne che non accettarono di buon grado la migrazione del potere dal regno delle Madri a quello dell'Eroe prima e dei Padri successivamente. Per millenni, infatti, una composizione articolata di miti ha proposto un paradigma culturale e organizzativo che contrappone il mondo della Grande Madre Cibele al mondo dell'Eroe.L'obiettivo di questo lavoro è quello di far emergere il ruolo svolto dal mito nella genesi di una cultura e nella distinzione e distribuzione dei ruoli fra i generi, le generazioni, i pari, l'uomo e il suo contesto di vita. Giuseppe Licari collabora alla cattedra di Antropologia dello sviluppo della Facoltà di Scienze delle Comunicazioni dell'Università di Roma ´La Sapienza´. I suoi principali interessi di ricerca vertono sul rapporto tra cultura, biografia e convivenze interculturali nelle realtà urbane. E' stato tra i promotori del LARA (Laboratorio di Ricerche Antropologiche per l'Analisi del Territorio) del Dipartimento di Sociologia e Comunicazione dell'Università di Roma ´La Sapienza´. E' direttore della rivista «Narrare i Gruppi» (www.narrareigruppi.it). Tra i suoi lavori ricordiamo: ´Antropologia urbana. Il caso dei Contratti di Quartiere´ (2006), ´Sviluppo locale partecipato e sostenibile´ (2006).ISBN:9788861290785Collana: Collana di Antropologia Autore: Licari Giuseppe Edizione 2008Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

14,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Il Pigneto: un'etnografia fuori le mura di Roma

Il Pigneto: un'etnografia fuori le mura di Roma

€ 15,00

Al centro della ricerca le trasformazioni che hanno investito il territorio del Pigneto, una prima periferia romana, negli ultimi decenni e che rispecchiano determinati processi, quali la modificazione del tessuto sociale causata dall´arrivo di numerosi flussi migratori, le problematiche legate a un sentimento identitario in continua re-invenzione, la trasformazione dei luoghi del quotidiano in non-luoghi. Attraverso le parole dei residenti vengono tracciati i profili delle rappresentazioni del territorio che i diversi attori sociali producono quotidianamente. L´attività politica di base, che negli anni ´70 a Roma ha avuto nel Pigneto un suo teatro privilegiato, è ampiamente indagata attraverso lo studio delle dinamiche relazionali che caratterizzano il Comitato di Quartiere del Pigneto. In termini antropologici, che ruolo ha oggi una località come quella del Pigneto negli schemi dei flussi culturali globali? Esiste ancora una relazione tra antropologia e località? Giuseppe Scandurra, antropologo, è dottore di ricerca in Antropologia Culturale nel Dipartimento di Scienze dell´Educazione dell´Università degli Studi di Bologna. Ha scritto numerosi saggi di antropologia urbana e, nel 2006, per la casa editrice Guaraldi, ha pubblicato la monografia ´Tutti a casa. Il Carracci: un´etnografia dei senza fissa dimora a Bologna´. ISBN:9788861290662 Collana: Collana di Antropologia Autore: Scandurra Giuseppe Edizione 2007 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
Figli dei diritti umani

Figli dei diritti umani

€ 15,00

Quasi a commemorare degnamente il bicentenario della Dichiarazione francese dei Diritti dell´Uomo e del Cittadino, l´ONU ha elaborato, nel 1989, la Convenzione Internazionale dei Diritti dell´Infanzia, riprendendo quei presupposti che sin dalla sua costituzione aveva posto a fondamento della dignità dell´essere umano. La Convenzione nel giro di pochi anni è stata ratificata dalla quasi totalità delle Nazioni, con l´obiettivo di universalizzare una concezione innovativa dell´età infantile e giovanile statuendo che il cosiddetto ´minore´ sia da considerare già un cittadino nella pienezza dei suoi diritti, che passano così da quel che erano stati in passato - diritti minorili - a quel che dovranno diventare in futuro - i diritti per i minori. I cinque contributi del volume evidenziano, da punti di vista complementari, la rivoluzione culturale attivata con lo statuto del 1989 e vogliono raffigurare il ´nuovo minore´ che i diritti umani hanno generato. L´immagine che emerge dalla lettura antropologica delinea le modificazioni del concetto di minore età, così come si era stratificato lungo la storia della civiltà occidentale sino a fargli assumere, nella post-modernità innovative valenze riguardo al riconoscimento d´un superiore interesse del bambino che deve essergli garantito e tutelato di fronte a qualunque altro diritto concorrente degli adulti. Il volume contiene contributi di Gualtiero Harrison, Anna Maria Picarelli, Teresa Biondi, Sonia Bedogni e Francesca Russo. Sommario: Il diritto umano all´inculturaziome dalla parte dei minori (Gualtiero Harrison). - La convenzione internazionale sui diritti dell´infanzia (Anna Maria Picarelli). - Per un´antropologia dell´educazione. I diritti umani nella rappresentazione audiovisiva (Teresa Biondi). - A diciasette anni dalla convenzione ONU bilanci e riflessioni sullo stato di salute dell´infanzia e dell´adolescenza (Sonia Bedogni). - In un mondo a misura dei bambini (Francesca Russo)Gualtiero Harrison è antropologo culturale ed etnologo delle culture del Mediterraneo. Insegna Fondamenti antropologici dei diritti umani nel Corso di laurea magistrale in Teorie e tecniche della ricerca antropologica sulla contemporaneità all´Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. ISBN:9788861290655Collana: Collana di Antropologia Autore: a cura di Harrison Gualtiero Edizione 2007Stato: Disponibile

Aggiungi al carrello

15,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello
´Toubab´ e ´Vu cumprà´

´Toubab´ e ´Vu cumprà´

€ 16,00

Focalizzando l´attenzione sui processi attraverso cui i migranti mantengono reti transnazionali, l´antropologia ha assunto oggi un ruolo cruciale nel descrivere le diverse sfaccettature di un fenomeno complesso quale quello migratorio. Termini come toubab, usato per designare gli europei in Senegal, o vu cumprà , utilizzato per denigrare gli ambulanti in Italia, evocano una serie di rappresentazioni nei confronti delle migrazioni senegalesi. Il libro presenta un´etnografia finalizzata proprio ad analizzare tali migrazioni da diversi punti di vista: le rappresentazioni e l´organizzazione dei migranti in diversi contesti di emigrazione, le esperienze degli operatori italiani, i quali partecipano alla costruzione, materiale e simbolica, dell´immigrazione a livello locale e le ambivalenti esperienze degli stessi migranti tra le società  di origine e di approdo. Bruno Riccio è ricercatore e docente di Antropologia culturale nella Facoltà  di Scienze della Formazione dell´Università  di Bologna. Si interessa di migrazioni, multiculturalismo e cooperazione decentrata. Ha pubblicato numerosi articoli in volumi collettivi e riviste internazionali. è membro di redazione dell´´Anthropological Journal on European Cultures´ e di ´afriche e orienti´, rivista per cui ha curato due dossier dedicati alle migrazioni africane in Italia. ISBN:9788861290648 Collana: Collana di Antropologia Autore: Riccio Bruno Edizione 2007 Stato: Disponibile  

Aggiungi al carrello

16,00

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello